Newsletter ilcattolico.it

contact
La nostra newsletter ti consente di ricevere settimanalmente i nostri principali rilanci stampa,
le catechesi e tutti i momenti formativi e le campagne del sito.

Iscriviti, ti aspettiamo, clicca il link qui sotto per accedere alla pagina.

Dalle Chiese di tutto il mondo vicinanza e solidarietà alla comunità cattolica e al popolo del Nicaragua. Il presidente Daniel Ortega ha accusato i vescovi di “manovre golpiste contro il governo” e li ha definiti “satanisti”
 

Un legame da tenere vivo anche nella diaspora

Beirut, 21. Un’occasione per condividere con i giovani siro-cattolici provenienti da tutto il mondo la speranza di un «rinnovamento della comunità cristiana nello Spirito santo»: parole del patriarca di Antiochia dei siri, Ignace Youssif iii Younan, pronunciate in occasione della prima conferenza internazionale dei giovani della
 
Questo invito di Cristo richiama almeno due riferimenti previi della Sacra Scrittura.
 
«L’esperienza dell’emigrazione è dolorosa per ogni uomo; soffre chi è costretto a lasciare la famiglia, la casa, la terra, abbandonando affetti, costumi, lingua, cultura e tradizioni che compongono la propria identità; soffre la famiglia privata di un suo componente e smembrata; soffre la terra depauperata spesso delle sue risorse migliori. A ciò si affiancano le difficoltà dei popoli occidentali nel realizzare una difficile integrazione, spesso preoccupati — non sempre senza ragione — di preservare la loro sicurezza e la loro identità culturale e religiosa. Le lacrime dei tanti giovani immigrati che ho incontrato in questi anni danno ragione della complessità della vicenda».
 

È morto il papà del nuovo don Camillo

Era una figura discreta ma molto stimata sia del giornalismo che del cattolicesimo francese. Jean Mercier, redattore capo aggiunto del settimanale «La Vie», è spirato il 19 luglio a 54 anni dopo aver lottato contro una lunga malattia.
 
Il Padre nostro, come tutti i vangeli, è scritto in greco; farne una traduzione nelle varie lingue che non tradisca il senso originario non è semplice. Ora padre Matteo Munari, professore di sacra scrittura a Gerusalemme, nel piccolo ma denso libretto Padre nostro. Piccola guida per capire cosa stai chiedendo (Edizioni Terra Santa, Milano 2018, pp. 48, euro 4,90)aiuta anche a comprendere l'originale e la possibile traduzione di tale preghiera consegnata da Gesù. Una attenzione particolare è dedicata alla richiesta "non ci indurre in tentazione" come mostrano il seguente estratto del capitolo dedicato a tale petizione.
 
 
Gli occhi sbarrati e lo sguardo vitreo di chi si vede sottratto in extremis all’abisso che ha inghiottito altre vite umane sono solo l’ultima immagine di una tragedia alla quale non ci è dato di assuefarci.
 
Sarà proclamato santo il prossimo 14 ottobre Nunzio Sulprizio, il diciannovenne laico italiano che era stato beatificato da Paolo VI il 1° dicembre 1963 e che ora sarà iscritto nell’albo dei santi insieme al Pontefice lombardo durante il Sinodo dei vescovi dedicato ai giovani. Lo ha annunciato Papa Francesco nel corso del Concistoro ordinario pubblico per il voto sulla causa di canonizzazione del beato nato in Abruzzo, svoltosi nella mattina di giovedì 19 luglio.
 

Senza i cristiani non c’è Medio oriente

BEIRUT, 19. Non ci sarà più il Medio oriente se l’esodo dei cristiani continuerà a ridurre la loro presenza sul territorio: è quanto, in estrema sintesi, ha affermato nei giorni scorsi lo sceicco Abdel Latif Darian, gran mufti libanese, durante la cerimonia di consegna dei diplomi di fine corso scolastico a più di trecentocinquanta studenti delle classi superiori degli istituti Makased, le scuole private islamiche in Libano.
 

A TORINO UN #PROCESSO SURREALE

Nel corso dell’udienza di ieri contro Silvana De Mari, querelata dal Torino Pride, hanno chiesto la costituzione di parte civile sia l’Avvocatura comunale di Torino sia l’associazione-avvocatura per i “diritti Lgbt” (!). Il surreale processo alla d.ssa De Mari, accusata anche per articoli comparsi su “La Croce quotidiano”, riprenderà il 14 settembre prossimo ma, ora più che mai, non ci si può che augurare l’assoluzione perché semplicemente il fatto non sussiste
 
Due fogli manoscritti di santa Teresa di Gesù sono stati recuperati dalle forze dell’ordine spagnole, durante l’«operazione Camarín» contro il traffico illegale di opere d’arte. Le carte, provenienti dall’antico convento delle carmelitane scalze del Cuore di Gesù e di san Giuseppe di Medina del Rioseco, sono una testimonianza della difficile “battaglia terrena” che ha dovuto affrontare Teresa durante la sua coraggiosa opera di riforma della vita monastica spagnola, come si legge sul quotidiano spagnolo «La Razón» del 14 luglio scorso. I fogli sono stati ritrovati insieme a una ventina di altri esemplari di arte religiosa.
 

Il pericolo di un Vangelo diverso

Fabrizio Contessa

Gesù non promette salute e ricchezza ai suoi discepoli. Per questo non c’è nulla di più distante e, anche di pericoloso, per la fede cristiana che il criterio dell’efficienza e della funzionalità che fatalmente finisce per trasformare anche la Chiesa in una sorta di impresa multinazionale. È quanto sostengono padre Antonio Spadaro e Marcelo Figueroa in un articolo dedicato alla “teologia della prosperità” che verrà pubblicato sul prossimo numero della Civiltà Cattolica.
 

"Alla Tua Luce vediamo la luce"

Se c’è un figlio che ha reso teologicamente, compiutamente, il pensiero e l’intuizione del poverello di Assisi, quello è San Bonaventura da Bagnoregio, di cui oggi facciamo memoria.
Contemporaneo ed amico di San Tommaso, si differenziava dal Suo amico della Summa per una nuova sintesi tra Aristotelismo e Platonismo portando l’argomento Agostiniano ed Anselmiano poi, della conoscenza di Dio, al principio della co-intuitio.
Il dono di Scienza dello Spirito Santo, in certo qual modo, fa presa nel cuore dell’uomo per una sua predisposizione e profonda "nostalgia ed appartenenza" di Dio.
Questa fornisce un a-priori ontologico alla conoscenza di Dio, completabile solo nella Grazia e per Grazia.

 
"Quando sarete perseguitati in una città, fuggite in un'altra; in verità io vi dico: non avrete finito di percorrere le città d'Israele, prima che venga il Figlio dell'uomo" (Mt. 10,23)

«Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell'uomo non ha dove posare il capo». (Lc. 9,58)
 
Sposo, padre e artigiano che si fece padre dei poveri