Siamo indignati con gli "indignados"

statua-madonnina-rotta-dai-blackblockCita la Repubblica di oggi "Un gruppo di ragazzi incappucciati con felpa nera, caschi neri e bastoni, ha preso di mira e frantumato una statua della Vergine, in via Labicana. Sul selciato è rimasto il volto deturpato del gesso ridotto in mille pezzi" (foto e news © www.repubblica.it ).

La protesta pacifica è uno dei linguaggi ammessi dalla democrazia purché non distrugga e rompa i beni comuni e soprattutto non deturpi i simboli religiosi. Il rispetto disarmato e disarmante è uno dei principi fondanti la lotta non-violenta ed una sana e feconda civile protesta.
Quando poi dei black block in casa nostra, a Roma, se la prendono con una statua della Madonnina, significa che la misura dell'ignoranza è colma. Costoro sono tali e quali a  coloro che dicono di combattere, pienamente inseriti nel sistema, schiavi della loro miseria interiore, una malattia da curare, peggiori del sistema che essi combattono.
Chiunque abbia un poco di dignità in Italia, di qualunque colore partitico e di qualunque classe sociale, dovrebbe pronunciare parole chiare e forti che isolino questi violenti generatori di violenza.
Ci aspettiamo che il presidente della Repubblica deplori pubblicamente queste forme inique di linguaggio.

Staff ZM