charlie foto"Infine, la decisione: Charlie Gard sarà trasferito in un hospice, dove sarà staccata la spina del respiratore artificiale che lo tiene in vita. Il giudice Nicholas Francis della sezione minori dell'Alta Corte ha deciso dunque che il piccolo di undici mesi affetto da una rara malattia genetica non trascorrerà le sue ultime ore di vita al Great Hormond Street Hospital di Londra ma in una struttura per malati terminali. Ieri il giudice aveva detto che in mancanza di accordo tra la famiglia e l'ospedale, la decisione l'avrebbe presa lui stesso. E così è stato.
La mamma, Connie Yates e il papà, Chris Gard avrebbero voluto portarlo a casa ma per i medici dell’ospedale di Londra, il Great Ormond Street, dove è in cura dallo scorso ottobre, un hospice sarebbe stata la soluzione migliore per il piccolo. Il respiratore sarà staccato poco dopo il trasferimento. Il nome dell’hospice e quando Charlie sarà trasferito dovranno restare riservati. «Chiunque pubblichi questi dettagli – è andato avanti il giudice – infrange la legge»". (© Avvenire - 27 luglio 2017)


Con questa decisione il Law inglese, con l'appoggio del GOSH, le macchinizzazioni dei legali e gli evidenti conflitti di interesse, pone fine alla vita di Charlie con un protocollo che, ipocritamente, viene chiamato "Best Interest".

Ma oramai è chiaro agli occhi di tutti che questo è omicidio ed accanimento di legge verso un disabile e la sua famiglia.

Ed è un precedente gravissimo.
Il tema di edonismo di stato e di humus che pervade l'occidente inerente la Qualità della Vita ha distorto ogni lettura.
Nel contempo come abbiamo fatto rilevare più volte, come voce univoca e chiara tra i commentatori cattolici, veniva anche calpestata la "responsabilità genitoriale" che è riconosciuta dalla legge e non creata per legge. Lo Stato, se occorre, ha capacità suppletiva e non sostitutiva. Tale legame precede lo Stato stesso.
Queste due tematiche, distorte per il delirio dell'umano in cui è immerso il Law inglese e via via, buona parte dell'occidente, ha creato uno scontro impari tra Istituzione e Genitori.
Come la storia insegna, la prima battaglia, la vince la prepotenza di chi è più forte. La prima battaglia.

Il ritardo di questi mesi, a causa di questo iniquo sistema e della testardaggine dei medici del GOSH, nonché della prepotenza del sistema stesso, ha evitato che si potesse approntare il protocollo di cura del piccolo.

Il quale appunto non sarebbe guarito ma sarebbe stato curato con decisi miglioramenti, forse non prevedibili, ma largamente auspicabili, secondo scienza medica.

I riflettori mediatici sulla vicenda e su questo sistema iniquo di procedere restano.

Verso Charlie ed i suoi genitori invece poniamo un silenzio carico di pietà e di preghiera... e di ringraziamento.

Mai più Charlie.

- La Redazione -

PS: Non smettiamo di pregare, perché a Dio ogni cosa è possibile.



Qui il comunicato del GOSH
http://www.gosh.nhs.uk/news/latest-press-releases/latest-statement-gosh-patient-charlie-gard



Qui il video commento de La Stampa

Qui altri interventi stampa


https://agensir.it/quotidiano/2017/7/27/charlie-gard-mamma-connie-non-abbiamo-avuto-controllo-sulla-vita-di-nostro-figlio-ne-sulla-sua-morte/

http://www.lanuovabq.it/it/articoli-charlie-agiranno-come-boianon-come-medici-20594.htm



Qui i nostri interventi

Il ventilatore si stacca quando non serve più ventilare, cioè perché il malato è guarito, o perché è morto.

Chris e Connie Gard, hanno mandato una lettera al gruppo \"Charlie\'s army\"

Charlie. Bambino Gesù: fatto il possibile ma arrivati tardi

La Qualità di vita non viene decisa né dallo Stato, né da un\'ospedale, né dai genitori. I genitori vanno sostenuti, per il principio del Bene Comune.

Charlie, il Papa prega per lui e per i genitori “in questo momento di immensa sofferenza”

Il Giudice Francis: i genitori devono guardare in faccia la realtà, è nel migliore interesse di Charlie morire

Popolo della Famiglia, l\'informazione corretta sul Caso Ratisbona e sulla vicenda di Charlie Gard - diretta Mario Adinolfi del 19 luglio 2017 ore 20:45

Charlie Gard. Il medico statunitense Hirano visita il bimbo

C\'è un conflitto d\'interessi nel caso di #CharlieGard?

Charlie. Il giorno dell\'udienza. Morresi: due mentalità a confronto

Charlie Gard. Card. Bassetti: siamo alleati dei genitori

CRITERI PER STABILIRE \"DANNI NEUROLOGICI IRREVERSIBILI\" E LA VOLONTÀ DI UCCIDERE CHARLIE A TUTTI I COSTI

Per i giudici e l\'ospedale il massimo interesse di questo bambino, Charlie, è morire

Alla cortese attenzione del Direttore dell\'Osservatore Romano - \"Charlie e Gesù\"

Card. Sgreccia: The 10 Critical Points on the affair of little Charlie Gard

Share this post

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn


"L'articolo e le immagini sono state prese dal web al solo scopo di condividere il buono ed il bello, per il Vangelo, su questo sito, senza scopo di lucro. Nel caso di violazione del copyright, siate gentili, cortesemente, contattateci ed il materiale sara' subito rimosso. Grazie."