Rassegna stampa etica

Conferenza Stampa di presentazione della Giornata Mondiale di Preghiera e Riflessione contro la Tratta di Persone, 07.02.2019

tratta delle persone 690x437Alle ore 11.30 di questa mattina, presso la Sala Stampa della Santa Sede, ha luogo la Conferenza Stampa di presentazione della Giornata Mondiale di Preghiera e Riflessione contro la Tratta di Persone, promossa dall’Unione Internazionali delle Superiore e dei Superiori Generali (UISG/USG), che ricorre ogni anno l’8 febbraio, giorno di Santa Giuseppina Bakhita. Il tema di quest’anno è “Insieme contro la tratta di persone”.

 

Intervengono alla Conferenza Stampa: P. Michael Czerny, S.I., Sotto-Segretario della Sezione migranti e rifugiati del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale; P. Frederic Fornos, S.I., Direttore internazionale della Rete Mondiale di Preghiera del Papa; Sr. Gabriella Bottani, S.M.C., Coordinatrice internazionale di Talitha Kum.

 

Inoltre, sono presenti alcuni sopravvissuti; Sr. Carmen Ugarte, O.S.R., Sr. Mary Adeline Abamo, S.D.S., due suore impegnate sul campo; P. Bruno Ciceri, C.S., Officiale del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale e Direttore dell’Apostolato del Mare internazionale.

 

Riportiamo di seguito gli interventi dei Conferenzieri:

 

 

 

Intervento di P. Michael Czerny, S.I.

 

 

 

World Day of Prayer and Awareness against Human Trafficking

 

On this World Day of Prayer and Awareness, the Vatican’s new Pastoral Orientations on Human Trafficking1 help us

 

  • To see more clearly: Why does the depravity of human trafficking persist in the 21st century? Is it simply that trafficking and slavery are very profitable?

 

  • To understand more deeply: How does the ugly, evil business of human trafficking operate? It stays hidden and invisible, but it functions nearly everywhere, like corruption. The State must protect its citizens and residents from entrapment and slavery. Yet there isn’t much effort to prosecute and punish.

 

  • To respond here and now, and to commit long-term: What can you and I do to alleviate and eliminate human trafficking?

 

The witnesses will describe unimaginable deception, coercion and suffering. Their testimony shows concretely what can be stolen from a human life for the pleasure and profit of others. It is inconceivable until you hear a victim, a survivor tell you how it happened to him or her.

 

At the heart of each victim’s story is the inviolable, sacred dignity of every human person, and at the heart of each survivor’s liberation is the solidarity of others.

 

The first to offer solidarity have been and are the Sisters, working quietly and quietly networking, and their worldwide network is here, Talitha Kum.2

 

Solidarity is also in the video Human Trafficking, vividly expressing the great concern of the Church, of millions praying around the world.3

 

We join in praying

 

Dear Saint Josephine Bakhita, help those blinded by greed and lust who trample the human rights and dignity of their brothers and sisters. Help them to break out of their hateful chains and to become fully human again.

 

Dear Saint Josephine Bakhita, help us when we feel tempted to look away and not to help, to reject others or even to abuse them.

 

O Loving God, let your merciful light flood into the darkest shadows. Bring salvation to the innocents who suffer under sinful abuse. Bring conversion to the utterly lost souls who hold them captive and exploit them.

 

_______________________

 

1 The Pastoral Orientations on Human Trafficking can be found at https://migrants-refugees.va/trafficking-slavery/ in various languages and formats.
2 https://www.talithakum.info/, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
3 For more information, https:/www.popesprayer.va/

 

 

 

 

 

Intervento del Rev.do P. Frederic Fornos, S.I.

 

Testo in lingua italiana

 

Campagna contro la tratta di esseri umani
Il Video del Papa di febbraio

 

Papa Francesco è fortemente impegnato nella lotta contro questo flagello nelle sue differenti espressioni. Di recente, nel suo Angelus del 20 gennaio, ha pregato per le vittime dei trafficanti di esseri umani, e anche, per i responsabili, lasciando che il silenzio mettesse l'accento su di esso.

 

È un dramma che porta nel cuore e nella preghiera da molto tempo. Ricorderete il volo di ritorno dall'Irlanda nel luglio 2018. Ha parlato della tratta di esseri umani, organizzata da trafficanti senza scrupoli, con tutto il suo orrore. Ci aveva già chiesto di organizzare questo mese di preghiera, ma proprio dopo questo viaggio, durante un incontro, mi ha chiesto insistentemente che la sua Rete Mondiale di Preghiera potesse davvero pregare per gli uomini, le donne e i bambini che vivono queste situazioni di schiavitù. Di fronte a questa tragedia umana, di fronte a tanta sofferenza, impotenza e angoscia di uomini, donne e bambini vittime della tratta di esseri umani e della schiavitù, spesso nel contesto delle migrazioni, è un grido che viene dal cuore, è il grido di preghiera al Signore. Per Francesco non sono numeri, sono nomi, volti, storie concrete, sono i nostri fratelli e sorelle nell’umanità. Non possiamo tacere se non vogliamo vendere la nostra anima al diavolo. Questo è il motivo per cui siamo qui. Per questo motivo abbiamo preparato con il Santo Padre il suo video mensile su questo dramma (www.ilvideodelpapa.org). Ascoltate le parole forti del Papa in questo video: “Di fronte a questa realtà tragica, nessuno può lavarsi le mani se non vuole essere, in qualche modo, complice di questo crimine contro l’umanità”.

 

Come indica il documento, presentato dalla sezione “Migranti e Rifugiati” del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale alla fine di gennaio, Orientamenti Pastorali sulla Tratta di Esseri Umani, al punto 21, è importante lavorare su campagne di diffusione, a livello nazionale e internazionale. È importante denunciare. E in questo lavora la Rete Mondiale di Preghiera del Papa, in collaborazione con coloro che sono seduti qui, con questo video del mese di febbraio. Questa tragedia non può essere ignorata, chiediamo, per favore, di renderla nota a tutti. Tuttavia, denunciare la nostra complicità non basta, per questo motivo è anche un'intenzione di preghiera del Papa: “Preghiamo per l’accoglienza generosa delle vittime della tratta delle persone, della prostituzione forzata e della violenza”.

 

Il video può essere visto su: www.ilvideodelpapa.org

 

 

 

Testo in lingua spagnola

 

Campaña contra la trata humana
El Video del Papa de febrero

 

El Papa Francisco está fuertemente comprometido con la lucha contra este flagelo en sus diversas expresiones. Últimamente, en su Ángelus del 20 de enero, rezó por las victimas de traficantes de personas, y también, por los responsables, dejando que el silencio ponga énfasis en ello.

 

Es un drama que lleva en su corazón y oración desde hace tiempo. Recuerden su vuelo de regreso de Irlanda, en julio 2018. Habló de la trata de personas, organizada por traficantes sin escrúpulos, con todo su horror. Ya nos había pedido organizar este mes de oración, pero justo después de este viaje, en un encuentro, me pidió con insistencia que su Red Mundial de Oración pueda realmente orar por los hombres, mujeres y niños, que viven estas situaciones de esclavitud. Frente a esta tragedia humana, frente a tanto sufrimiento, desamparo y angustia de hombres, mujeres y niños que son víctimas de la trata de seres humanos y de la esclavitud, a menudo en contexto de migración, es un grito que sale del corazón, es el grito de la oración hacia el Señor. Para Francisco no son cifras, son nombres, caras, historias concretas, son nuestros hermanos y hermanas en humanidad. No podemos callar si no queremos vender nuestra alma al diablo. Por esto estamos aquí. Por eso hemos preparado con el Santo Padre su video mensual sobre este drama. (www.elvideodelpapa.org) Escuchen las palabras fuertes del Papa en este video: "no podemos lavarnos las manos si no queremos ser, de alguna manera, cómplices de estos crímenes contra la humanidad".

 

Tal como dice el documento, presentado por la sección “Migrantes y Refugiados” del Dicasterio para el Desarrollo Humano Integral a finales de enero, Pastoral Orientations on Human Traficking, en el punto 21, es importante trabajar en campañas de difusión, a nivel nacional e internacional. Es importante denunciar. Y en ello trabajamos desde la Red Mundial de Oración del Papa, y en colaboración con quienes estamos sentados aquí, con este video del mes de febrero. Esta tragedia no puede ser ignorada, y les pedimos, por favor, darla a conocer ampliamente. Sin embargo denunciar nuestras complicidades no es suficiente, por eso es también es una intención de oración del Papa: “Recemos por la acogida generosa de la víctima de la trata de personas, de la prostitución forzada, de la violencia”.

 

El video se puede ver en: www.elvideodelpapa.org

 

 

 

 

 

Intervento di Sr. Gabriella Bottani, S.M.C.

 

Talitha Kum: 10 anni contro la tratta dei nuovi schiavi

 

«Celebrare la Giornata mondiale di preghiera contro la tratta è soprattutto l’impegno ad accendere una luce per la libertà, contro ogni forma di schiavitù»

 

Anche quest’anno è arrivato l’appuntamento dell’8 febbraio, memoria di Santa Bakhita, in cui si celebra la Giornata mondiale di preghiera e riflessione contro la tratta di persone. Una giornata che questa volta si unisce a un importante traguardo per Talitha Kum, la rete internazionale di religiose e religiosi creata nel 2009 dall’UISG (Unione Internazionale Superiore Generali) promotrice della Giornata. Talitha Kum infatti celebra i 10 anni di attività nel contrasto alla tratta delle persone nei cinque continenti.

 

Una lunga strada che ha portato grandi risultati. Oggi la rete è impegnata in attività di prevenzione, sensibilizzazione, protezione, partenariato e preghiera in 77 Paesi nei 5 continenti: 13 in Africa, 13 in Asia, 17 in America, 31 in Europa, 2 in Oceania. Nei 34 Paesi dove non ci sono reti nazionali i coordinamenti regionali o continentali hanno gruppi o persone di contatto.

 

Sono ben 34 i corsi realizzati per la costituzione delle reti, per un totale di 136 giorni di formazione, più un corso pilota per la formazione di 22 leader di Talitha Kum per azioni collaborative contro la tratta. Sono più di 1.000 le religiose formate, che operano in 65 Paesi, e oltre 2.000 i partecipanti delle reti guidate dalle suore e impegnati contro la tratta a diversi livelli.

 

Nel mondo ci sono 150 gruppi operativi delle reti di Talitha Kum. Oltre ai gruppi nazionali, si aggiungono i sottogruppi che sono stati comunicati da 17 reti nazionali, circa il 40% delle reti totali. Questo dato dimostra la capacità di articolazione e diffusione della rete sul territorio nazionale. Non a caso il nome scelto per la Giornata mondiale di quest’anno è “Insieme contro la tratta”: solo attraverso un lavoro congiunto, infatti, è possibile rispondere alla sfida della tratta, promuovere e rafforzare il dialogo e la cooperazione tra le parti interessate e contrastare chi sfrutta il “sogno” di migliaia di persone che cercano di migliorare le proprie condizioni di vita.

 

I 10 anni di Talitha Kum sono un tempo di grazia per la vita consacrata impegnata contro la tratta, nel quale siamo chiamate a ringraziare Dio per il percorso fatto, a verificare il nostro impegno e le azioni comuni e a guardare con coraggio e fiducia il nostro presente e il futuro, per comprendere la complessità del fenomeno in questo tempo difficile, dove tutto è in movimento e i diritti umani sempre meno tutelati.

 

Un grande impegno dell’Ufficio internazionale di Talitha Kum a Roma è il lavoro di lobbying a advocacy in collaborazione con altre realtà: come Dicasteri Vaticani e organizzazioni religiose presso le Nazioni Unite.

 

Riconoscere il percorso compiuto, verificare il nostro impegno e pianificare il futuro sono i passi che Talitha Kum farà durante la prima Assemblea generale della Rete dal 22 al 28 settembre prossimo, dove si riuniranno più di 90 suore impegnate nel mondo contro la tratta di persone.

 

© bollettino Santa Sede - 7 febbraio 2019