dicastero laici e famigliaAlle ore 11.00 di questa mattina, presso la Sala Stampa della Santa Sede, si tiene la Conferenza Stampa di presentazione delle Catechesi Internazionali in preparazione al IX Incontro Mondiale delle Famiglie di Dublino che avrà luogo dal 21 al 26 agosto 2018.

Intervengono l’Em.mo Card. Kevin Farrell, Prefetto del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita; e Dott. Marco Tibaldi, consulente teologico del progetto “Il grande mistero” e autore dell’itinerario musicale abbinato alle catechesi.

Le sette catechesi, gli itinerari musicali e i video integrali dei brani artistici saranno disponibili in cinque lingue on line sul sito del Dicastero (www.laityfamilylife.va) dal 2 febbraio.

Riportiamo di seguito gli interventi dei conferenzieri:

Intervento dell’Em.mo Card. Kevin Farrell

Nella lettera di convocazione del 25 marzo 2017 il Papa stesso ha voluto dare alcune indicazioni sul tema affinché le famiglie potessero approfondire la riflessione e la condivisione sui contenuti di Amoris Laetitia, chiedendosi: “Il Vangelo continua ad essere gioia per il mondo? La famiglia continua ad essere buona notizia per il mondo di oggi?”. L’incontro di Dublino va al cuore del rapporto fra Vangelo e mondo di oggi e il nodo è proprio la famiglia. Papa Francesco, basandosi sul disegno di Dio, ha risposto alla domanda: sì!, la famiglia è ancora una buona notizia per l’oggi. Con sguardo realistico e con linguaggio immediato il Papa ha ricordato la comune esperienza di fragilità e debolezza che sperimentiamo quotidianamente e la necessità di un atteggiamento umile che ci spinga a rieducarci, ad accompagnare, a discernere e ad aiutare tutti e ciascuno. Il sogno di Papa Francesco, consegnato all’incontro di Dublino, è quello di “una Chiesa in uscita, non autoreferenziale, una Chiesa misericordiosa… e sappiamo quanto le famiglie cristiane siano luoghi di misericordia e testimoni di misericordia”.

Il Papa, poi, affidava al nostro Dicastero il compito di “declinare l’insegnamento di Amoris Laetitia” per aiutare le famiglie nel loro cammino. In questa prospettiva oggi, a sette mesi dalle giornate irlandesi, offriamo un aiuto nel percorso di preparazione: sette catechesi – semplici e stimolanti – per scandire i passi di avvicinamento delle diocesi, ma anche delle parrocchie e delle singole famiglie.

Le sette catechesi sono costruite attorno alla pagina evangelica dello smarrimento di Gesù dodicenne e il suo ritrovamento nel Tempio (Luca 2, 41-52), mostrando un intreccio tra il testo di Amoris Laetitia e la vicenda singolare della Santa Famiglia di Nazareth svelando quanto attuale e profetico sia l’annuncio del Vangelo della famiglia.

Riassumo in poche parole i temi delle sette catechesi. Si parte da uno sguardo concreto alle famiglie di oggi (prima), indicando l’attualità della Parola di Dio capace di illuminare il quotidiano familiare delle mura domestiche (seconda) per giungere al grande sogno che Dio ha per ogni famiglia (terza), anche lì dove le fragilità e le debolezze sembrano infrangerlo (quarta). Tutto questo fa sì che la famiglia sia nel mondo generatrice di una cultura nuova, quella della vita (quinta), della speranza (sesta) e della gioia (settima). Ogni catechesi si apre con una preghiera e si conclude con alcune domande possibili da condividere in famiglia o nella comunità ecclesiale.

I sette passi delle catechesi sono accompagnati da un emozionante itinerario musicale con altrettanti brani eseguiti dal M° Bocelli nel Concerto alla Basilica della Sagrada Familia di Barcellona. Di questo vi spiegherà il dr. Marco Tibaldi che ha collaborato al progetto.

Catechesi e itinerario musicale saranno disponibili online sul nostro sito e scaricabili in cinque lingue dal prossimo 2 febbraio, festa liturgica della Presentazione al Tempio. Come ulteriore sussidio verranno realizzati, mensilmente, piccoli video riassuntivi, utili per proiezioni in gruppi e parrocchie. Anche questi disponibili sul sito www.laityfamilylife.va e sul canale YouTube del Dicastero.

[00116-IT.01] [Testo originale: Italiano]

Intervento del Dott. Marco Tibaldi

La preparazione al IX Incontro Mondiale delle Famiglie del prossimo 21-26 agosto 2018 presenta alcune importanti e significative novità che riguardano sia le modalità di fruizione e divulgazione dei materiali sia il loro contenuto.

La prima decisione strategica è quella di rendere disponibili tutti i materiali in formato digitale, per consentire una loro divulgazione gratuita e capillare, anche a coloro che magari non avrebbero occasione di visionarli nel formato tradizionale cartaceo, mentre potrebbero accostarsi ad essi se ‘incontrati’ durante una navigazione sul web. Con questo si vuole favorire in modo particolare l’approccio al mondo giovanile e dei sempre più numerosi nativi digitali.

In secondo luogo, si è deciso di confezionare una serie di prodotti multimediali al fine di rendere più coinvolgenti gli itinerari di formazione, attraverso l’utilizzo della musica e del linguaggio visuale.

Per questi motivi, sono stati approntati tre tipi di testi organicamente collegati tra loro. Il primo è costituito da sette catechesi che affrontano alcuni snodi decisivi dell’esortazione post-sinodale di Papa Francesco Amoris laetitia, declinati a partire da un brano biblico unico che funge da cornice complessiva (lo smarrimento e il ritrovamento nel tempo di Gesù in Lc 41-52).

Sono brevi spunti di riflessione biblici ed esistenziali, che intendono attualizzare nella vita della coppia le suggestioni di Amoris laetitia. Ognuna di esse termina con alcune domande per facilitare l’assimilazione personale e il coinvolgimento dei lettori anche in una dinamica di gruppo.

Il secondo tipo di testi è costituito da sette video musicali, con relative schede di guida all’ascolto e collegamento alle catechesi, con brani eseguiti o scelti dal Maestro Andrea Bocelli, all’interno del progetto Il Grande Mistero. Il vangelo della famiglia scuola di umanità per i nostri tempi, che il Dicastero per la Famiglia i Laici e la Vita, assieme al maestro, ha cominciato dal 2015. Si tratta di incontri che si svolgono all’interno di grandi basiliche europee (finora la Sagrada Familia di Barcellona, il Santuario di San Giovanni Paolo II a Cracovia e la Basilica di Santo Stefano a Budapest) in cui si alternano momenti di catechesi sui temi dell’amore e della famiglia all’esecuzione di brani di musica sacra attinenti ai tempi proposti. Sette di questi brani sono stati selezionati e commentati al fine di utilizzare anche la forza della musica e dell’interpretazione del maestro Bocelli per presentare in modo coinvolgente i temi toccati nelle catechesi e in Amoris laetitia.

Il terzo tipo di materiale è costituito da una serie di sette video, di cui ora vedremo il primo, di presentazione dell’insieme del progetto formativo. Essi intendono essere uno strumento multimediale per incuriosire, motivare e accompagnare la fruizione completa dell’itinerario formativo. Possono essere utilizzati anche come efficace sintesi dei contenuti proposti, in quanto ripropongono sia in chiave simbolica sia testuale gli snodi principali del contenuto delle catechesi bibliche, il brano eseguito o scelto dal Maestro Bocelli e alcune chiavi per poterlo utilizzare negli incontri formativi.

Tutti i materiali sono tradotti in cinque lingue e scaricabili dal sito del Dicastero (www.laityfamilylife.va) a partire dal 2 febbraio prossimo.

© http://press.vatican.va/content/salastampa/it/bollettino.html - 25 gennaio 2018

Share this post

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn


"L'articolo e le immagini sono state prese dal web al solo scopo di condividere il buono ed il bello, per il Vangelo, su questo sito, senza scopo di lucro. Nel caso di violazione del copyright, siate gentili, cortesemente, contattateci ed il materiale sara' subito rimosso. Grazie."

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.