Rassegna stampa etica

La vicenda Alan Friedman è il perfetto paradigma del cortocircuito della sinistra da salotto e del bullismo in RAI

twitter friedman scuseLa vicenda Alan Friedman è il perfetto paradigma del cortocircuito della sinistra da salotto. A cui piace bullizzare, stigmatizzare, denigrare.

Durante la trasmissione Unomattina su Rai1, mercoledì 20 gennaio, interrogato sul futuro di Donald Trump, aveva commentato: “Trump si mette in aereo con la sua escort… ehm… sua moglie e vanno a Mar-a-Lago, in Florida”.

A parole social il sig Friedman si è scusato ma di fatto il problema non è stato uno scivolone da sessismo misogino o un problema di lingua, come vuol ricamare ideologicamente la signora Boldrini (questo è un cliché vergognoso!), il problema è una struttura che si auto-celebra per moda e vive di moda e non è più in grado di fornire cultura e trascendenza, umanissima trascendenza.

E il pagamento del canone include questa deontologia, una deontologia ad un servizio informativo e formativo, non ad un luogo che sia un lasciapassare al bullismo di una élite ideologica, di qualunque colore sia. C'è un patto sociale nel senso dell'impegno fiscale del canone sull'uso del mezzo. Un patto che viene sovente tradito con un servizio pubblico a-valoriale.
Il canone Tv sottintende una filosofia del diritto che non si può eludere nelle dimensioni fiscali.

Parliamo infatti di una sorta di bullismo fatto da un gruppo, che è bullismo fascista anche se è progressista, anche se è di sinistra, anche se ha la parvenza patinata di democraticità.

Di fatto in altra occasione il sig. Friedman ha messo in atto questo comportamento. Questa volta lo ha detto in un contesto piacione per fare il piacione e trovare sponda senza richiamo “al vecchio vizio di insultarebene e al rispetto” immediato nei presenti. Il ché è ancor peggio non solo per lui ma anche per la trasmissione e il servizio pubblico. E in studio vi erano delle donne. Non per categorizzare ma perché l’accento alla sensibilità di genere, che dev’essere per chiunque, donne e uomini, è venuto a cadere in nome di sentimenti di probabile e larvale invidia di un gruppo. Perché la faziosità, è bene ricordarlo, uccide ed è nemico del Bene Comune. Sotto ogni colore, rosso, nero, giallo..

I conduttori di unomattina, poi, hanno fatto una nota di distacco ma suona come una pezza che non mette in atto una seria auto-critica.

Come giustamente riporta Valeri Fedeli, capogruppo Pd in commissione di Vigilanza Rai. “Le risatine dei conduttori presenti in studio hanno rappresentato un'ulteriore offesa non solo alla signora Trump ma anche a tutti i telespettatori e telespettatrici, non solo donne. Se la direzione di Rai1 pensa che sia sufficiente una nota, evidentemente non ha chiara la gravità dell'episodio. Per restituire dignità e autorevolezza all'informazione targata Rai servono scelte concrete, provvedimenti precisi". 

Non ha solo sbagliato strutturalmente il sig. Friedman ma hanno sbagliato tutti i presenti ed hanno svelato un teatrino bullista che tradisce ogni deontologia minimale e basilare necessaria, quella umana.

L’errore delle scuse postume o del distacco postumo è grave perché non ci si è resi conto che non occorre una scusa o un “distacco da” (anche questa è moda) ma una seria autocritica di una impostazione sia del mestiere di giornalista, sia di opinionista, sia del servizio pubblico, sia del nostro essere civili, persone in un contesto socio-relazionale. Specie in un servizio pubblico pagato da una imposta che include quanto dicevamo. Secondo filosofia del diritto.

È questione di educazione civica che nasce anzitutto da una metànoia umanissima e da un senso autentico di critica di sé. Ed è valido per tutti, sotto ogni sensibilità partitica e sotto ogni prospettiva. Ed è ineludibile per un servizio pubblico.

Paul Freeman

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.