Rassegna stampa formazione e catechesi

Riforma della Chiesa tra Martin Lutero e Maria Lorenza Longo

Maria Lorenza LongoA cura di P. Pietro Messa, ofm

Il termine riforma in riferimento al cristianesimo nel pensiero comune rimanda al movimento, principalmente luterano e calvinista, iniziato nel secolo XVI e che portò alla massima divisione dei cristiani in occidente. Sempre secondo tale sentire, in ambito cattolico, corrispose soltanto un'opera difensiva denominata controriforma e che ebbe espressione nel Concilio di Trento (1545-1563).
 
Tale visione pur continuando ad essere ben radicata a livello popolare - e non - è stata superata da decenni da studi che hanno messo in evidenza come in parallelo alla riforma protestante vi era una riforma cattolica di cui esempio sono i gesuiti fondati da Ignazio da Loyola (1491-1556) e i frati Minori cappuccini. 

Tuttavia il prosieguo della ricerca e degli studi, soprattutto nel 2017 in occasione del quinto centenario della riforma protestante, ha evidenziato che in realtà vi era un diffuso desiderio di riforma ecclesiale la quale si manifestò in molteplici modi quali ad esempio il fenomeno dell'osservanza, ossia la volontà di osservare in modo più radicale la propria regola di vita oppure lo stesso Vangelo. In questo magma ebbero origine molteplici movimenti di riforma che per motivi vari ebbero esiti diversificati, alcuni durati solo pochi anni e altri giungendo fino ad oggi. Ecco allora che proprio contemporanea a Martin Lutero (1483-1546) è Maria Lorenza Longo (1463-1539), donna di origine catalane che a Napoli in un primo momento diede inizio all'ospedale degli incurabili per poi fondare una comunità di vita contemplativa che diverrà il primo monastero delle clarisse cappuccine.

L'auspicio è che la prossima beatificazione della suddetta fondatrice sia per tutti i cristiani un'occasione per riconoscere che "Ecclesia semper reformanda est", ossia la Chiesa è sempre in uno stato di riforma per cui anche la migliore formulazione teologica, morale, ecclesiale e pastorale non è mai definitiva essendo tutti in cammino tra le prove della vita e le consolazioni del Signore.   


Cfr. anche J. Ratzinger /Benedetto XVI, La Chiesa una compagnia sempre riformanda  in https://www.ilsussidiario.net/news/meeting-di-rimini/2009/8/13/meeting-30-ratzinger-la-chiesa-una-compagnia-sempre-riformanda/34742/


Lunedì della VII settimana di Pasqua

S. Pascual Baylón, religioso O.F.M. (1540-1592)

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.