Newsletter ilcattolico.it

 
contact
La nostra newsletter ti consente di ricevere settimanalmente i nostri principali rilanci stampa,
le catechesi e tutti i momenti formativi e le campagne del sito.

Iscriviti, ti aspettiamo, clicca il link qui sotto per accedere alla pagina.

Pope Francis has sent a video message expressing his closeness with priests who live and work among the people of poor neighbourhoods of the Argentine capital.
Leggi su Vatican News


 
Turkish President Recep Tayyip Erdogan decrees that the Basilica of Hagia Sophia will become a mosque once again, following a ruling from the Council of State.
Leggi su VaticanNews


 
(ANSA) - ROMA, 10 LUG - La ragazza cristiana rapita, violentata e convertita forzatamente all'islam nell'ottobre del 2019 ha lanciato una richiesta di aiuto ai genitori. E' un aggiornamento del caso di Huma Younus che, grazie alla sua avvocatessa che si occupa di diritti umani e minoranze in Pakistan, Tabassum Yousaf, ha avuto una risonanza internazionale. "Huma ha chiamato i genitori informandoli che è rimasta incinta a causa della violenza carnale subita. A seguito della richiesta del padre di lasciare l'abitazione del sequestratore per tornare a casa la minorenne ha risposto che non le è permesso di uscire", ha riferito l'avv. Tabassum Yousaf in un colloquio con la fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre, che sta sostenendo le spese legali della famiglia.
Leggi su Ansa.it


 
Ha avuto una eco mediatica, pur circoscritta, il comunicato della Comunità di Vita Cristiana, comunità legata ai Gesuiti (e questo dovrebbe interrogare proprio loro) che si può leggere qui
 

SENZA DI ME NON POTETE FARE NULLA

Giovanni 15,1-8
1 «Io sono la vera vite e il Padre mio è il vignaiolo. 2 Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo toglie e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. 3 Voi siete già mondi, per la parola che vi ho annunziato. 4 Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può far frutto da se stesso se non rimane nella vite, così anche voi se non rimanete in me. 5 Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me e io in lui, fa molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. 6 Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e si secca, e poi lo raccolgono e lo gettano nel fuoco e lo bruciano. 7 Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quel che volete e vi sarà dato. 8 In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli.
 
L’ormai arcivescovo emerito ha salutato con una Messa la diocesi di Lione e ricordato il “lungo calvario” giudiziario che lo ha visto assolvere in appello dall’accusa di aver coperto gli abusi di Preynat. Ora Barbarin, bistrattato dal laicismo ma amato dai fedeli, farà il cappellano dalle Piccole Sorelle dei Poveri per riscoprire la sua vocazione, che è “quella di essere un prete”.
Leggi su Lanuovabq.it


 
(ANSA) - PALERMO, 10 LUG - E' giunto ormai al quarantesimo giorno il digiuno di Fratel Biagio Conte, il missionario laico fondatore della Missione Speranza e Carità di Palermo, che accoglie e assiste oltre un migliaio di persone indigenti.
Leggi su Ansa.it


 
Mario Draghi, Pedro Morandè Court e Kokunre Adetokunbo Agbontaen Eghafona sono i tre nuovi membri ordinari della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali nominati da Papa Francesco.
Leggi su Avvenire.it


 
Davanti a giovani vite spezzate emerge ancora più nitidamente il dilagare di un sistema di morte, radicato anche in Italia, sempre più finalizzato a liberalizzare le droghe definendole erroneamente “leggere”. In realtà gli scienziati, i medici, le persone che studiano seriamente il fenomeno sanno bene che non esistono sostanze “leggere” e “pesanti”. Di fatto tutte le droghe sono “pesanti”, anzi, sono macigni, perché provocano dipendenza, perdita del senso della realtà, annullamento della coscienza individuale. In una società liquida la dipendenza è diventata invisibile persino agli stessi familiari. Fino agli anni ’80 il “tossico” era un soggetto riconoscibile e quindi ci era più immediato soccorrerlo.
Leggi su Agenzia Sir


 
People, draped in Turkish flags, outside the Byzantine-era Hagia Sophia, one of Istanbul's main tourist attractions, following Turkey's Council of State's decision, Friday, July 10, 2020.
Leggi su startribune.com


 
Beirut (Agenzia Fides) - Il recente appello del Patriarca maronita Bechara Boutros Rai a puntellare internazionalmente la posizione di neutralità del Libano sugli scenari geopolitici mediorientali, comincia a suscitare reazioni eloquenti da parte di attori politici nazionali e regionali. 
Leggi su Agenzia Fides


 
Ankara (AsiaNews) – Alle 16 di oggi (ora locale), la televisione turca ha dato l’annuncio: la Corte suprema ha deciso che la basilica di Santa Sofia sia usata come moschea. Per questo la Corte ha annullato il decreto dei tempi di Mustafa Kemal Atatürk, del 1934, che trasformava la basilica - usata per quasi 500 anni come moschea dai tempi della caduta di Costantinopoli (1453) – in un museo. Il cavillo legale suggerito anche dal presidente Recep Tayyip Erdogan, è proprio che si annullasse il decreto del 1934, aprendo quindi lo spazio all’uso come moschea di uno dei monumenti bizantini più magnifici, utilizzata come chiesa per oltre 1000 anni.
Leggi su AsiaNews


 
Il Consiglio di Stato turco annulla il decreto del 1934 che aveva trasformato uno dei monumenti simbolo di Istanbul - fino al 1453 basilica e poi moschea - in museo. Erdogan firma il nuovo decreto.
Leggi su Avvenire.it


 
Nel Libano si fa sempre più grave la crisi economica. La popolazione si ritrova sempre più povera, la lira libanese ha perso più della metà del suo potere di acquisto. A fare paura oggi nel Paese dei Cedri non è la pandemia Covid-19 ma la fame. L’appello del presidente di Caritas Libano, padre Michel Abboud, “servono cibo, vestiti e medicine”
Leggi su Agenzia Sir


 
(da New York) Venti scuole nell’arcidiocesi di New York non riapriranno in autunno a causa delle ricadute finanziarie causate dal Covid-19. Tre scuole poi si fonderanno insieme. Anche la diocesi di Brooklyn ha annunciato la chiusura di sei scuole. La pandemia, oltre ad aver causato migliaia di ammalati, ha portato a licenziamenti di massa che non hanno consentito ai genitori di pagare le tasse scolastiche per i figli. 
Leggi su Agenzia Sir