Lista rassegna stampa mondo

I genitori di Alfie Evans chiedono, in accordo con l'ospedale, un ridimensionamento di attenzione

the last statementA fianco l'ultimo Statement fornito dalla pagina facebook di Aleteia Italia e di seguito il comunicato video, equilibrato e chiaro di Giovanni Marcotullio sullo Statement che suggeriamo di ascoltare attentamente.



Di seguito il testo in lingua italiana sempre fornito da Aleteia

Desidero fare una dichiarazione a nome mio e di Kate.

Le nostre vite sono state messe sottosopra dalla grande attenzione su Alfie e la sua situazione. La nostra picolla famiglia insieme all’Alder Hey è diventata il centro di rivoluzione per molte persone di tutto il mondo e ciò ha significato per noi non essere più in grado di vivere le nostre vite come vorremmo.

Siamo davvero riconoscenti e apprezziamo tutto il sostegno ricevuto da ogni parte del mondo, compresi i nostri sostenitori italiani e polacchi, i quali hanno dedicato il loro tempo e aiuto alla nostra incredibile lotta. Vi vogliamo chiedere ora di tornare alle vostre vite di tutti i giorni e permettere a me, Kate e all’Alder Hey di stabilire un rapporto, costruire un ponte e attraversarlo.

Desideriamo inoltre ringraziare il personale dell’Alder Hey ad ogni livello per la sua dignità e professionalità in un periodo che dev’essere stato incredibilmente difficile anche per loro. Insieme riconosciamo le tensioni dovute agli eventi recenti sono ricadute su tutti noi ed auspichiamo privacy per tutti i coinvolti.

Nell’interesse di Alfie lavoreremo adesso con la sua équipe curante su un piano che fornisca al nostro bambino la dignità e il benessere di cui ha bisogno.

Da questo momento in avanti non ci saranno altre dichiarazioni rilasciate, né interviste concesse. Speriamo che voi le rispettiate.

Grazie.


Anche noi come redazione rispettiamo il desiderio di questa famiglia mantenendoci vigili sui fatti.
Quelli raccontati e quelli non raccontati, perché non ci siano manovre di occultamento da parte del sistema Giudiziario britannico, da parte dell'Ospedale e da parte del Clero locale.
Spegnere i riflettori non vuol dire che cesseremo di sostenere Alfie e i suoi meravigliosi genitori con la preghiera e con iniziative in tal senso.
Nel contempo, essendo la questione del rispetto della vita veramente significativa e di ampia portata non lasceremo scivolare via la tematica sia a livello nazionale che internazionale.

La Redazione de
www.ilcattolico.it


Share this post

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.