oli santiNessuno cerchi di separare le «tre grazie del Vangelo»: la verità «non negoziabile», la misericordia «incondizionata con tutti i peccatori» e la gioia «intima e inclusiva». È quanto ha raccomandato Papa Francesco nell’omelia della messa crismale presieduta nella mattina del Giovedì santo, 13 aprile, nella basilica Vaticana. Rivolgendosi ai quasi duemila preti che hanno concelebrato con lui rinnovando le promesse sacerdotali, il Pontefice ha parlato della missione del «lieto annuncio».
Che, ha spiegato, «è la perla preziosa del Vangelo» e «nasce dall’unzione». Per questo, ha aggiunto, abbraccia una verità non «astratta», una misericordia non ridotta a «falsa commiserazione» e una gioia «interamente personale»: la gioia «di Gesù nel vedere che i poveri sono evangelizzati e che i piccoli vanno a evangelizzare» . Ai preti il Papa ha anche indicato «tre icone di otri nuovi» in cui «il lieto annuncio si conserva bene»: quella delle anfore di pietra delle nozze di Cana, che di Maria rivelano in particolare la «pienezza contagiosa»; quella della brocca che portava sulla testa la samaritana e che al sacerdote ricorda la sua vocazione di «uomo della tenerezza» e della «concretezza»; quella, infine, dell’« o t re immenso del cuore trafitto del Signore, integrità mite, umile e povera, che attira tutti a sé». Da lui, ha sottolineato Francesco, «dobbiamo imparare che annunciare una grande gioia a coloro che sono molto poveri non si può fare se non in modo rispettoso e umile fino all’umiliazione: non può essere presuntuosa l’evangelizzazione».

Santa Messa del Crisma nella Basilica Vaticana, 13.04.2017

Share this post

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn


"L'articolo e le immagini sono state prese dal web al solo scopo di condividere il buono ed il bello, per il Vangelo, su questo sito, senza scopo di lucro. Nel caso di violazione del copyright, siate gentili, cortesemente, contattateci ed il materiale sara' subito rimosso. Grazie."

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.