Il sacrificio dell’altare

il-sacrificio-_dell-altare.jpgNella grazia imminente della Settimana Santa consigliamo vivamente la lettura meditata di questo testo di Federico Suarez.
Non è un testo "tecnico", né per gli addetti ai lavori, ma per ogni fedele che vuole immergersi a piene mani nel mistero della fede da cui tutto deriva e in cui tutto converge.
La guida spirituale dell'autore nei misteri della Santa Messa è sicura e aiuta il fedele ad immergersi nel desiderio stesso dello Spirito Santo di conoscere con cuore di Scienza, con Intelletto, Sapienza e Pietà dove Dio vuole condurre il fedele e la Chiesa.

Solo una salda formazione liturgica aiuta la Chiesa a liberarsi dai pericoli ciclicamente frequenti di una fede celebrata superficialmente o da altra parte di esoterismo gnostico-rituale.
Solo una retta fede eucaristica libera il fedele da forme precettistiche o da altra parte sentimentalistiche.
Il cammino liturgico "sul sacrificio dell'altare", dunque, non è un optional, un dettaglio, ma la sostanza per comprendere Cristo e la Sua Passione per noi. Per comprendere l'amore del Padre e l'opera incessante di ri-creazione e di bellezza dello Spirito Santo.

Il cammino sul sacrificio del'altare ci immerge nella settimana santa in ogni periodo dell'anno e ci fa fare realmente Pasqua.
Il cammino sul sacrificio del'altare compie la Chiesa nel senso che la genera e la perfeziona.
Il cammino sul sacrificio del'altare trasfigura il fedele e lo rende sempre più simile a CoLui che tutto si è donato e che tutto costantemente dona.

La disciplina del rito della Messa è limpidamente spiegata attraverso un ininterrotto dialogo, intenso e famigliare, con la Sacra Scrittura e il Magistero della Chiesa, con i Padri, i santi di ogni tempo e gli autori di spiritualità che sul Sacrificio dell'altare hanno espresso le riflessioni più illuminanti.

Il testo edito da Edizioni Ares  è acquistabile anche on-line qui


L'Autore:

Federico Suárez

Cappellano della Casa Reale spagnola dal 1975, sacerdote dell'Opus Dei e storico, Federico Suárez Verdeguer è morto a Madrid il 1° gennaio 2005. Aveva 87 anni. Ha scritto molti libri di spiritualità, alcuni dei quali tradotti anche in italiano.

  Federico Suárez Verdeguer (Valencia, 1917 - Madrid, 2005) faceva parte dell'Opus Dei dal 1940 ed è stato ordinato sacerdote nel 1948. Ha dimostrato la sua fede con opere di servizio alla Chiesa, come aveva imparato da San Josemaría Escrivá, verso il quale ha sempre nutrito un profondo affetto filiale.

Dal giorno della sua ordinazione ha sviluppato un ampio lavoro sacerdotale, specialmente nell'ambito universitario come cappellano di alcune residenze universitarie promosse da persone dell' Opus Dei. Negli ultimi anni ha dedicato gran parte del suo lavoro pastorale alla predicazione di esercizi spirituali a ogni tipo di persone.

E' stato professore di Storia Spagnola Moderna e Contemporanea nell'Università di Santiago di Compostella dal 1948, e successivamente primo Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Navarra. Ha pubblicato più di 20 libri di ricerca storica.

Ha pubblicato anche diversi libri di spiritualità, tradotti in varie lingue. In italiano sono stati pubblicati dalle edizioni Ares "Maria di Nazaret", "Il sacrificio dell'altare" e "Giuseppe sposo di Maria".

E' stato nominato cappellano della Casa Reale spagnola nel 1975, incarico che ha mantenuto fino al giorno della morte. Hanno visitato la camera ardente il Re e la Regina, e la figlia Principessa Cristina, che hanno pregato davanti ai suoi resti mortali e hanno ricordato con emozione gli anni che Federico Suárez aveva trascorso molto vicino a tutti loro.

(Fonte Opus Dei)

Venerdì della XIX settimana delle ferie del Tempo Ordinario

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.