Rassegna stampa formazione e catechesi

Theophilos e la preghiera per l’unità

theophilus

Un nuovo incontro tra i patriarchi e i primati delle Chiese ortodosse, da svolgersi entro il 2021, per affrontare da fratelli i contrasti insorti negli ultimi anni tra le compagini ecclesiali che appartengono all’ortodossia. La proposta, formulata in maniera ancora velata, sottoforma di auspicio, si rintraccia tra le righe della lettera aperta che Theophilos iii, patriarca greco ortodosso di Gerusalemme, ha voluto rivolgere a tutti i patriarchi e primati delle Chiese ortodosse all’inizio del tempo di Quaresima.

Un’iniziativa volta a cercare rimedi e cure alle ferite che negli ultimi anni hanno lacerato la comunione delle Chiese ortodosse. La crisi pandemica che ha colpito il mondo — fa capire Theophilos — rende ancora più urgente mettere da parte accuse e recriminazioni tra fratelli, per confessare insieme la guarigione promessa da Cristo all’umanità sofferente.

Incomprensioni e contrasti in seno all’ortodossia sono iniziati con la mancata partecipazione di alcune Chiese ortodosse al concilio panortodosso di Creta (2016) e si sono incancreniti dopo che il patriarca ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo i , il 6 gennaio 2019, ha formalmente riconosciuto l’autocefalia della Chiesa ortodossa ucraina guidata dal Metropolita Epiphany, osteggiata dal patriarcato di Mosca, che per reazione ha sospeso la comunione eucaristica con il patriarcato di Costantinopoli e con le altre Chiese ortodosse (patriarcato di Alessandria, Chiesa di Grecia e Chiesa di Cipro) che col tempo hanno riconosciuto l’autocefalia ucraina.

Proprio un anno fa, e proprio su invito del patriarca Theophilos, si era svolta una riunione di capi e delegazioni di diverse Chiese ortodosse per provare a risolvere i problemi sorti in seno all’ortodossia. A quell’“incontro fraterno”, oltre a Theopilos, avevano partecipato solo due altri primati, il patriarca russo Kirill e quello di Serbia, Irinej. Nella lettera appena pubblicata, che porta la data del 24 febbraio, Theophilos prende le mosse proprio dall’incontro di Amman di fine febbraio 2020: «Un anno fa — si legge nella missiva — ci siamo riuniti nel regno hascemita di Giordania per rafforzare i nostri rapporti fraterni nel dialogo d’amore per l’unità delle Chiese ortodosse autocefale. Due giorni di preghiere e di conversazioni fraterne hanno accresciuto la nostra determinazione a proseguire il cammino di approfondimento della nostra comunione, e a rispondere insieme alle urgenze che dobbiamo affrontare».

Tra le emergenze, il patriarca ortodosso di Gerusalemme chiama in causa in primis l’attuale congiuntura storica, così duramente segnata dalla pandemia. Un anno fa, ad Amman, si legge nel messaggio, «nessuno di noi immaginava che il nostro incontro si stava tenendo sulla soglia di una catastrofe sanitaria mondiale, di dimensioni mai viste prima nel tempo delle nostre vite». Theophilos ricorda Irinej, il patriarca di Serbia scomparso a causa del covid-19, «che era con noi in Giordania, e ora riposa nel Signore». Poi aggiunge che «Dio è misericordioso, e ha dato alle sue creature conoscenze e strumenti per sviluppare medicine e vaccini per porre fine a questa pandemia mortale». Proprio per questo, adesso che è possibile sperare in giorni più sereni nel prossimo futuro, «ci siamo ricordati del nostro comune impegno a riunirci per pregare in spirito fraterno. Preghiamo — aggiunge Theophilos, formulando la sua proposta in forma di augurio — che questo sia reso possibile più avanti, nel corso di questo anno».

Nel suo appello, impreziosito con citazioni delle lettere di san Paolo, il patriarca indica anche la preghiera di intercessione reciproca e la penitenza come gli unici rimedi utili per sanare le ferite e ritrovare la concordia tra fratelli. «Prego ogni giorno ricordando ciascuno di voi, offrendo lodi, ringraziamenti e intercessioni, riconoscendo che “la Sua grazia è sufficiente per noi, e si manifesta in pienezza nella nostra debolezza”. Continuiamo a sostenerci l’un l’altro nella preghiera — prosegue il patriarca di Gerusalemme — e a cercare vie per far sì che le nostre Chiese locali possano portare speranza, benedizione e gioia le une alle altre. Come dice San Paolo, “portate i pesi gli uni degli altri e così adempirete la legge di Cristo”. Ci uniamo in preghiera anche con il nostro fratello, Sua Santità il patriarca Bartolomeo, con i primati ortodossi nostri compagni, e continuiamo a servire insieme la crescita della nostra comunione».

Secondo Theophilos, la pandemia interpella in modo speciale i capi delle Chiese ortodosse, sollecitando tutti a «guardare alle nostre comunità, che Dio ci ha chiamati a servire, per sollevare i cuori dalla disperazione e volgerli al Signore, che ci dà speranza. Noi sappiamo che “mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi. A maggior ragione ora, giustificati per il Suo sangue, saremo salvati dall’ira per mezzo di Lui”».

A chiusura della sua lettera, come sigillo oltremodo eloquente, il patriarca porge alla riflessione dei primati ortodossi il brano di un inno tratto dal Triodion, libro quaresimale della liturgia bizantina: «Fratelli, non pregate come il fariseo, perché chi esalta se stesso sarà umiliato. Umiliamo noi stessi davanti a Dio, e con lacrime e singhiozzi ripetiamo come il pubblicano: Signore, abbi pietà di noi peccatori».

di Gianni Valente

© Osservatore Romano - 4 marzo 2021