charlie1Assuntina Morresi per © l'Occidentale - 26 luglio 2017

“Noi non abbiamo l’abitudine a interrompere la ventilazione meccanica. In genere siamo abituati a fare la diagnosi di morte cerebrale e in quel caso interrompiamo naturalmente le cure. […] Il bambino io l’ho visitato, era reattivo, aveva una miosi reattiva.”
Lo ha detto il Dottor Bertini, Responsabile di Malattie Muscolari e Neurodegenerative dell’Ospedale Bambino Gesù, durante la conferenza stampa che ha tenuto insieme alla Presidente Mariella Enoc. Tanto per capire che, solitamente, il ventilatore si stacca quando non serve più ventilare, cioè perché il malato è guarito, o perché è morto. Non serve una grande preparazione scientifico/filosofica/bioetica/teologica/morale: basta il buon senso, e soprattutto volerlo usare. E Charlie, nello specifico, è vivo. E reattivo, pur nelle gravissime condizioni che sappiamo. Ricordiamo che invece  i medici del Gosh (l'ospedale pediatrico inglese in cui è ricoverato Charlie) hanno chiesto di staccare il ventilatore a febbraio scorso.

Ma torniamo alla conferenza stampa, molto interessante ed equilibrata, tutta da sentire. E se si è  diplomaticamente evitato di parlare di responsabilità del Gosh, i giudizi espressi sui diversi aspetti di questa vicenda sono stati però assolutamente chiari ed espliciti (qui il link al video). Il dott. Bertini ha anche difeso Hirano - il medico americano che il Gosh ieri ha pesantemente attaccato, insinuando un suo interesse economico nella vicenda - e ha ribadito che l'ospedale inglese "era a conoscenza che lui (Hirano, ndr) rifiutava qualsiasi royalty per lo sviluppo della malattia da difetto di RRM2B." Nonostante ciò, il tentativo di delegittimare Hirano è stato fatto. Ma ormai credibilità e affidabilità del Gosh sono ai livelli minimi. C’è qualcuno che oggi andrebbe a ricoverarsi lì?

continua qui
https://www.loccidentale.it/articoli/145941/charlie-il-bambin-gesu-e-quella-surreale-udienza-inglese

Share this post

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn


"L'articolo e le immagini sono state prese dal web al solo scopo di condividere il buono ed il bello, per il Vangelo, su questo sito, senza scopo di lucro. Nel caso di violazione del copyright, siate gentili, cortesemente, contattateci ed il materiale sara' subito rimosso. Grazie."

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.