Allora si apriranno gli occhi dei ciechi

Gesu-guarisceDalla prima lettura del giorno: Is 35,4-7a

".. Allora si apriranno gli occhi dei ciechi
e si schiuderanno gli orecchi dei sordi."

La Parola di Dio è un dono ed un impegno di Dio
e un impegno di ciascuno.
Occorre pregare sempre per i nostri fratelli atei, per i fratelli lontani e persino per gli anticlericali.
Sebbene siamo tenuti, per dovere battesimale, a dare le ragioni della nostra speranza, senza sconti e senza "diluizioni" mondane, abbiamo ancor prima il dovere di chiedere luce e guarigione per chi è nemico o per chi è lontano da Cristo.
Se non altro per restituzione.
Perché chi ha avuto il dono della fede sa bene,
se è onesto fino in fondo,
che in ognuno di noi si cela
un "nemico" di Cristo,
un "ateo",
un "giuda",
un "eretico".
Con la stessa grazia con cui siamo stati guariti
abbiamo il dovere di chiedere il dono della guarigione
per ogni menomazione del cuore e della mente
ed ogni paralisi dell'anima.