Charlie circondato di attenzione oranteIn uno stato di diritto in cui si sostiene la “Responsabilità genitoriale”, come principio fecondo del Bene Comune, non si avoca a sé questo “legame” ma al più si attua una dimensione “suppletiva”, davanti allo sgomento delle parole dei genitori di ieri alle 16:45 ora italiana che pronunciano testualmente:

“.. dopo i risultati della recente risonanza magnetica muscolare, è stato ritenuto che i muscoli di Charlie si sono deteriorati ad un livello ampiamente irreversibile e, se anche il trattamento funzionasse, la sua qualità di vita non sarebbe ora quella che vorremmo per il nostro prezioso piccolo ragazzo”

E che quindi, per motivi non chiari, ma probabile sfiancamento, i genitori ritornano sul tema della “qualità di vita”. Quello che è stato ed è la trama di tutta la vicenda di Charlie.

Ecco proprio qui lo Stato si deve far sentire non per “sostituirsi” ai genitori, ed avocare a sé un legame che non ha e non può avere, ma per dire nei fatti, nel diritto e nelle scelte:
“Cari genitori, non vi preoccupate, Charlie ha una sua dignità ineludibile, e noi vi aiuteremo a portare questo impegno di donazione. Perché Charlie è un bene insostituibile. Il vostro legame è un bene insostituibile. Una vita non perde di dignità con un degrado muscolare. Voi siete per noi preziosi, perché ci ricordate come essere uomini”.
In uno stato di diritto. E civile.

Invece di sentire la auto-legittimazione di un giudice che dice: “.. i genitori devono guardare in faccia la realtà, è nel migliore interesse di Charlie morire”. Capolavoro della disumanità.
La qualità della vita viene ora decisa per legge, per sfiancamento dei genitori e con la morte del Diritto.
Quel Diritto che dovrebbe difendere la vita e i legami fondamentali come Bene Comune.
Altro che oscurantismo.

Continuiamo a pregare e ad agire. Per Charlie ed altre situazioni simili. Senza stancarci.


Paul Freeman

P.S.
Nessuno si azzardi a ricercare capacità eroiche dei genitori di Charlie, sfiancati da una battaglia disumana contro una visione luciferina. Guai a farlo dietro una tastiera. Traiamo i criteri e circondiamo Charlie ed anche i suoi genitori di tutto l'affetto di cui necessitano. E non smettiamo di pregare per tutti coloro che "non sanno quello che fanno".

Share this post

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn


"L'articolo e le immagini sono state prese dal web al solo scopo di condividere il buono ed il bello, per il Vangelo, su questo sito, senza scopo di lucro. Nel caso di violazione del copyright, siate gentili, cortesemente, contattateci ed il materiale sara' subito rimosso. Grazie."

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.