Lista rassegna stampa mondo

Nella comunione e con franchezza E rinnova l’appello a difendere la Chiesa con la preghiera e la penitenza

synod 18 celebrazione finaleSi è concluso il terzo sinodo del pontificato di Francesco, ventottesima assemblea (tra ordinarie, straordinarie e speciali) in poco più di mezzo secolo, da quando cioè Paolo VI creò il Sinodo dei vescovi alcune settimane prima della conclusione del concilio, e da quando il nuovo organismo si riunì per la prima volta, due anni più tardi. Dati che da soli mostrano come, tra luci e ombre, questa istituzione sia ormai entrata nella normalità del cattolicesimo postconciliare.
La prassi sinodale è notoriamente legata alle origini stesse del cristianesimo e al suo configurarsi già in età tardoantica, per poi caratterizzare nel corso dei secoli e in vario modo la vita e lo sviluppo delle sue diverse confessioni. Più volte Bergoglio ha insistito sull’importanza della sinodalità, e un elogio di questa dimensione l’ha tessuto concludendo l’assemblea dedicata ai giovani. Francesco è intervenuto subito dopo l’approvazione a larghissima maggioranza punto per punto, durata ore, del lungo documento che ne è scaturito. Parlando a braccio il Pontefice è tornato a ribadire che il sinodo «non è un parlamento», bensì «uno spazio protetto» perché lo Spirito santo possa agirvi. E subito dopo ha aggiunto: «Il risultato del sinodo non è un documento, l’ho detto all’inizio. Siamo pieni di documenti. Io non so se questo documento al di fuori avrà qualche effetto, non lo so. Ma so di certo che deve averlo in noi». Per due motivi: perché «siamo noi i destinatari del documento, non la gente di fuori» e perché «è lo Spirito che ha fatto tutto questo, e torna a noi» ha insistito. Commentando poi il vangelo nella messa conclusiva dell’assemblea riunita in Vaticano per oltre tre settimane, il Papa ha spiegato «il cammino della fede» (e la stessa prassi del sinodo, che in greco significa appunto “camminare insieme”): una «via» — così negli Atti degli apostoli è denominato lo stesso cristianesimo — aiutata innanzi tutto dall’ascolto. «Quant’è importante per noi ascoltare la vita», e cioè i «bisogni del prossimo» ha esclamato Francesco. E, rivolto ai giovani, «scusateci se spesso non vi abbiamo dato ascolto; se anziché aprirvi il cuore, vi abbiamo riempito le orecchie» ha detto. Accenti autocritici che si ritrovano nel lunghissimo documento approvato dal sinodo e che sono più volte riecheggiati in queste settimane anche nel dibattito in aula e nei circoli minori, come a proposito della scarsissima valorizzazione del ruolo delle donne nella Chiesa. «La fede passa per la vita» ha sottolineato ancora il Papa: non va dunque concentrata solo su «formulazioni dottrinali», che non toccano il cuore, oppure «solo sul fare», che «rischia di diventare moralismo e di ridursi al sociale», ma deve «portare avanti l’opera di Dio al modo di Dio, nella prossimità» ha spiegato. Sulla dimensione evangelica della prossimità rappresentata dall’«antica storia del samaritano», come disse Montini chiudendo il concilio, Francesco è tornato all’Angelus parlando ancora dello «stile sinodale» e dell’ascolto, che deve tenere conto della realtà. Perché «è importante che si diffonda un modo di essere e di lavorare insieme, giovani e anziani, nell’ascolto e nel discernimento, per giungere a scelte pastorali rispondenti alla realtà». g. m .v. «Abbiamo lavorato in comunione e con franchezza, col desiderio di servire Dio e il suo popolo». Lo ha detto Papa Francesco tracciando un primo bilancio del sinodo dei vescovi sui giovani, apertosi il 3 ottobre scorso e concluso dopo oltre tre settimane domenica 28 con la messa nella basilica vaticana. Nell’omelia della celebrazione il Pontefice ha ribadito la volontà della Chiesa di mettersi in ascolto dei giovani «con amore», perché, ha spiegato, «Dio è giovane e ama i giovani». Da qui l’invito ad avere «un cuore docile all’ascolto», accompagnato da una richiesta rivolta direttamente ai giovani «a nome di tutti noi adulti: scusateci se spesso non vi abbiamo dato ascolto» e «anziché aprirvi il cuore, vi abbiamo riempito le orecchie». Un secondo atteggiamento indicato dal Papa è stato quello della «prossimità». Che significa, ha chiarito, «portare la novità di Dio nella vita del fratello». È questo, per Francesco, «l’antidoto contro la tentazione delle ricette pronte» e contro il rischio del dottrinalismo e dell’attivismo. «Noi — ha affermato — vogliamo imitare Gesù e come lui sporcarci le mani», diventando «portatori di vita nuova». Infine il Pontefice ha esortato alla testimonianza, ricordando che «non è cristiano aspettare che i fratelli in ricerca bussino alle nostre porte; dovremo andare da loro» portando Gesù e non «noi stessi, le nostre “ricette”, le nostre “etichette” nella Chiesa». Anche all’Angelus, recitato al termine della celebrazione, il Papa ha parlato dell’esp erienza sinodale, definita «un tempo di consolazione e di speranza» scandito dall’ascolto e dal «discernimento comunitario». Dopo la preghiera mariana, in piazza San Pietro sono risuonate anche le parole di dolore del Pontefice per il «disumano atto di violenza» avvenuto nella sinagoga di Pittsburgh. Nel pomeriggio di sabato 27, nel corso dell’ultima congregazione generale dell’assemblea, Francesco aveva preso la parola al termine della votazione del documento finale — il cui testo è stato approvato dai padri a larghissima maggioranza — per ribadire che il sinodo è «uno spazio protetto perché lo Spirito Santo possa agire» e per assicurare che il testo scaturito dalla riflessione dei padri ha bisogno ancora di studio e di riflessione. Dal Papa anche un nuovo appello alla preghiera e alla penitenza per difendere la Chiesa dalla «persecuzione» e dalle «accuse continue» a cui è sottoposta. «È un momento difficile — ha riconosciuto — perché l’Accusatore attaccando noi attacca la Madre, ma la Madre non si tocca».

© Osservatore Romano 29-30 ottobre 2018

Synod 18 - tutti i principali interventi

Share this post

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.