Accettare la nudità perché si è già rivestiti

fonte acqua

Accettare la nudità perché si è già rivestiti

"Nudo uscii dal seno di mia madre, e nudo vi ritornerò. Il Signore ha dato, il Signore ha tolto; come piacque al Signore, così è avvenuto: sia benedetto il nome del Signore! Se da Dio accettiamo il bene, perché non dovremo accettare il male?"
(Dalla lettura breve delle Lodi, Gb 1, 21 (Volg.); 2, 10b)

La nudità è essenziale perché riporta l'uomo alla sua condizione primigenia, ossia al dipendere in tutto e per tutto dalle mani del Padre.
Qui risiede la bellezza.
Però, anche se è relativamente semplice spogliarsi dei beni non essenziali,
diventa difficile rendersi docili ad essere spogliati da quelli essenziali
e diventa sovrumano accogliere lo spogliamento di quelli vitali
dal punto di vista fisico, psichico ed affettivo.

Eppure il desiderio della nudità non arriva se prima non si è ampiamente rivestiti da quella mano luminosa e calda che tutto sostiene.
E che sola ci basta.

Che il Padre ci porti qui e a fuggire,
per quanto possibile,
le quotidiane cisterne screpolate.