Rassegna stampa etica

Gandolfini (Family Day): Regione Toscana fermi risoluzione su aborto domestico, proposta ideologica e pericolosa

ecografia feto“Siamo indignati e preoccupati per la proposta di risoluzione approvata dal Consiglio della Regione Toscana che intende portare la somministrazione di farmaci abortivi dentro le mura domestiche, di estendere il periodo in cui è possibile ricorrere all’aborto farmacologico e di limitare la presenza di obiettori tra il personale sanitario. Si tratta di proposte ancora più irricevibili in tempi di pandemia del Coronavirus, in cui medici e infermieri hanno riscoperto la vera vocazione delle loro professioni, tesa salvaguardare le vite di ogni età e condizione di salute”, così il presidente del Family Day, Massimo Gandolfini.

“Agitando in maniera strumentale l’emergenza legata alla pandemia, la maggioranza di centro-sinistra della Regione Toscana intende banalizzare ancora di più l’aborto, lasciando sempre più sole le donne davanti a questa scelta dolorosa, in contrasto con la stessa Legge 194. Facilitare e promuovere l’aborto casalingo significa infatti allontanare le ragazze che stanno vivendo una gravidanza difficile dai consultori e – soprattutto – dai Centri di Aiuto alla Vita, dove possono ricevere sicuramente un sostegno concreto per poter scegliere per la vita e non per la morte”, prosegue Gandolfini.

“Molto pericolosa per la salute delle donne è poi la proposta di estendere la tempistica limite dell’interruzione volontaria della gravidanza farmacologica fino alle nove settimane. Non meno grave è inoltre l’attacco al diritto all’obiezione di coscienza garantito dalla Costituzione italiana. Limitare il numero dei medici obiettori e ritirare l’accreditamento alle strutture che non praticano l’aborto è una scelta ideologica e priva di qualsiasi fondamento giuridico. Tra l’altro non esiste alcun problema legato all’accesso all’interruzione di gravidanza, visto che in tutto il territorio nazionale non esiste una sola donna che non sia riuscita a portare a termine un aborto nei tempi stabiliti dalla legge”, aggiunge Gandolfini.

“Sinistra e Cinque Stelle stanno quindi portando avanti un’iniziativa ingiusta, ideologica e mortifera in un momento in cui l’Italia avrebbe invece bisogno di una nuova spinta culturale in favore della vita e della natalità” afferma ancora il presidente del Family Day. “Allo stesso tempo, esprimiamo gratitudine e vicinanza ai consiglieri di opposizione, che si stanno battendo per impedire questo scempio giuridico e ideologico fatto sulla pelle delle donne in situazioni di fragilità. A questi esponenti del consiglio regionale va tutto il più concreto sostegno del Family Day nazionale e delle sue sedi della Toscana”, conclude Gandolfini.

Roma, 19 maggio 2020                                        Associazione Family Day – Difendiamo i Nostri Figli

Ufficio stampa 339 – 6172330


Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.