comprendere il caos siriano 1Può bastare un libro per comprendere il caos della guerra globale in Siria? Forse, certamente un buon tentativo è stato quello profuso da Randa Kassis e Alexandre Del Valle, “Comprendere il caos siriano. Dalle rivoluzioni arabe al jihad mondiale”, pubblicato all'inizio dell'anno dalla D'Ettoris Editori di Crotone. Quasi quattrocento pagine dense di nomi, di sigle, gruppi, movimenti, di fatti, avvenimenti ben documentati sulla sanguinosa guerra che impazza ormai dal 2011. Leggendo questo libro si comprende ancora una volta che per capire il presente, l'attualità, è indispensabile conoscere, studiare la Storia, soprattutto per decifrare il ginepraio siriano. Infatti non è un caso che il testo dei due autori nel 1 capitolo affronta,“le radici storiche del mosaico e del caos siriani”. E' corretta la frase  di Giovanni Cantoni, fondatore di Alleanza Cattolica, quando dice:“Chi sbaglia Storia, sbaglia politica”

Gli autori aiutano molto a “comprendere il caos siriano”, nonostante affrontano temi abbastanza complessi come quello degli intrighi politici e delle minoranze religiose, delle distinzioni a volte sottili, all'interno dello stesso islam sunnita o sciita.

“La Siria è diventata l'epicentro di un conflitto che oppone da una parte i democratici alle dittature nazionaliste e ai fondamentalisti islamisti, e dall'altra l'asse sciita – fra cui il regime di Bashar al-Assad, Hezbollah e l'Iran - a quello sunnita, sempre più totalitario”. Del fronte sunnita fa parte il neo-califfatto dell'Isis, lanciato all'assalto del mondo intero.

Randa Kassis è scrittrice e antropologa siriana, fondatrice del movimento per una società pluralista e già membro del “Consiglio nazionale siriano”(CNS), da cui è uscita a causa dell'influenza delle componenti islamiste. Mentre Alexandre Del Valle, è uno studioso di geopolitica, professore, editorialista autore di diversi libri sull'islamismo radicale e sul terrorismo islamico.

I due per aiutarci a comprendere meglio la complessa situazione siriana, partono da una analisi storica e sociale del Paese siriano. Dimostrano che l'Occidente ha sbagliato nel promuovere la cosiddetta “primavera araba”, rapidamente trasformatasi in un “inverno islamista”. Nel libro dopo aver raccontato la guerra, con documenti alla mano, propongono una transizione politica che porti a una soluzione federale del complesso mosaico del Paese, l'unica che possa garantire la pace e un 'vivere insieme' senza che un gruppo tiranneggi un altro. Però,“nessuna soluzione potrà mai trovarsi in Siria – sostengono gli autori – escludendo dalla concertazione la Russia, l'Iran e lo stesso regime di damasco, il quale non è solo 'parte del problema' ma anche 'della soluzione'”.

Per gli autori del libro pubblicato da D'Ettoris Editori il principale errore dell'Occidente, degli Usa e quindi dell'Europa, è quello“di rifiutarsi di individuare il vero e principale nemico nel totalitarismo islamista”. E' un nemico che abbiamo sotto gli occhi ogni giorno:“ci fa la guerra sia col terrorismo, il jihad globale, sia attraverso un proselitismo neo-imperiale sponsorizzato dagli 'strani amici' sunniti del Golfo”.

Gli autori mettono a nudo la politica europeista del multiculturalismo, della penetrazione degli islamisti radicali nelle nostre società, indebolite dal politicamente corretto e dai sensi di colpa di una certa politica progressistoide che ci sta portando al suicidio completo.

Nell'introduzione i due autori ricordano uno dopo l'altro i vari attacchi dell'islamismo totalitario, rappresentato dai tanti”islamikaze”, come quello nel mercatino di Natale a Berlino. E poi di tutti gli altri che si sono susseguiti nel cuore dell'Occidente. Che cosa ci insegnano queste stragi? Che ormai in tutti i paesi europei anche quelli più 'aperti', esterofili, immigrazionisti, come la Germania sono dei bersagli del totalitarismo islamista armato che ha dichiarato guerra a tutte le società aperte e occidentali.

Gli autori puntualizzano un aspetto fondamentale: “la Siria non è la Libia”. Infatti, “i precedenti dell'Iraq(2003) e della Libia(2011) costituiscono una clamorosa smentita a questo punto di vista allo stesso tempo ingenuo e pericoloso fondato sul concetto del 'regime change', dato che hanno dimostrato che il rovesciamento di dittature che osteggiano i loro nemici islamisti per mezzo di bombardamenti aerei omicidi non è mai riuscito a rendere più pacifici gli Stati colpiti, e nemmeno a calmare la loro 'collera', che trova sempre nuovi pretesti...”.

I due ribadiscono che “la Siria non è un paese arabo qualsiasi. La sua storia e la posizione geografica eccezionale fanno di essa una delle nazioni più strategiche e più antiche del vicino Medio Oriente”. Ed è proprio così, come possiamo notare dalla lettura del 1 capitolo, dove si constata che la Siria affonda le sue radici nell'antichità e la cui islamizzazione, iniziata a partire dall'VIII secolo con le invasioni arabe (fath). Il saggio della Kassis e Del Valle ci fanno conoscere degli aspetti storici sulla Siria poco conosciuti. E' qui che sono apparse le prime forme di urbanizzazione, che risalgano all'anno 3000 a.C. Si può citare la città di Biblo, nel vicino Libano, insieme a Damasco, la cui fondazione risale intorno all'anno 5000 a.C. Quindi in Siria prima della nostra era, si costruivano città, templi religiosi, statue come gli Egizi.“La lista dei progressi di cui la Siria è stata il luogo d'incubazione è impressionante: questa terra, che è un crocevia, ha scoperto l'arte di utilizzare il rame e di fabbricare delle elghe come il bronzo, la coltura del grano- innovazione fondamentale che permise all'uomo di sedentarizzarsi e di fondare una vita sociale e urbana- o ancora la prima nota di musica”. Ma soprattutto è in Siria, vicino Lattakia,“che fu inventato il primo lafabeto, antesignano di quello greco, latino, arabo, etc”.

In Siria, insieme alla Palestina, al libano, alla Grecia antica e l'Egitto, è uno dei luoghi di nascita del cristianesimo. Poi fu luogo di passaggio dei pellegrini cristiani che si recavano a visitare la tomba di Cristo e uno dei campi d'azione privilegiati delle crociate. “Antiochia fu il primo grande centro di propagazione della fede cristiana e uno dei luoghi principali dello sviluppo della teologia cristiana, impregnata di filosofia ellenistica”. Fu la prima Chiesa nel 37 d.C. Fondata da San Pietro in persona. Poi altre città siriane si sono cristianizzate. Tuttavia sin dall'antichità la Siria è stata ben lungi dall'essere un paese omogeneo.

Le rivalità e le controversie teologiche tra cristiani e dell'Impero romano d'Oriente greco-bizantino, favorirono la conquista arabo-musulmana proveniente dal deserto dell'Arabia dopo la morte di Maometto e l'instaurazione dei primi imperi o califfati. “E in questo contesto che nel 639 Damasco, attuale capitale della Siria, venne conquistata in nome del Jihad dagli arabi recentemente islamizzati”. Naturalmente il prestigioso centro di civiltà rivestiva un interesse particolare per i conquistatori arabo-musulmani, che ne fecero la nuova capitale del nuovo impero omayyade. Pare che i jihadisti dello Stato islamico, la cui strategia si basa sul terrore del jihad, sono ispirati da questo impero.

Non possiamo intrattenerci a fare la storia dei vari domini arabo musulmani o di quello turco-ottomano. Rimandiamo alla lettura del saggio. A questo punto è opportuno dare uno sguardo alla storia recente del partito Baath o Hizb al-Baath al-Arabi (“partito del risorgimento arabo”), che propugna l'idea di uno Stato arabo transnazionale che si basa su due pilastri: il nazionalismo e il socialismo. L'obiettivo principale è quello di realizzare l'”unità araba” e di portare a termine l'”indipendenza del mondo arabo, dal Marocco al Golfo persico”. I due centri politici e fratelli del movimento sono la Siria e l'Iraq. Una volta preso il potere “entrambi i Baath divennero partiti di massa il cui ruolo è quello di inquadrare la popolazione”. Praticamente, “non sono altro che strumenti di controllo di quest'ultima e di legittimazione del potere”. Il partito Baath ostile al califfato della Umma al-islamiyya, che deve riunire tutti i musulmani del mondo. Il Baath preferisce quello della Umma al-arabiyya, della nazione araba allargata e unita da un'ideologia secolare socializzante e panaraba.

Pertanto in Siria, il Baath entra in conflitto con i“Fratelli musulmani, che preconizzano il ritorno alla sharià e la rifondazione progressiva del califfato in nome di una nozione teocratica, anti-socialista e anti-modernista della società”.

Il partito Baath si consolida in Siria con il clan alauita della famiglia Assad, il generale Hafez al-Assad e poi ora con il figlio Bashar al-Assad. Gli alauiti dai responsabili e saggi sunniti sono considerati dei semplici “apostati”, assimilabili ai pagani.

Con lo scoppio delle varie primavere arabe, e con la caduta dei regimi a Tunisi e a Il Cairo, anche in Siria iniziarono le rivolte, il regime di Bashar all'inizio fa delle aperture ma dopo pochi mesi ritira tutte le aperture, intanto l'opposizione aveva creato il Consiglio nazionale siriano (CNS) e l'ESL e così la guerra civile fu inevitabile. Si arriva ben presto allo scontro totale, i sauditi dell'Arabia Saudita che credono nella nozione totalitaria del sunnismo (wahhabismo/salafismo)si rallegrerebbero di vedere la Siria finalmente sotto il controllo di sunniti intransigenti e ostili a ogni forma di laicità e di pluralismo religioso, al contrario degli alauiti e del partito Baath. Anche se i sauditi e le petromonarchie del Golfo secondo gli autori del libro, fanno un gioco pericoloso, perchè nello stesso tempo non sono visti di buon occhio dai jihadisti salafiti dallo Stato islamico (Daesh Isis), che li accusano di essere corrotti al soldo degli americani.

In pratica i due autori vedono un conflitto totale tra sciiti e sunniti, sullo sfondo di una “nuova guerra fredda” tra l'Occidente e la Russia di Putin. Ma si spera che non succeda ora che c'è Trump alla presidenza americana.

Intanto la guerra civile siriana “è divenuta in gran parte una guerra confessionale, in un contesto di guerra per procura che contrappone l'Iran ai suoi nemici rappresentati dalle monarchie sunnite del Golfo, e di rivalità tra grandi potenze regionali e mondiali[...]vi sono tante guerre dentro la guerra e molte fonti di conflitto”.

Per concludere secondo Kassis e Del Valle, il teatro operativo siriano costituisce, “l'epicentro di uno scontro politico-religioso molto più esteso, che ha incendiato tutta la regione dopo il sorgere del caos iracheno instaurato dall'invasione americana del 2003 e in seguito alle rivoluzione arabe, che hanno riaperto la 'guerra civile' o Fitna tra sciiti e sunniti”. La proclamazione dello Stato islamico all'inizio del luglio del 2014 da parte di Abu Bakr al-Baghdadi “è stata la conseguenza diretta di tutto ciò”.

Per ora mi fermo ma è opportuno affrontare altri aspetti legati alla guerra in Siria.

Quinto de Stampi, 18 marzo 2017

San Cirillo di Gerusalemme, vescovo e dottore della Chiesa.                                                               

Domenico Bonvegna
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

                                  

Share this post

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn


"L'articolo e le immagini sono state prese dal web al solo scopo di condividere il buono ed il bello, per il Vangelo, su questo sito, senza scopo di lucro. Nel caso di violazione del copyright, siate gentili, cortesemente, contattateci ed il materiale sara' subito rimosso. Grazie."

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.