Newsletter ilcattolico.it

contact
La nostra newsletter ti consente di ricevere settimanalmente i nostri principali rilanci stampa,
le catechesi e tutti i momenti formativi e le campagne del sito.

Iscriviti, ti aspettiamo, clicca il link qui sotto per accedere alla pagina.

Nel 2007 in occasione del bicentenario della nascita di Giuseppe Garibaldi (1807-1882) sono state pubblicate numerose biografie sul personaggio. Di notevole interesse è certamente quella della professoressa inglese Lucy Riall, dal titolo accattivante: «Garibaldi. L'invenzione di un eroe», l'opera è stata riedita da Editori Laterza (2017)
 
Come riuscì il cristianesimo primitivo a svilupparsi fino a diventare la religione più diffusa dell'impero romano? Chi prestò ascolto alla «Buona Novella» e chi invece la ignorò? A queste domande e a tante altre risponde il sociologo delle religioni americano Rodney Stark in un saggio, «Le città di Dio.
 
Da qualche giorno i media nazionali e internazionali si stanno occupando della vicenda di Alfie Evans, il bambino inglese affetto da una malattia incurabile, per questo i medici dell'Alder Hey Hospital di Liverpool, vogliono «staccargli la spina» negandogli l'alimentazione e la respirazione artificiale. Caso o non caso, Alfie è una persona, un bambino, un figlio di genitori che bisogna rispettare sempre e comunque, a maggior ragione se è nelle sue condizioni.
 
L'ultimo libro inchiesta di Mario Giordano lo dedica a sua moglie Paola che lo sopporta e supporta da tanti anni per il suo intenso e difficile lavoro di giornalista. Dedicare un libro dura in eterno, sostiene Giordano. L'ultimo libro appena uscito è «Avvoltoi», con un sottotitolo abbastanza lungo e impegnativo: «L'Italia muore, loro si arricchiscono. Acqua, rifiuti, trasporti. Un disastro che ci svuota le tasche. Ecco chi ci guadagna». Sono vent'anni che Giordano scrive libri inchiesta sui difetti della nostra politica, denunciando gli sprechi del Palazzo, i costi esagerati, le spese folli delle Regioni, le auto blu, lo scandalo dei vitalizi, la moltiplicazione dei privilegi.
 
Il 3° capitolo del libro «A gloria di Dio», edizioni Lindau (2011) scritto dal sociologo americano Rodney Stark è dedicato alla caccia alle streghe in Europa. Il testo significativamente, ha come sottotitolo: «Come il cristianesimo ha prodotto le eresie, la scienza, la caccia alle streghe e la fine della schiavitù». I primi due argomenti li abbiamo affrontati nella 1a parte, ora trattiamo gli altri due.
 
Sono troppi gli storici, i sociologi, i giornalisti e tanti altri a imputare alla Religione certi aspetti tragici della storia, in ogni caso le negano qualunque ruolo positivo nelle vicende dell'umanità. Non tutti però, c'è un sociologo americano, Rodeney Stark che da tempo sta cercando di affermare una grande verità: «la religione ha svolto un ruolo importantissimo nel dirigere il corso della storia».
 

IL MASCHIO SELVATICO E LA CRISI MORALE

La cronaca quasi tutti i giorni ci consegna episodi di violenza, di morte, dove spesso chi paga le conseguenze sono le donne, ma non solo. Certamente descrivere l'ora presente non è facile, un decennio di crisi economica, insieme a quella sociale, sta distruggendo un intero Paese. Ma accanto a queste crisi, e forse all'origine di esse, c'è la crisi morale. Spesso si legge, che c'è una «crisi di valori», probabilmente l'uomo occidentale sta vivendo un vuoto morale.
 

ATTENTI AL SUD

Un interrogativo domina sui media nazionali e forse anche internazionali: perchè il Movimento 5Stelle ha fatto il «cappotto» nel Meridione d'Italia? Ha cercato di rispondere alla domanda Pino Aprile, noto saggista e storico pugliese nella trasmissione «Nemo», di Rai 2. Per il giornalista la vittoria grillina, è il risultato del malcontento e del forte rancore degli elettori meridionali nei confronti del sistema politico prima del centrodestra e dopo del centrosinistra che ha governato negli ultimi venticinque anni. Pertanto è inutile stupirsi o scandalizzarsi, i meridionali in questo momento avrebbero votato anche «Belzebù».
 

L'ITALIA MUORE DATEGLI L'ANTIFASCISMO

In questi giorni sui social gira un'immagine della regina Maria Antonietta con la scritta: «mia signora il popolo muore di fame...dategli l'antifascismo». Una foto che da sola rappresenta il momento attuale della politica della sinistra italiana. Infatti le ultime settimane prima del voto abbiamo assistito alla cagnara della sinistra che punta il dito sul pericolo fascista. Il momento più elevato si è registrato dopo la libera sparatoria dell'energumeno e solitario pistolero maceratese, che intendeva protestare per l'assassinio della povera Pamela.
 

CATENE PER CHI E' FEDELE A CRISTO

In questi giorni nel dibattito elettorale è entrato il tema del “fascismo e dell'antifascismo”. A sinistra il fascismo viene visto come un pericolo imminente, mentre per la destra, al massimo può essere affrontato come un tema storico.
 

PROMEMORIA PER LE ELEZIONI DEL 4 MARZO

Il contenuto di questo “foglietto” rispecchia opinioni personali che mi permetto di sottoporre all’esame dei “cinque” benevoli lettori; esse sono il risultato di cose viste e sentite, letture di giornali e di qualche libro, conversazioni e riflessioni varie fra amici, notizie attinte dal mio quaderno di appunti: ciò che, nell’approssimarsi delle elezioni, presumo mi dia la possibilità di scegliere e finalmente “giudicare” chi mi domanderà il voto magari con la classica lettera spedita al “caro amico”.
 

QUANTI SONO I VAMPIRI DALLE PENSIONI D'ORO

A rischio di passare per populista, presento, dopo aver letto, l'ultimo libro inchiesta di Mario Giordano,“Vampiri. Nuova inchiesta sulle pensioni d'oro”, edizioni Mondadori (2017). Leggere i libri di Mario Giordano fa male, ci viene il mal di fegato, lo dice lui stesso, però bisogna leggerli, hanno il pregio di avere una sintesi ben documentata delle spese folli e dagli sprechi di questo “Stato canaglia”, onnivoro, ben descritto dall'economista Piero Ostellino in un suo fortunato pamplhet di qualche anno fa.
 

L'EPOPEA DEI CRISTEROS IN MESSICO

Dopo la Rivoluzione Francese, quando la fede e la cultura cattolica di un popolo viene minacciata, schiacciata e perseguitata, quasi sempre capita che quel popolo reagisca e prenda le armi. Si è verificato con il popolo Vandeano; poi con tutte le insorgenze popolari cristiane e controrivoluzionarie che hanno preso le armi per combattere le armate francesi napoleoniche, fino alle rivolte dei Cristeros in Messico.
 
Non obbligato a rincorrere l'attualità, peraltro c'è chi lo fa anche per me, continuo a rimanere fedele ai miei studi storici per conoscere la vera Storia dell'Occidente.
 
La festa di San Giovanni Bosco, il santo dell'educazione per eccellenza, voglio ricordarla a modo mio, presentando un libro tutto salesiano, l'ho “catturato” nel solito outlet librario della città. Mi riferisco a “Memorie di una casa di rieducazione” del sacerdote Luigi Melesi, Don Bosco Edizioni (2016). Il testo è prefato niente di meno che dal Papa Paolo VI, che quando era arcivescovo di Milano, ha accompagnato e sostenuto il Centro Salesiano di Arese, vicino Milano.