famiglia e terraNecessità di una più approfondita formazione nei seminari, accompagnamento amorevole dei divorziati, nonché obbligo di denunciare alle autorità civili i religiosi accusati di pedofilia: sono tra le questioni salienti del comunicato emesso al termine della 376ma plenaria dell’episcopato polacco.
I presuli hanno anticipato che “il direttorio relativo alla pastorale delle coppie irregolari sarà pronto a fine anno”. “Non vi è alcun cambiamento dottrinale riguardo all’eucaristia impartita alle persone che vivono in coppie irregolari”, ha chiarito dopo la riunione il portavoce dell’episcopato don Pawel Rytel-Andrianik, rammentando che “lo stato di grazia santificatrice” sia “la condizione imprescindibile per poter accostarsi all’Eucaristia”. La denuncia alle autorità civili dei religiosi che violino il sesto Comandamento con minori sotto i 18 anni invece costituisce l’adeguamento delle norme ecclesiastiche alle leggi più restrittive in materia che entreranno in vigore in Polonia a metà luglio. Inoltre, i vescovi hanno ribadito l’appello ad assicurare la tutela legale dei bambini concepiti inserendola tra i diritti costituzionali. In merito alla crisi migratoria e “alla presenza numerosa degli immigrati dall’est e in particolare dall’Ucraina” i vescovi “incoraggiano a cercare le risposte a tali sfide nei Vangeli”, recita il comunicato, che tratta anche alcune altre questioni relative alla realtà polacca come il programma pastorale 2017-2018.

© www.agensir.it - 8 giugno 2017

Share this post

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn


"L'articolo e le immagini sono state prese dal web al solo scopo di condividere il buono ed il bello, per il Vangelo, su questo sito, senza scopo di lucro. Nel caso di violazione del copyright, siate gentili, cortesemente, contattateci ed il materiale sara' subito rimosso. Grazie."