Lista rassegna stampa mondo

Papa accetta dimissioni di McCarrick: non è più cardinale

Theodore McCarrick arcivescovo emerito di Washington AFP or licensorsAccusato di abusi su minore quando era prete a New York oltre 45 anni fa, McCarrick ha presentato le dimissioni da cardinale e Papa Francesco le ha accettate

Theodore McCarrick, 88enne arcivescovo emerito di Washington, non è più cardinale. “Papa Francesco - informa la Sala Stampa vaticana - ne ha accettato le dimissioni” e “ha disposto la sua sospensione dall’esercizio di qualsiasi ministero pubblico, insieme all’obbligo di rimanere in una casa che gli verrà indicata, per una vita di preghiera e di penitenza, fino a quando le accuse che gli vengono rivolte siano chiarite dal regolare processo canonico”. Nella serata di ieri era pervenuta al Santo Padre la lettera con la quale McCarrick “ha presentato la rinuncia da membro del Collegio Cardinalizio”.

Accuse credibili e fondate

Il mese scorso il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin, su indicazione di Papa Francesco, aveva già dato istruzioni affinché il cardinale McCarrick non esercitasse più pubblicamente il suo ministero sacerdotale. La decisione faceva seguito alle conclusioni di una Commissione dell’arcidiocesi di New York, che aveva definito “credibili e fondate” le accuse contro McCarrick riguardo ad abusi da lui compiuti su un minore oltre 45 anni fa quando era prete a New York. McCarrick aveva accolto la decisione pur dicendosi innocente.

Card. O'Malley: comportamenti incompatibili con il ruolo di sacerdote, vescovo o cardinale

Nei giorni scorsi, il card. Sean Patrick O’Malley, arcivescovo di Boston e presidente della Pontificia Commissione per la Tutela dei minori, si era detto sconvolto dalle notizie riguardanti McCarrick, accusato tra l’altro anche di comportamenti sessuali inappropriati con adulti. “Queste presunte azioni” - aveva affermato O’Malley in una nota – “sono moralmente inaccettabili e incompatibili con il ruolo di sacerdote, vescovo o cardinale”. “Questi ed altri casi richiedono più che delle scuse” - aveva sottolineato il porporato - e fanno notare che “quando vengono mosse accuse contro un vescovo o un cardinale, esiste ancora una grande lacuna nelle politiche della Chiesa sulla condotta e l’abuso sessuale”. La Chiesa negli Stati Uniti ha adottato una politica di “tolleranza zero” per quanto riguarda l’abuso sessuale di minori da parte di sacerdoti ma servono “procedure più chiare per i casi che coinvolgono vescovi”.

© http://it.radiovaticana.va - 28 luglio 2018





(LB) Dopo 91 anni in Vaticano si registra una situazione simile con un cardinale. E' noto che Papa Francesco ha accettato la rinuncia al Collegio cardinalizio dell'ex arcivescovo di Washington T. McCarrick, accusato e indagato per questioni di abuso sessuale e altri comportamenti inadeguati per un sacerdote. Nel 1927 Papa Pio XI, seppure per ragoni ben diverse, dovette rispondere anche alla rinuncia del porporato francese Louis Billot, accettandone le dimissioni. Si racconta che Billot, 91 anni fa, "fu convocato in Vaticano il 13 settembre 1927 e ricevuto in udienza dal Papa. Nella Curia Romana era ben noto il carattere irascibile di Pio XI e la sua tendenza a trattare anche i cardinali con molta severità e si aspettavano un acceso confronto nello studio papale.
Al contrario l'udienza fu stranamente breve e silenziosa. Pochi minuti dopo il suo ingresso, Billot uscì dalla sala senza zucchetto, anello e croce pettorale: aveva rinunciato alla dignità cardinalizia, indignato dalla dura presa di posizione del pontefice e della Segreteria di Stato contro l'Action française. Le sue dimissioni furono accettate il 21 successivo dal papa. Morì come semplice sacerdote gesuita il 18 dicembre 1931 all'età di 85 anni nei pressi di Roma." (Wikipedia)
Vicenda O'Brien
Alla vigilia del Conclave del 2013 che elesse Papa Francesco, scoppiò il caso del cardinale scozzese Keith  O’Brien. Il Comunicato della Santa Sede che chiarì definitivamente la vicenda il 15 marzo 2015 diceva: «Il Santo Padre ha accettato la rinuncia ai diritti e alle prerogative del cardinalato, espresse nei canoni 349, 353 e 356 del Codice di Diritto Canonico, presentata, al termine di un lungo itinerario di preghiera, da sua eminenza il signor Cardinale Keith Michael Patrick O’Brien, arcivescovo emerito di Saint Andrews and Edinburgh. Con questo provvedimento, Sua Santità manifesta a tutti i fedeli della Chiesa in Scozia la sua sollecitudine pastorale e li incoraggia a continuare con fiducia il cammino di rinnovamento e di riconciliazione».
Il cardinale O'Brien, a differenza di McCarrick e Billot, non perse mai il titolo cardinalizio.
L'inchiesta nel caso di O'Brien venne affidata nel 2014 a mons. Charles Scicluna in quanto Promotore di Giustizia della Congregazione per la Dottrina della Fede, oggi arcivescovo di Malta. Il porporato riconobbe alcune sue colpe dicendo: “Ci sono stati momenti in cui la mia condotta sessuale è stata sotto gli standard a me richiesti in quanto sacerdote, arcivescovo e cardinale”.

© il sismografo 28 luglio 2018

Share this post

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn