Lista rassegna stampa mondo

Scuole cattoliche a rischio chiusura

libano scuola cattolicaAllarme dei Maroniti

BEIRUT, 13. Si aggrava la crisi delle scuole cattoliche libanesi, evidenziata dal mancato rinnovo dei contratti a cinquecento docenti. Il numero rilevante di insegnanti estromessi è emerso nei giorni scorsi, in prossimità del termine di scadenza per le iscrizioni degli allievi e la presentazione delle piante organiche degli istituti per il prossimo anno scolastico.
Notizia che accresce le preoccupazioni e la sfiducia tra le famiglie e si riflette nel calo delle iscrizioni degli allievi presso gli istituti più toccati dalla crisi. Per fronteggiare la situazione si è svolta il 5 luglio, presso la sede del patriarcato a Bkerké, una riunione d’urgenza dei responsabili degli istituti scolastici per cercare una soluzione assieme al patriarca di Antiochia dei maroniti, cardinale Béchara Boutros Raï. Come riferisce l’agenzia Fides, i singoli istituti hanno provato a seguire criteri ragionevoli nel disporre lo sfoltimento del proprio organico, non rinnovando l’incarico soprattutto a professori anziani vicini alla pensione, o a quelli che svolgevano solo poche ore di insegnamento. Le singole scuole stanno mettendo in atto anche altri provvedimenti per far fronte alla crisi, come l’accorpamento delle classi con pochi studenti. Nel contempo, i sindacati dei docenti dovranno decidere nelle prossime ore quali iniziative prendere. Padre Boutros Azar, attuale segretario generale delle scuole cattoliche, lamenta la passività delle autorità civili, rimaste inerti davanti ai ripetuti allarmi, lanciati già dallo scorso autunno, sul rischio di sopravvivenza di molte scuole non statali. La crisi ha avuto origine dalle nuove norme sulle griglie salariali dei lavoratori pubblici, approvate dal governo libanese nell’agosto 2017, che hanno messo in difficoltà gli istituti privati, obbligati ad aumentare gli stipendi ai propri dipendenti. La Chiesa maronita ha chiesto in più occasioni alle istituzioni politiche di farsi carico, almeno in parte, dei costi per finanziare le nuove griglie per i docenti delle scuole non statali, che al momento accolgono più di due terzi degli studenti libanesi.

© Osservatore Romano - 14 luglio 2018


Share this post

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.