Newsletter ilcattolico.it

contact
La nostra newsletter ti consente di ricevere settimanalmente i nostri principali rilanci stampa,
le catechesi e tutti i momenti formativi e le campagne del sito.

Iscriviti, ti aspettiamo, clicca il link qui sotto per accedere alla pagina.

di Enrico Garlaschelli

Un viaggio nel pensiero antico
per rispondere alle domande fondamentali di oggi

Il libro sarà presentato in anteprima lunedì 9 giugno, alle ore 18 presso la Galleria San Fedele (via U. Hoepli 3a - Milano).

Modera l’incontro: padre Andrea Dall’Asta, direttore della Galleria

Interverranno con l’Autore:

Cesare Cavalleri - direttore delle Edizioni Ares

Silvano Petrosino - Università Cattolica di Milano e Piacenza


Questo studio non è il solito manuale che illustra i principali concetti filosofici nè una storia della filosofia ridotta a successione di concezioni interessanti da includere in un "museo archeologico" della storia delle idee; bensì si propone di far capire che cosa sia la filosofia e si presenta nella forma di "esercizi a pensare filosoficamente" per rispondere al bisogno umano di porsi domande sull'esistenza, sulla verità, e sull'uomo stesso. La filosofia, che nasce dalla meraviglia quale esperienza fondante, nel nominare le cose ci pone a distanza da esse e si profila come "pensiero dell'altro". Perciò è vero che, come afferma Heiddegger, l'unico modo per comprendere il pensiero occidentale è di percorrerlo. E' per questo che nel libro il pensiero greco dalle origini all'età ellenistica è ripercorso in contrappunto sia con quiello cristiano, sintesi della Bibbia e dellògos greco, sia con quello contemporaneo, specialmente con il dibattito filosofico italiano più recente. L'analisi è accessibile ad un pubblico ampio in quanto si concentra sugli esponenti più noti della speculazione greca (Parmenide, Eraclito, Socrate, Platone, Aristotele, Plotino), interpretati in un modo originale e innovativo che fa emergere chiaramente quanto sostiene Gadamer, ossia che "per il pensare filosofico nessuna definizione, e quindi nessun termine che con essa sia stato introdotto, può valere come un risultato preciso. Esso avrà continuamente bisogno di essere ricondotto al processo pensante".

in vendita online qui
http://ares.mi.it/products-esercizi-di-filosofia-589.html



Enrico Garlaschelli è docente di filosofia nei licei e all'Istituto superiore di Scienze religiose di Milano. Insegna inoltre Dialogo interreligioso all'Issr "S. Ilario di Poitiers". Tra le sue pubblicazioni: L'umano Patire (2009), con Pierangelo Sequeri; Nel tempo dell'assenza (2011); Lo stare degli uomini. Sul senso dell'abitare e sul suo dramma (2012), con Silvano Petrosino; L'ermeneutica veritativa per un "tomismo ermeneutico" (2012), con Gaspare Mura.



 
0
0
0
s2smodern