Rassegna stampa etica

L'assolo di Uto Ughi. E la Biennale impari

Un assolo che ci voleva. Un segno di dignità, sobrio e profondo. Un intervento d'artista che nonostante sia stato tenuto un poco nell'ombra, conforta e sprona. Mi riferisco all'intervento che ieri il Corriere della Sera ha relegato a pagina 37 sotto la rubrica delle repliche. La firma è di Uto Ughi, uno dei massimi musicisti italiani. Il suo violino è ammirato e ci è invidiato in tutto il mondo. Eppure Ughi aveva preso carta e penna per intervenire su una polemica che aveva occupato pagine intere di quello e di altri quotidiani. Intendo le polemiche per la messa in cartellone alla Biennale di Venezia dello spettacolo "Messiah Game", versione sado-maso di una presunta vita di Cristo, già scartato a Salisburgo, e invece ospitato con onore sul Lido.  Continua su Avvenire

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.