Crollo del ponte a Genova, card. Bagnasco: affidiamo la città a Maria

ponte morandiE’ una giornata di dolore e sgomento. La Chiesa di Genova piange e prega per coloro che, a causa del crollo del ponte Morandi, hanno perso la vita. A VaticanNews parla il cardinale Angelo Bagnasco
Amedeo Lomonaco – Città del Vaticano

“Ancora una volta una tragedia volge l’attenzione del Paese a Genova. Questi giorni, che avrebbero dovuto essere di festa e di riposo per tutti, sono invece insanguinati da un nuovo dramma, che ferisce pesantemente intere famiglie e comunità”. E’ quanto scrive il cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Conferenza episcopale italiana, riferendosi al crollo del Ponte Morandi a Genova. “In queste ore di dolore - aggiunge il porporato - con la nostra preghiera e la nostra solidarietà umana e cristiana, siamo vicini al cardinale Angelo Bagnasco, alla sua Chiesa e alla sua città, ai soccorritori e a quanti sono in lutto o in ansia per la sorte dei loro cari”.


Il card. Bagnasco: cresca un amore più grande per Genova
Domani, mercoledì 15 agosto nella solennità della Madonna Assunta, in tutte le chiese dell’arcidiocesi di Genova verranno ricordati, con specifiche preghiere, le vittime e l’intera città. “La comunità cristiana – si legge in un comunicato dell’arcivescovo di Genova, cardinale Angelo Bagnasco - si stringe in un abbraccio solidale ai familiari delle vittime ed è vicina ai feriti. Ringrazia con ammirazione i soccorritori, ancora una volta generosi nel loro tempestivo intervento”. In una intervista esclusiva a VaticanNews il cardinale Bagnasco sottolinea, inoltre, che da questa giornata di dolore può nascere un amore più grande per la città, già recentemente ferita da dolorose circostanze.

R.- Ho dato disposizioni perché domani si facciano preghiere particolari  in tutte le parrocchie proprio per questa situazione, in particolare per le vittime, i feriti e i familiari naturalmente, ma per la città intera perché abbia il coraggio e la forza di continuare a sperare e di risollevarsi stando ancora più insieme, mettendo insieme le energie migliori, spirituali, morali e di ogni genere, come ha fatto in altre circostanze.

A proposito di altre circostanze, Genova è una città che è stata recentemente scossa da disastri naturali,  come l’alluvione del 2014, il grave incidente nel porto del 2013. La tragedia di oggi è un’ ulteriore drammatica ferita che dimostra come il territorio abbia bisogno di un’ attenta pianificazione e di un’opera costante di controllo e prevenzione…

R.- Certamente questo è un fatto che ci auguriamo metta in atto un’attenzione maggiore; però anche in queste circostanze, la città ha mostrato sì le proprie fragilità un po’costitutive, però nello stesso tempo, sul piano  dello spirito del popolo e della cittadinanza, ha mostrato anche capacità di reazione positiva e di solidarietà concreta.

Da questa giornata di lutto, ma anche da questa reazione comunitaria, cosa può nascere proprio per il futuro di Genova? Questa giornata così triste può essere l’inizio di che cosa?

R.- Di un amore più grande per Genova, di un amore più grande per una città che ha un animo grande e lo ha mostrato sempre nella storia, storia di commerci, di incontro, di apertura. E’ un luogo di mare, di genialità anche industriale e a molti livelli. Quindi è una città che merita, anche per la sua bellezza intrinseca, tutta da scoprire, ma soprattutto per lo stile che a volte può apparire quasi chiuso; in realtà è riservato e umile ma forte con  grande nerbo interiore. Mi auguro dunque veramente che ci sia questa crescita: che l’amore per Genova, per la nostra città, cresca in tutti noi tutti i genovesi.

Domani ricorre la solennità dell’Assunzione della Beata Vergine. Può essere questa una occasione per affidare a Maria  la popolazione e le vittime di questa nuova tragedia?

R.- Così sarà in tutte le parrocchie e le chiese con preghiere speciali; i parroci sono già informati. Tutta la comunità cristiana eleverà al Signore per intercessione della Madonna, preghiere particolari. Gli aspetti più folcloristici, più paesani e popolari che spesso accompagnano le festa della Madonna specialmente nell’entroterra, saranno sospesi.

Quindi eminenza, sentendo i parroci della Diocesi, ha avvertito una voce unica e una grande vicinanza alle vittime? E’ questo un coro unico che si leva dalla diocesi di Genova?

R.- Assolutamente sì. Ho sentito i parroci direttamente interessati nell’area di questa tragedia; siamo in stretto contatto e loro sono vicini alla popolazione e in particolare alla famiglie che devono sgombrare, per prudenza, le loro case. Noi abbiamo messo a disposizioni delle autorità la possibilità di accogliere eventuali sfollati nelle nostre strutture, che sono già pronte.

© http://it.radiovaticana.va - 14 agosto 2018

Share this post

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.