Gli amici scrivono

Incredibili mistificazioni del TG2

Scrivo in diretta perché sono indignatissimo.Pochi minuti fa, (ora sono le 20:58 di venerdì 2009.07.24) sul TG2 ho visto e sentito un servizio sui bimbi piccoli che, nel centro Africa,vengono maltrattati perché accusati di stregoneria, e la giornalista ha ribadito che questo fenomeno in questi anni sarebbe in aumentoa causa delle "sette cattoliche" e per dimostrarlo c'erano le immagini di un uomo di colore vestito di bianco con un turbante rosso, che così facendo imitava i vescovi cattolici... E' stranoto che l'uccisione ed i maltrattamenti dei bambini sono una delle caratteristiche cose da sempre combattute della Chiesa Cattolica, a cominciare dal fatto che la Chiesa Cattolica combatte l'aborto e che commemora la strage degli innocenti ai tempi di Gesù,e che ha sempre creato strutture di accoglienza ed educazione di bimbi abbandonati. E' pure noto che i riti di stregoneria sui bambini e/o le violenze sui bambini a motivo delle loro malattie non sono propri del cattolicesimo né dei cristiani in generale, bensì della stregoneria africana  come anche dei lodati classici (che lanciavano da una rupe i neonati malati o deboli), ma il TG2, riscrivendo sia la realtà attuale che la storia passata, ci spiega che quelle persone (schiave di religioni e a cui qualcuno si ostina a dare pari dignità) sono invece facenti parte di "sette cattoliche"... Meno male che questa la chiamano liberta di informazione...Questa é disinformazione e mistificazione, contrabbandata per libertà di informazione. 

Sauro B.

Caro Sauro
grazie di averci scritto.
Chi ha il "potere" di un mezzo di comunicazione così pubblico, tra l'altro sovvenzionato da un canone, fa un abuso quando disinforma o peggio cambia, anche solo terminologicamente, la realtà.
In un certo senso chi usa un mezzo di comunicazione pubblico mistificando, in certo qual modo, fa egli stesso "setta" in quanto tradendo la deontologia del proprio mestiere, fa passare contenuti propri di taglio ideologico anche se basati su termini equivoci e strani come "setta cattolica".
Siamo al livello di chiacchiera da bar, solo amplificata dal mezzo.