i genitori di CharlieLa vita va difesa fino in fondo, “quindi siamo profondamente alleati” dei genitori di Charlie Gard. Lo ha detto ieri sera il presidente della Conferenza episcopale italiana, il cardinale Gualtiero Bassetti in un'intervista a Tv2000. Oggi, infatti, si riunisce nuovamente l’Alta Corte di Londra per la sentenza sul caso del bimbo affetto da una rara malattia genetica. Dovrà valutare se applicare al piccolo il protocollo sperimentale messo a punto da un gruppo internazionale di esperti, coordinati dal Bambino Gesù. Nel precedente pronunciamento il giudice autorizzava al distacco delle macchine che tengono in vita il bimbo, così come chiedeva l’ospedale dove è ricoverato, il Great Ormond Street Hospital, contro il parere dei genitori che volevano sottoporlo ad una terapia sperimentale negli Stati Uniti e che continuano a chiedere che sia data una chance a Charlie.

“Come non ascoltare il grido di due genitori che invocano in fondo ogni mezzo per salvare la vita del loro figlio?”. Sono le parole chiare e forti del presidente della Cei sulla vicenda di Charlie, che sta facendo mobilitare e commuovere il mondo. “Grazie a Dio – rileva, infatti, il porporato - c’è stato un ascolto di questo grido, non solo da parte della Chiesa ma anche di tanta parte dell'opinione pubblica”. “Nessuno – conclude - ha il diritto di intervenire finche' ci sono delle condizioni di vita, quindi fin che c’è una possibilità di vita umana".

Ascolta le parole su Charlie del cardinale Gualterio Bassetti nell'intervista di Tv2000:



© http://it.radiovaticana.va - 13 luglio 2017


Share this post

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn


"L'articolo e le immagini sono state prese dal web al solo scopo di condividere il buono ed il bello, per il Vangelo, su questo sito, senza scopo di lucro. Nel caso di violazione del copyright, siate gentili, cortesemente, contattateci ed il materiale sara' subito rimosso. Grazie."

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.