Essere piccoli

bimba-1Memoria di S. Massimiliano Maria Kolbe Dal Vangelo del giorno: Mt 18,1-5.10.12-14
"In verità io vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli. Perciò chiunque si farà piccolo come questo bambino, costui è il più grande nel regno dei cieli. E chi accoglierà un solo bambino come questo nel mio nome, accoglie me."

Erroneamente si confonde l'infanzia spirituale con l'infantilismo spirituale. Essere "infanti" per il Vangelo significa essere pienamente compiuti e adulti ma pienamente abbandonati nelle mani del Padre. Qui Dio ci chiama.
Inoltre si confonde l'essere piccoli del Vangelo come una questione anagrafica. Anche un anziano può essere "piccolo" per il Vangelo. Anzi. Anche un disabile adulto; anche un emarginato a causa del Vangelo. Persino un grave peccatore che riconosce veramente di essere schiacciato dalla propria miseria e dalle proprie scelte errate.
Pertanto "scandalizzare i piccoli" significa "incrinare o depauperare gravemente la fede".  Anche la comuità ecclesiale che "mette al bando i peccatori e gli scandalizzatori" e non il peccato cade nello "scandalo" e nel moralismo. Cade in una sorta sottile di "disprezzo dei piccoli". Che è tutt'altro che un cammino morale. Questo non significa che non bisogna essere duri, chiari e fare verità e chiamare il peccato peccato e lo scandalo scandalo. Persino l'atto estremo, e talvolta necessario, della scomunica dev'essere un atto di misericordia e di chiarezza in cui, tuttavia, non si cessa di pregare per la persona che ha rotto la comunione affinché torni alla comunione. La differenza tra cammino morale e moralistico è tutta qui. Chi fa un cammino morale non cessa, su questa terra, finché c'è possibilità di scelta, di coniugare verità e amore. Di pregare per quella persona - magari largamente peccatrice - per cui Cristo è morto e risorto. Questo fa di Lui un discepolo "infante" di Cristo perché consegna quella persona, quella storia, quel cammino "disumano" nelle mani del Padre.

Santi Archangeli Michele, Gabriele e Raffaele, festa

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.