CHIESA: CEI, 28 PAESI HANNO CANCELLATO DEBITO DAL 2000 A OGGI

(ASCA) - Roma, 18 giu - ''Ventotto Paesi hanno terminato l'iniziativa di cancellazione del debito. Laddove questa iniziativa si e' legata rigorosamente alla lotta alla poverta' per il futuro e con il coinvolgimento della societa' civile, i risultati sono stati positivi. Questa cifra pero' va messa in relazione alla totalita' dei Paesi, circa 70, che hanno un grave problema di debito''. Lo ha detto Riccardo Moro, gia' direttore della Fondazione ''Giustizia e solidarieta''', illustrando stamattina i risultati del ''Rapporto sul debito 2005-2010'' presentato nell'ambito del seminario promosso dal ''Tavolo giustizia e solidarieta''' della Cei, sul tema ''A dieci anni dalla Campagna ecclesiale sul debito estero''. ''Se il risultato delle campagne giubilari non ha sempre ottenuto cancellazioni - ha spiegato Moro - c'e' stato pero' un buon risultato a livello politico.

A differenza del passato, oggi questi principi sono riconosciuti e accettati e hanno prodotto un clima nuovo. In particolare, nel biennio tra il 1999 e il 2000, siamo entrati nella logica d'inserire il problema del debito nella prospettiva piu' ampia della lotta alla poverta', ponendo il tema dei finanziamenti allo sviluppo''.

Oltre all'impegno per i Paesi non toccati dalle cancellazioni, tra gli obiettivi per il futuro il Rapporto indica quelli di ''far crescere strumenti per costruire nuove regole di prestito piu' responsabile o per un arbitraggio delle crisi, etc.''. ''La giustizia si costruisce ricostruendo relazioni umanizzanti tra i popoli. In tal senso e' un lavoro che tocca la responsabilita' di tutti i cittadini della societa' civile''. Questa, ha aggiunto Moro, l'idea di fondo che ha guidato 10 anni di lavoro per la conversione del debito in Guinea e Zambia dove sono stati finanziati oltre 1.100 progetti.

Su questa linea il ''Tavolo giustizia e solidarieta''' continua il percorso iniziato con la campagna giubilare realizzata in Italia tra il 1999 e il 2001 richiamando all'impegno di tutti i cittadini nella societa' civile.

Rispetto al futuro il ''Rapporto 2005-2010'' evidenzia come la questione del debito ''presenta un nuovo rischio di vulnerabilita' di fronte alla crisi finanziaria''. Di qui l'urgenza di ''una seria governance finanziaria in cui tenere aperta anche l'attenzione per i finanziamenti allo sviluppo'', ''la sfida della formazione'' su questi temi, l'attenzione all'ambito ''del lavoro''. Piste d'''impegno civile'' individuate dal ''Tavolo'' per ''un'azione futura''.

© ASCA - 18 giugno 2010

Venerdì della XIX settimana delle ferie del Tempo Ordinario

S. Maksymilian Maria Kolbe, O.F.M. Conv. martire († 1941)

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.