Rassegna stampa formazione e catechesi

"Fratelli tutti": una enciclica tra Francesco d'Assisi e Giuseppe di Giacobbe

abbracciare il lebbrosoA cura di P. Pietro Messa, ofm

I discorsi del Papa nelle ultime udienze generali del mercoledì sono una vera e propria preparazione alla pubblicazione della enciclica "Fratelli tutti" firmata ad Assisi il 3 ottobre e pubblicata il giorno successivo. Il titolo proviene dall'Ammonizione VI di Francesco d'Assisi il cui cambiamento - come testimonia lui stesso nel Testamento - è avvenuto come conseguenza del fare misericordia con i lebbrosi.
 
Nel titolo, che resterà invariato nelle varie traduzioni, il termine "fratelli" è, sia nel lessico dell'Assisiate che attualmente nella lingua italiana, un termine inclusivo che raggruppa "uomini e donne, tutti i bambini, gli adolescenti, i giovani e i vecchi, i sani e gli ammalati, tutti i piccoli e i grandi e tutti i popoli, genti, razze e lingue, tutte le nazioni e tutti gli uomini d’ogni parte della terra, che sono e che saranno" (Fonti Francescane 68). Disconoscere questo è un grande errore di anacronismo: sarebbe come lamentarsi che san Francesco nei suoi scritti non cita facebook!
Il contenuto sarà inerente alla fratellanza e l'amicizia sociale e riguardo a ciò un personaggio biblico che è d'esempio per come affrontare una crisi economica e sociale è certamente Giuseppe il figlio di Giacobbe; e non per caso ai tempi di Francesco d'Assisi era considerato uno degli esempi più evidenti della profezia (cfr. Francesco profeta. La costruzione di un carisma, Roma 2020). Infatti egli, divenuto la persona di fiducia del faraone, nel tempo della prosperità immagazzinò gli abbondanti frutti della terra in previsione della carestia. Giunta la fame Giuseppe aprì tutti i depositi in cui vi era grano e da tutti i paesi andavano in Egitto per acquistare grano perché la carestia infieriva su tutta la terra. Giuseppe accolse e donò il grano anche ai suoi fratelli che in precedenza pensarono di ucciderlo e lo vendettero come schiavo.
Nell'attuale momento di pandemia, crisi economica e sociale si può affermare che papa Francesco mediante l'enciclica "Fratelli tutti" dica a tutti quanto il faraone disse alla gente affamata: "Andate da Giuseppe; fate quello che vi dirà", ossia perdonarsi a vicenda scoprendosi fratelli e di conseguenza prendendosi cura gli uni degli altri.

-> VD anche

FRATELLI TUTTI E MADRI



Sabato della XXX settimana delle ferie del Tempo Ordinario

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.