Rassegna stampa etica

Gender studies, la non scientificità come vizio di origine

gender symbols"la differenza tra i sessi è una diseguaglianza
la diseguaglianza è un'ingiustizia
quindi la differenza sessuale è un'ingiustizia"

Ha avuto molta risonanza sul web la “confessione” di Christopher Dummitt, uno dei più grandi sostenitori della “scientificità” delle tesi gender: il docente canadese ha ammesso di aver fondato le sue tesi più su sue convinzioni di stampo costruttivista che su dati reali. I “gender studies”, infatti, altro non sono che il tentativo – su base demoscopica – di dimostrare che i generi esistono naturalmente nella popolazione, non sono il prodotto né dell’ideologia né della filosofia, e – proprio perché tali – devono trovare naturale accoglienza ed adeguato sviluppo nel tessuto sociale.

In questa puntata, vedremo che il primo dato scientifico ed evidente che abbiamo è il fatto che la sessuazione, maschile e femminile, non è né una scelta, né un prodotto della cultura: è un imprinting strutturale scritto in ogni cellula del nostro corpo. L’ideologia gender avvalla, invece, una visione dualistica dell’essere umano che però non corrisponde a ciò che noi siamo per natura: un unicum, un sinolo di corpo e psiche. La persona umana è costitutivamente sessuata: questo non è solo un dato naturale (biologico) ma di natura (essenziale).


Continua su Radio Roma Libera

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.