Rassegna stampa etica

Created Male and Female: An Open Letter from Religious Leaders

Adamo ed evaDecember 15, 2017

Dear Friends:

As leaders of various communities of faith throughout the United States, many of us came together in the past to affirm our commitment to marriage as the union of one man and one woman and as the foundation of society. We reiterate that natural marriage continues to be invaluable to American society.

We come together to join our voices on a more fundamental precept of our shared existence, namely, that human beings are male or female and that the socio-cultural reality of gender cannot be separated from one's sex as male or female.

We acknowledge and affirm that all human beings are created by God and thereby have an inherent dignity. We also believe that God created each person male or female; therefore, sexual difference is not an accident or a flaw—it is a gift from God that helps draw us closer to each other and to God. What God has created is good. "God created mankind in his image; in the image of God he created them; male and female he created them" (Gen 1:27).

A person's discomfort with his or her sex, or the desire to be identified as the other sex, is a complicated reality that needs to be addressed with sensitivity and truth. Each person deserves to be heard and treated with respect; it is our responsibility to respond to their concerns with compassion, mercy and honesty. As religious leaders, we express our commitment to urge the members of our communities to also respond to those wrestling with this challenge with patience and love.

Children especially are harmed when they are told that they can "change" their sex or, further, given hormones that will affect their development and possibly render them infertile as adults. Parents deserve better guidance on these important decisions, and we urge our medical institutions to honor the basic medical principle of "first, do no harm." Gender ideology harms individuals and societies by sowing confusion and self-doubt. The state itself has a compelling interest, therefore, in maintaining policies that uphold the scientific fact of human biology and supporting the social institutions and norms that surround it.

The movement today to enforce the false idea—that a man can be or become a woman or vice versa—is deeply troubling. It compels people to either go against reason—that is, to agree with something that is not true—or face ridicule, marginalization, and other forms of retaliation.

We desire the health and happiness of all men, women, and children. Therefore, we call for policies that uphold the truth of a person's sexual identity as male or female, and the privacy and safety of all. We hope for renewed appreciation of the beauty of sexual difference in our culture and for authentic support of those who experience conflict with their God-given sexual identity.

Sincerely Yours:


Most Rev. Joseph C. Bambera

Bishop of Scranton
Chairman, USCCB Committee on Ecumenical and Interreligious Affairs

The Most Rev. Dr. Foley Beach
Archbishop and Primate
Anglican Church in North America

The Rev. John F. Bradosky
Bishop
North American Lutheran Church

Most Rev. Charles J. Chaput, O.F.M. Cap.
Archbishop of Philadelphia
Chairman, USCCB Committee on Laity, Marriage, Family Life and Youth

Most Rev. James D. Conley
Bishop of Lincoln
Chairman USCCB Subcommittee for the Promotion and Defense of Marriage

The Rt. Rev. John A. M. Guernsey
Bishop, Diocese of the Mid-Atlantic
Anglican Church in North America

Rev. Dr. Matthew Harrison
President
Lutheran Church–Missouri Synod

Imam Faizal Khan
Founder and Leader
Islamic Society of the Washington Area

Most Rev. Joseph E. Kurtz
Archbishop of Louisville
Chairman USCCB Committee for Religious Liberty

Melchisedek
Archbishop of Pittsburgh
Orthodox Church in America

The Rt. Rev. Eric V. Menees

Bishop, San Joaquin
Anglican Church in North America

Rev. Eugene F. Rivers, III
Founder and Director
Seymour Institute for Black Church and Policy Studies
Church of God in Christ

Rev. Dr. Gregory P. Seltz, PhD
Executive Director
The Lutheran Center for Religious Liberty

The Rev. Paull Spring
Bishop Emeritus
The North American Lutheran Church

Rev. Tony Suarez
Executive Vice President
National Hispanic Christian Leadership Conference

Very Rev. Nathanael Symeonides

Ecumenical Officer
Greek Orthodox Archdiocese of America

The Rev. Dr. L. Roy Taylor
Stated Clerk, General Assembly
Presbyterian Church in America

Andrew Walker

Director of Policy Studies
Southern Baptist Ethics & Religious Liberty Commission

The Rev. Dr. David Wendel

Assistant to the Bishop for Ministry and Ecumenism
The North American Lutheran Church  

Paul Winter
Elder
Bruderhof

© http://www.usccb.org/issues-and-action/marriage-and-family/marriage/promotion-and-defense-of-marriage/created-male-and-female.cfm




Traduzione da Facebook

Creati maschio e femmina: una lettera aperta dai leader religiosi
15 dicembre 2017

Cari amici:

Come leader di varie comunità di fede in tutti gli Stati Uniti, molti di noi si sono uniti in passato per affermare il nostro impegno a favore del matrimonio come unione di un uomo e una donna e come fondamento della società. Ribadiamo che il matrimonio naturale continua ad avere un valore inestimabile per la società americana.

Siamo insieme per unire le nostre voci su un principio ancor più fondamentale della nostra esistenza condivisa, vale a dire che gli esseri umani sono maschi o femmine e che la realtà socio-culturale del genere non può essere separata dal sesso di un maschio o una femmina.

Riconosciamo e affermiamo che tutti gli esseri umani sono creati da Dio e quindi hanno una dignità intrinseca. Crediamo anche che Dio abbia creato ogni persona maschio o femmina; quindi, la differenza sessuale non è un incidente o un difetto: è un dono di Dio che ci aiuta ad avvicinarci l'uno all'altro e a Dio. Ciò che Dio ha creato è buono. "Dio ha creato l'umanità a sua immagine, a immagine di Dio li ha creati, maschio e femmina li ha creati" (Gen 1,27).

Il disagio di una persona con il suo sesso, o il desiderio di essere identificato come l'altro sesso, è una realtà complicata che deve essere affrontata con sensibilità e verità. Ogni persona merita di essere ascoltata e trattata con rispetto; è nostra responsabilità rispondere alle loro preoccupazioni con compassione, misericordia e onestà. Come leader religiosi, esprimiamo il nostro impegno ad esortare i membri delle nostre comunità a rispondere anche a coloro che lottano con questa sfida con pazienza e amore.

I bambini vengono particolarmente danneggiati quando gli viene detto che possono "cambiare" il loro sesso o, peggio, quando gli si somministrano ormoni che influiscono sul loro sviluppo e che potrebbero renderli sterili da adulti. I genitori hanno diritto ad avere delle indicazioni di maggiore qualità su queste importanti decisioni e invitiamo le nostre istituzioni mediche ad onorare il principio medico di base del "primo, non fare del male". L'ideologia gender danneggia gli individui e le società seminando confusione e insicurezza. Lo Stato stesso ha quindi un interesse impellente nel sostenere politiche che supportino il dato scientifico della biologia umana e nel sostenere le istituzioni sociali e le norme che la circondano.

L'attuale movimento, che rafforza la falsa idea che un uomo può essere o diventare una donna o viceversa, è profondamente preoccupante. Costringe le persone ad andare contro la ragione, perché o concordano con qualcosa che non è vero, oppure devono affrontare il ridicolo, l'emarginazione o altre forme di ritorsione.

Desideriamo la salute e la felicità di tutti gli uomini, le donne e i bambini. Pertanto, chiediamo politiche che sostengano la verità dell'identità sessuale di una persona come maschio o femmina, e difendano la privacy e la sicurezza di tutti. Speriamo in un rinnovato apprezzamento della bellezza della differenza sessuale nella nostra cultura e in un aiuto autentico a coloro che sperimentano un conflitto con la loro identità sessuale data da Dio.


 

Share this post

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.