Rassegna stampa formazione e catechesi

SOMMARIO DEL NUOVO VOLUME DI AGOSTINO MARCHETTO DAL TITOLO: "CUM PETRO ET SUB PETRO". RIFORME ECCLESIALI PER LA MISSIONE

san francesco sostiene la chiesaChorabooks, Hong Kong 2019, pp. 135

Con il mio libro ' "La riforma e le riforme nella Chiesa". Una risposta '1 , uscivo un po' dal mio consueto campo di ricerca storico-teologica, cioè dal Concilio Ecumenico Vaticano II, dilatando lo studio alla riforma in atto oggi nella Chiesa Cattolica. Era concretamente una risposta al grosso volume di 615 pagine, con lo stesso titolo iniziale, dell'Ed. Queriniana2 , frutto di una "joint venture" di trenta esperti.

Essi peraltro si situano tutti, o quasi, in una linea unidimensionale di riforma, con sottolineatura della sinodalità-collegialità, senza tener molto presente e sviluppare l'altro polo del fondamentale binomio primato-sinodalità, cioè il primato, che nel suo aspetto conciliare ha costituito uno dei centri vitali e specifici di attenzione del Vaticano II, a me particolarmente caro e oggetto del mio lavoro di studioso da almeno 30 anni3 .

E così intonai la mia "risposta" al monocorde tono del coro, e conseguente unilateralità dell'opera edita dalla Queriniana, per far udire un'altra voce, per quel "et" "et" che caratterizza il Cattolicesimo, la nostra "via media", e applicare la giustizia dell'"audiatur et altera pars" (=si ascolti anche l'altra parte).

Essa è stata di fatto l'avvio di ulteriori ricerche su varie riforme ecclesiali nel corso della storia, ma specialmente attorno a quel binomio fondamentale Papato-Episcopato, sempre con la missione come meta, in stato permanente di missione, per nuove tappe di evangelizzazione, come conferma ora la Costituzione Apostolica "Episcopalis communio" di Papa Francesco sul Sinodo dei Vescovi. Sempre dunque con la missione quale elemento costitutivo di Chiesa, adatta ad essere appunto missionaria, come la volle il suo Fondatore, per renderla alla fin fine più fedele a sè stessa. L'"Andate!" è di fatto fondamentale e essenziale (cfr. Mc 16,15s.). Da ciò il nostro titolo classico dato a questo contributo alla riflessione e all'azione: "Cum Petro et sub Petro". Riforme ecclesiali per la missione.

Del resto la corretta ermeneutica (=interpretazione) del Magno Sinodo (Vaticano II) come espressa da Benedetto XVI, fattosi voce di tutti i Papi conciliari e post e dello stesso Papa Francesco, è tesa “non alla rottura e alla discontinuità, ma alla riforma e al rinnovamento nella continuità dell'unico soggetto Chiesa”4 in cui Primato e Collegialità (sinodalità) vanno insieme.

Dicevo ulteriori studi miei sulle varie riforme ecclesiali catalizzate dalla missione, si potrebbe anche dire, finalmente, dalla "cura animarum", per cui è nata in me l'idea di pubblicare un agile volumetto, di sei capitoli ma che riesca a dare una visione storica d'insieme  e a far capire che la Chiesa, oltre che fedeltà, è anche continuamente legittima riforma organica e omogenea e rinnovamento, guardando la "Sitz im Leben", cioè la situazione in cui si vive, in legittima evoluzione, tenendo in conto, alla luce del Vangelo, il corso della storia.

E allora ecco l'indicazione del primo capitoletto denominato "Impronte riformatrici nella storia ecclesiale", una sintesi privata del mio intervento all'Università Urbaniana, il 14/2/18, che sarà pubblicato nella sua completa stesura, e con apparato critico, negli Atti del relativo Congresso. Vi tratto delle riforme pseudo isidoriana, "gregoriana", tridentina e al Vaticano I, nonché "della riforma e del rinnovamento nella continuità dell'unico soggetto Chiesa" al Vaticano II.

Nel successivo capitolo tratto invece dell'"Importanza teologica e storica dei Concili dell'era moderna circa il binomio inscindibile primato-collegialità (sinodalità)". Fu il mio contributo scientifico alla Mostra in Campidoglio appunto su "I Papi dei Concili nell'era moderna. Arte, storia, religiosità e cultura", che si articola attorno al Concilio di Trento, con il suo appello riformatore, al Vaticano I, e relativo aspetto di riforma, e al Vaticano II, con attenzione speciale ai Papi Giovanni XXIII e Paolo VI per la "riforma e il rinnovamento nella continuità dell'unico soggetto Chiesa".

Il terzo capitolo si conclude con "La sfida missionaria" preceduta, nel titolo, dal tema che affrontai a Sevilla, in quel Centro Storico di Studi Teologici, il primo marzo 2018, e cioè: "Chiesa e Società nel Concilio Vaticano II: Jean Daniélou e Yves Congar".

Per cercare di mettere a fuoco le anzidette due figure, scelte dal citato Centro per illuminarci nell'impegno di abbozzare il tema che ci fu dato, in latino io lo manifestai così: Ecclesia ad intra  (Chiesa in sè) e Ecclesia ad extra (Chiesa in uscita, verso fuori di sè), formule del Cardinal Suenens, seguito dagli em.mi Lercaro e Montini e accettate da Papa Giovanni XXIII. Il filo rosso fu dunque il Magno Sinodo Vaticano Ecumenico, come sempre l'ho chiamato. E volgevo l'analisi del Congar più sulla vertente Chiesa ad intra ("Cosa dici, Chiesa, di te stessa?" chiedeva Montini), considerando e sottolineando la continuità della presenza del Domenicano, creato poi cardinale, sulla scena storico-teologica, ricordando quanto egli scrive nel suo diario: "io non ho fatto ecclesiologia"5 . Eppure per il "De Populo Dei" (= Sul Popolo di Dio) si impegnò, così come nel Ad Gentes relativo alle missioni.

Per Daniélou i giudizi vanno assieme con quelli di De Lubac e l'impegno per ciò che sarà la Costituzione Gaudium et Spes. Ma non dimenticando Ad Gentes, ricordo qui il contributo di ricerca postconciliare  del Prof. Josef Ratzinger , come da me delineato nella parte finale della Conferenza di Sevilla. Ne furono capisaldi, a partire dal concetto Chiesa, la cattolicità al suo interno, la pluralità delle religioni e l'unità dell'appello divino, la via della missione, la sua idea  nei decreti sull'Apostolato dei Laici e sul ministero  e la vita dei Presbiteri, la dichiarazione circa la libertà religiosa e le relazioni della Chiesa con le religioni non cristiane, e finalmente la missione del dialogo. Un crescendo straordinario ratzingheriano insomma.

Nel IV capitolo ecco poi una concretizzazione di quanto delineato nel precedente con la prospettiva del Vaticano II in “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale”, tema dell’ultimo Sinodo. La base per me è conciliare, di visione appunto di Popolo di Dio e società.

Gli ultimi due studi, infine, traggono origine dal “Diario” conciliare dell’arcivescovo Pericle Felici, Segretario Generale del Vaticano II. Il primo presenta come vi appare la minoranza di quel Magno Sinodo, mentre il secondo concerne l’immagine, il pensiero e l’opera, che vi risultano, di San Paolo VI, il “martire” del Concilio – a dire del Card. Doepfner – il quale lo concluse e ne confermò tutti i documenti finali. E fu un’impresa.

Non vi è chi non veda il legame di questi ultimi due importanti capitoli cum Petro et sub Petro, in vista della finalità missionaria ed ecclesiale ad intra e ad extra del Concilio Ecumenico Vaticano II, grazie a una fonte inattesa e fortunata di conoscenza storica qual è il “Diario” Felici. Buona lettura!

                                                                                                                 + Agostino Marchetto

1 L.E.V., Città del Vaticano 2017, p. 119.

2 Brescia 2016, libro curato dagli editori Antonio Spadaro e Carlos Marìa Galli.

3 Cf. Agostino Marchetto, Chiesa e Papato nella storia e nel diritto. 25 anni di studi critici, L.E.V., Città del Vaticano 2002, p. 771 (in seguito sarà citato Chiesa e Papato); IDEM, Il Concilio Ecumenico Vaticano II. Contrappunto per la sua storia, L.E.V., Città del Vaticano 2005, p. 407 (in seguito così citato: Contrappunto); IDEM, Il Concilio Ecumenico Vaticano II. Per la sua corretta ermeneutica, L.E.V., Città del Vaticano 2012, p. 378 (successivamente indicato come Per la sua corretta ermeneutica); Jean Ehret (a cura di), Primato Pontificio ed Episcopato. Dal primo millennio al Concilio Ecumenico Vaticano II. Studi in onore dell’Arcivescovo Agostino Marchetto, L.E.V., Città del Vaticano 2013, p. 765 [da p. 73 a 133 faccio io stesso una sintesi dai risultati dei miei studi; l’ultima parte è in lingua tedesca] (in seguito: Primato pontificio ed Episcopato); Vincenzo Carbone (†), Il “Diario” conciliare di Monsignor Pericle Felici, a cura di Agostino Marchetto, L.E.V., Città del Vaticano 2015, p. 589 (successivamente indicato come Il “Diario” conciliare); Agostino Marchetto, Il “Diario” conciliare di Monsignor Pericle Felici. Addendum, L.E.V., Città del Vaticano 2016, p. 79.

4 V. Discorso natalizio alla Curia Romana nel 2005.

5 Yves Congar, Mon Journal du Concile, vol II, Paris 2002, p. 159. Per contesto ricordo quanto scrivevo sotto il titoletto « spunti d’avvenire » nel mio studio di tale diario, e cioè « il Congar prevedeva le difficoltà degli storici, e lui fondamentalmente lo era, nel loro compito futuro riguardo al Concilio Vaticano II. Aveva egli ancora ragione nell’invocare studi teologici, giuridici e storici sulla collegialità (v. p. 164 II), così: “la storia dell’ecclesiologia dovrebbe avere l’urgenza N°1” (p. 291 II) negli anni futuri. E la vedeva come “ecclesiologia di comunione” (p. 115 II), in Agostino Marchetto, Il Concilio ecumenico Vaticano II. Contrappunto per la sua storia, Città del Vaticano 2005, p. 334. Controprova ne viene dall’ approvazione di Paolo VI per l’incarico del Domenicano a Strasburgo in cattedra di Ecumenismo (in Idem, Il Concilio ecumenico Vaticano II. Per la sua corretta ermeneutica, Città del Vaticano 2012, p. 117).


 

0
0
0
s2smodern

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.