Newsletter ilcattolico.it

contact
La nostra newsletter ti consente di ricevere settimanalmente i nostri principali rilanci stampa,
le catechesi e tutti i momenti formativi e le campagne del sito.

Iscriviti, ti aspettiamo, clicca il link qui sotto per accedere alla pagina.

In uno stato di diritto in cui si sostiene la “Responsabilità genitoriale”, come principio fecondo del Bene Comune, non si avoca a sé questo “legame” ma al più si attua una dimensione “suppletiva”, davanti allo sgomento delle parole dei genitori di ieri alle 16:45 ora italiana che pronunciano testualmente:

“.. dopo i risultati della recente risonanza magnetica muscolare, è stato ritenuto che i muscoli di Charlie si sono deteriorati ad un livello ampiamente irreversibile e, se anche il trattamento funzionasse, la sua qualità di vita non sarebbe ora quella che vorremmo per il nostro prezioso piccolo ragazzo”

 

Esemplare perché semplice

da Rouen
CHARLES DE PECHPEYROU

Dominique Lebrun era arcivescovo di Rouen da nemmeno un anno quando padre Jacques Hamel fu assassinato alla fine della messa che stava celebrando la mattina del 26 luglio 2016, nella chiesa di Saint-Étienne-du-Rouvray. Oggi, all’avvicinarsi del primo anniversario di questo drammatico evento, il presule si confida all’Osservatore Romano ricordando quanto sia rimasto in lui impresso il segno della morte "straordinaria" di questo "prete esemplare", la cui semplicità parla a tutti e fa di lui un prete universale. Inoltre, mentre la causa di beatificazione è stata avviata da tre mesi, Lebrun si rallegra della pace che regna intorno al ricordo dell’anziano sacerdote, “seminatore di pace”.

 

Unire ciò che è diviso

di BARTOLOMEO

All’ingresso della basilica di San Pietro a Roma, sopra la porta santa aperta dal Papa per le celebrazioni giubilari, una iscrizione nel marmo, che spesso passa inosservata ai pellegrini, dice in greco e in latino: «Per la riconciliazione di piena comunione tra le Chiese ortodossa e cattolica romana, in questa basilica vi fu un incontro di preghiera tra Papa Paolo VI e il Patriarca Atenagora I il 26 ottobre 1967». Di fatto, nel 1967 tra i due leader ci fu uno scambio di visite alle reciproche sedi. La visita di Atenagora a Roma fu dunque preceduta da una visita di Paolo VI al Phanar.
 

Il piccolo Charlie Gard torna nei pensieri e nelle preghiere di Papa Francesco. Bergoglio, spiega una nota diffusa in serata dal direttore della Sala Stampa vaticana, Greg Burke, «sta pregando per Charlie e per i suoi genitori e si sente particolarmente vicino a loro in questo momento di immensa sofferenza».
Continua su Vatican Insider
http://www.lastampa.it/2017/07/24/vaticaninsider/ita/vaticano/charlie-il-papa-prega-per-lui-e-per-i-genitori-in-questo-momentodi-immensa-sofferenza-5shS7emoc2F9LfRjJTRzHP/pagina.html
 
Così avevamo deciso e così deve essere.
Grazie anche al ritardo... non sfugge che gli esami clinici di questa settimana sono stati i primi da aprile: il che significa che si era dato il piccolo per spacciato già allora, e che questi tre mesi sono stati impiegati per una dura contesa giudiziaria, sfiancante e disumana, anziché per chiamare in causa, per tempo, i migliori specialisti mondiali di malattie mitocondriali.

".."Charlie aveva una possibilità concreta di migliorare", "ora non sapremo mai che cosa sarebbe accaduto se avesse ricevuto il trattamento" sperimentale negli Usa. Così Connie Yates, la madre di Charlie Gard. Il legale dei genitori ha annunciato all'Alta corte di Londra che essi rinunciano alla richiesta di portarlo negli Stati Uniti per le cure sperimentali. Charlie avrebbe potuto vivere una vita normale, ha detto ancora la madre, se fosse stato consentito prima alla famiglia di sottoporlo alle cure.
 
di Assuntina Morresi - fonte facebook

1. da Adnkronos: "Per il Great Ormond Street Hospital di Londra l'esito dell'ultima risonanza magnetica di CHARLIE Gard confermerebbe "una lettura molto triste" della situazione clinica del piccolo di 11 mesi affetto da una grave malattia rara. A riferirlo durante la seduta tecnica di ieri davanti all'Alta Corte inglese, convocata per discutere di questioni preliminari in vista dell'udienza decisiva di lunedì e martedì 24 e 25 luglio, è stata la rappresentante legale del Gosh, Katie Gollop, scatenando l'ira del papà di CHARLIE, Chris Gard, davanti alle lacrime della moglie Connie Yates. Gard ha usato parole dure verso il legale dell'ospedale (le avrebbe gridato "malvagia", secondo i media britannici) per aver reso pubbliche informazioni cliniche prima che venissero visionate dalla famiglia. Un concetto ribadito dal legale dei genitori, Grant Armstrong, che ha confermato il fatto che i Gard non avessero ancora avuto accesso al referto, arrivato poco prima dell'udienza. Tanto che il legale del Gosh si è visto costretto a scusarsi: "Mi dispiace molto - ha detto Gollop - Non intendevo provocare sconvolgimenti".
 

Martire di Desiderio, donna fatta Kerygma

“Il primo giorno della settimana, Maria  di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e  vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro. Corse allora e andò da  Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse  loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove  l’hanno posto!».
 Maria stava all’esterno, vicino al sepolcro, e  piangeva. Mentre piangeva, si chinò verso il sepolcro e vide due angeli  in bianche vesti, seduti l’uno dalla parte del capo e l’altro dei piedi,  dove era stato posto il corpo di Gesù. Ed essi le dissero:
 
"In conclusione, fratelli, tutto quello che è vero, nobile, giusto, puro, amabile, onorato, quello che è virtù e merita lode, tutto questo sia oggetto dei vostri pensieri.
Ciò che avete imparato, ricevuto, ascoltato e veduto in me, è quello che dovete fare.
E il Dio della pace sarà con voi"

Paolo
(Phil 4,8-9)
 

Angelus 23 luglio 2017

Alle ore 12 di oggi, il Santo Padre Francesco si è affacciato alla finestra dello studio nel Palazzo Apostolico Vaticano per recitare l’Angelus con i fedeli e i pellegrini convenuti in Piazza San Pietro.
 

QUANDO L'IDEOLOGIA DIVENTA ASSASSINA

Lo scrittore inglese Robert Conquest, ha definito il secolo scorso, peraltro dando il titolo ad un suo celebre libro: “Il Novecento, il secolo delle idee assassine”,  riferendosi in particolare al comunismo e al nazifascismo. Non ci poteva essere un titolo più appropriato. Leggendo il libro del suo connazionale, Jasper Becker, “La Rivoluzione della fame. Cina 1958-1962: la carestia segreta”, è evidente che i comunisti cinesi, guidati da Mao tze Tung, mettendo in pratica le loro scellerate idee, sono stati degli assassini. Becker nei diciassette capitoli del libro descrive i quattro anni di carestia voluta dai dirigenti maoisti. Si tratta di un atto deliberato di barbarie, che va posto sullo stesso piano dei massacri perpetrati da Hitler e da Stalin. Peraltro è un aspetto della Storia cinese, che ancora non è stato spiegato soprattutto al popolo cinese.
 

Estate, natura e san Bonaventura

Giancarlo Bregantini

Estate significa soprattutto godere della pienezza del sole e della radiosità della natura. Il mare, le montagne, le stelle, i temporali... Gioiosa è la famiglia quando, unita, sa godere di tutte queste cose belle. Amare Dio è mettersi alla ricerca di tutto ciò che parla di Lui e che avvicina a Lui. Nel Medioevo il «cercare Dio» dimostrava che ci sono le vie della ragione e le vie dello spirito per raggiungerlo. Da qui, la fonte e il criterio del credere. A ottocento anni dalla nascita di san Bonaventura da Bagnoregio (1217-1274), il frate autore della Legenda maior, è bello riprendere questo concetto.
 
Soleva dire San Camillo de Lellis “ servire i malati con il dovuto amorevole slancio, è come una madre assiste il suo unico figlio infermo”, mentre alle Istituzioni diciamo con l’opinione pubblica che il risparmio sociale va fatto in altri ambiti e non quello in cui l’anziano vive la malattia peggiore : la solitudine !