Rassegna stampa Speciali

SUI MALATI MENTALI: le persone dimenticate ma uomini pure loro

luce-risurrezione.jpgIntervista al Presidente dell'Associazione "Cristiani per servire" (http://digilander.libero.it/cristianiperservire) Franco Previte che da lungo tempo si occupa della situazione in cui "vivono" i malati mentali, le loro famiglie e l'handicap in genere.

D. Vogliamo ricordare ai nostri lettori la drammatica situazione dei malati mentali in Italia e quali problemi nascono nelle famiglie che subiscono il problema del disagio psichico dopo la legge 180 ?

 


R. La malattia mentale è il calvario dei familiari che hanno un loro caro soggetto a disturbi nella sfera neuropsichica e non trovano una chiara risposta in una psichiatria moderna e funzionale.

La famiglia del "malato", dobbiamo ricordare che sono circa 10 milioni di sofferenti di questa patologia dalla depressione- primo disordine funzionale della persona- alla schizofrenia che è il massimo della gravità, non trova il posto adeguato dove curare e non segregare il proprio congiunto, né può tenere in casa sofferenti di questo grave ed urgente disagio sociale.

Vorrei ricordare che il Basaglia - padre della legge 180- ha sempre affermato che il malato va curato e non segregato.

Il diritto alla salute ed alla sua tutela, così come sancisce l'art.32 della n/s Costituzione "nel rispetto della persona umana" ha una sua priorità e come tale esige sia in Italia come nei 27 Stati aderenti alla Unione Europea interventi ad alta protezione sanitaria e ad una legislazione in modo coordinato e coerente valida in tutti gli Stati Europei : è quanto abbiamo richiesto con n/s Petizioni

Continua su guidareferendum.

Conversione di San Paolo, apostolo, festa

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.