Rassegna stampa formazione e catechesi

LA MALEDUCAZIONE LITURGICA

celebrazione liturgicaIl documento Conciliare, apertura del concilio e culmnen et fons del Concilio stesso, la Sacrosanctum Concilium, è stato mal letto e distorto. Non è una novità. Mal letto e mal applicato in tante sue parti.
Si è privilegiata una interpretazione "incarnazionista" che nulla ha a che vedere con l'incarnazione ed è mancata un'attenzione capillare al discernimento e all'accompagnamento alla formazione e al catecumenato sulla Sacra Liturgia.
Tanti sono gli esempi che in tal senso si possono riportare e non è questo lo spazio.

Buona parte di "responsabilità", in questo, ce l'hanno i movimenti, cammini - comunque una ricchezza - provenienti dal mondo laicale.
Hanno diffuso certamente una linfa vivificante e spontanea alla dimensione di fede ma che non è stata corroborata da un severo discernimento e da una amorosa gradualità nell'accompagnamento da chi ne aveva le responsabilità.
Perché, sia ben chiaro, "avere l'odore delle pecore", camminare con loro, formare e formarsi con loro, è fatica.
E di certo non si fa sui social e nemmeno con articoli dal web.
Il catecumenato è questione seria. Tanto più sulla Sacra Liturgia.

Anche stamane, da S. Marta, si è potuta sentire - seppur piccola, per gravità - una delle storture ad opera dell'organista.
L'incapacità di rispettare il "Sanctus" di M. Bonfitto eseguito così come lo ha previsto il compositore che termina con un accordo costruito sul V grado, dando, nella sospensione, la sua dimensione simbolica verso il Cielo e l'attesa della venuta "a breve" nella parole consacratorie della "Preghiera Eucaristica".
Come prassi comune - ma grazie a Dio non totale - tale Sanctus è stato terrnimato con l'accordo sul I grado, sulla tonica. Il nostro orecchio, infatti, non educato, naturalmente cerca il "riposo" sulla tonica del I grado.
L'educazione liturgica aiuta, tuttavia, sia i compositori che l'assemblea, a cogliere il significato profondo di ciò che accade e non solamente: "che canto facciamo?", "che santo?", "alla comunione che facciamo?" come se si dovesse improvvisare un "riempitivo" di uno spazio. Come se fosse "cosa-nostra".
Mafia liturgica, appropriazione del Sacro.
Purtroppo il populismo liturgico è stato involontariamente aumentato (anche) da emittenti Radio che non hanno aiutato a dipanare la confusione tra Musica Sacra, Musica Liturgica, Musica para-liturgica e musica profana ma tutto hanno messo nel calderone dell'approssimazione dei "sentimenti del sacro".
Le Parrocchie - non tutte grazie a Dio - hanno la loro grande responsabilità in questo.

Ma, come si diceva, il catecumenato non solo non è massmediale ma soprattutto non è social.

Speriamo che, anche su questo, dopo le ceneri dell'epidemia, si possa ricostruire per il bene di tutti e con più sobria attenzione.

Paul Freeman


Di seguito l'originale di Michele Bonfitto

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.