Newsletter ilcattolico.it

contact
La nostra newsletter ti consente di ricevere settimanalmente i nostri principali rilanci stampa,
le catechesi e tutti i momenti formativi e le campagne del sito.

Iscriviti, ti aspettiamo, clicca il link qui sotto per accedere alla pagina.

La parte dell’Evangeli gaudium che mi spetta mostra in sostanza la preoccupazione del Pontefice che l’evangelizzazione non sia ingombrata dalla nostra attività, ragionamenti, schemi ma che appaia in primo piano il Signore stesso e il dono della sua vita.
 
È per me un grande onore e motivo di gratitudine essere stato invitato a tenere questa conferenza. Lo è soprattutto perché ho dovuto rileggere Evangelii gaudium. Avevo dimenticato quanto è gioioso e creativo quel documento. In questa conferenza dobbiamo focalizzarci su come è stato accolto e su ciò che ancora ci invita a fare. L’intero documento è una meditazione sullo Spirito Santo quale protagonista dell’evangelizzazione. Inizierò spiegando brevemente perché ciò non può non essere preoccupante per tutti noi; troppo, per qualcuno. Poi esaminerò più da vicino i paragrafi dei quali mi è stato chiesto di parlare, ovvero i numeri 34-39 e 115-118.
 
Qamishili e Idlib sono le zone nel nord della Siria, vicine al confine turco, dove ancora si combatte. A fronteggiarsi in una sorta di 'tutti contro tutti' sono l'esercito siriano, con il suo alleato russo, quello turco, le milizie curdo siriane, i ribelli anti-Assad, i jihadisti di Hayat Tahrir al -Sham e gli Usa. 
 
A una settimana dal sisma del 26 novembre scorso, che ha provocato 51 morti e circa 2.000 feriti, in Albania si comincia a fare la conta dei danni. Fonti del Governo parlano di “gravi danni” a circa 900 edifici a Durazzo e oltre 1.465 nella capitale Tirana. Sono 2.633 i cittadini sfollati ospitati in strutture alberghiere di Durazzo, Shengjin e Kavaja, oltre 2.500 quelli alloggiati presso i parenti. 
Leggi su Agenzia Sir


 
L’Udienza Generale di questa mattina si è svolta alle ore 9.00 in Piazza San Pietro dove il Santo Padre Francesco ha incontrato gruppi di pellegrini e fedeli provenienti dall’Italia e da ogni parte del mondo.
 
Riportiamo di seguito il Messaggio che il Santo Padre Francesco ha inviato alla Sig.ra Carolina Schmidt, Ministro dell’Ambiente del Cile e Presidente di Cop25, e ai partecipanti alla Conferenza sul Clima delle Nazioni Unite, in corso a Madrid dal 2 al 13 dicembre 2019, il cui testo è stato letto all’apertura dei lavori dal Cardinale Segretario di Stato Pietro Parolin:
 
Questa mattina, prima dell’Udienza Generale, il Santo Padre Francesco ha ricevuo in Udienza in Vaticano i Membri del Consiglio Direttivo del Sindacato autonomo indipendente polacco “Solidarnosc”, in occasione del 40° anniversario di fondazione.
 
Il dialetto: simbolo del legame con la terra di origine e la propria famiglia. Ma anche strumento di ironia e arma contro lo spionaggio. I Papi insegnano.
Leggi su Caffestoria.it


 
I testi delle narrazioni sono accompagnati da prototipi realizzati ad hoc. Le illustrazioni rappresentano persone e dettagli dei passi narrati. La responsabile del Servizio pastorale, suor Veronica Donatello: "Strumenti per permettere una partecipazione attiva alla liturgia e alla catechesi alle persone con disabilità"
Leggi su Agenzia Sir


 
Dai racconti delle donne che avevano sposato la missione del sedicente Stato Islamico emergono storie terribili: Al Jazeera fa luce sulle torturatrici della polizia religiosa istituita dall'organizzazione terroristica islamica. Una sola la parola d'ordine: rapire, colpire, torturare e uccidere le infedeli, le donne crociate o semplicemente senza velo. 
Leggi su LaNuovabq.it


 
Gerusalemme (Agenzia Fides) – Proseguono iniziative e mobilitazioni sostenute da entità culturali israeliane che puntano al rilancio della lingua e dell’identità aramaica. Domenica 1° dicembre, esponenti e studiosi appartenenti a comunità cristiane assire e siriache sparse per il mondo sono convenuti a Gerusalemme per prendere parte a un Convegno organizzato dal Comitato per il revival della Lingua aramaica e dal Movimento Tikkun, impegnato nella promozione della cultura israeliana, che ha abbracciato anche la causa del rilancio dell’aramaico, lingua antica parlata in tutto il Medio Oriente. 
Leggi su Agenzia Fides


 
L’iniziativa della Chiesa nella Giornata nazionale di solidarietà con i popoli indigeni per preservare e promuovere queste lingue a rischio di estinzione. L’esempio dei grandi missionari che hanno studiato le lingue e le culture dei popoli nativi per inculturare meglio il Vangelo nelle loro tradizioni
Leggi su Vatican News


 
Johann Baptist Metz (Velluck, 5 agosto 1928 – 2 dicembre 2019) è stato un teologo cattolico tedesco. Ha compiuto gli studi di filosofia e teologia a Bamberga, Innsbruck e Monaco di Baviera. Consegue il dottorato in filosofia nel 1952 e in teologia nel 1961. 
Leggi su IlSismografo


 
La costruzione della filiazione da parte dei bambini adottati è un processo complesso e laborioso che fallisce in un numero significativo di situazioni. Psichiatri e psicologi infantili osservano che, anche se allevati da genitori molto adatti, i bambini adottati spesso si interrogano in modo infinito sulle ragioni del loro abbandono, poiché l'adozione è sempre stata preceduta da una sorta di tragedia, che è l'abbandono. 
Leggi su Pressadvisor.it


 
Ahead of a seminar on Pope Benedict XVI’s encyclical “Caritas in veritate”, Cardinal Peter Turkson looks at the impact of the document in the areas of ecology and integral human development. Leggi su Vatican News


 
A una settimana dal sisma del 26 novembre scorso, che ha provocato 51 morti e circa 2.000 feriti, in Albania si comincia a fare la conta dei danni. Fonti del Governo parlano di “gravi danni” a circa 900 edifici a Durazzo e oltre 1.465 nella capitale Tirana. Sono 2.633 i cittadini sfollati ospitati in strutture alberghiere di Durazzo, Shengjin e Kavaja, oltre 2.500 quelli alloggiati presso i parenti. Domani in Albania il commissario europeo per la gestione delle crisi, Janez Lenarcic. A tutto campo e senza sosta l'impegno delle Caritas, Misericordie di Italia e di Avsi con la sua partner locale “Shis”
Leggi su Agenzia Sir


 
Roberto Righetto

Che il concetto di fraternità abbia origini cristiane nessuno lo può negare; al tempo stesso, che sia stato acquisito dalla società globale il riconoscimento dovuto alla Rivoluzione francese, che ne fece uno dei suoi princìpi-chiave assieme a libertà e uguaglianza, è stato un bene. Ma a differenza dei primi due, che hanno trovato spazio nelle Costituzioni degli Stati occidentali, la fraternità è stata se non espulsa quantomeno messa da parte, non considerata.
 
Il Dicastero per la Promozione dello Sviluppo Integrale ha organizzato un convegno internazionale per approfondire quale influenza l'enc. Caritas in Veritate possa ancora esercitare sulla società, a dieci anni dalla pubblicazione.
 
Solo su un cuore umile può germogliare lo Spirito di Dio. Così Papa Francesco oggi alla Messa mattutina a Casa Santa Marta. Il Papa dice che la rivelazione di Dio comincia sempre nella piccolezza che però non significa chiusura in se stessi, piuttosto fiducia in Dio e quindi capacità di rischiare
 
Pubblichiamo di seguito il Messaggio che il Santo Padre Francesco ha inviato in occasione della Giornata mondiale delle persone con disabilità, che ricorre oggi, martedì 3 dicembre, e che quest’anno ha per tema “Il futuro è accessibile”:
 
22 novembre 1903
  
Tra le sollecitudini dell’officio pastorale, non solamente di questa Suprema Cattedra, che per inscrutabile disposizione della Provvidenza, sebbene indegni, occupiamo, ma di ogni Chiesa particolare, senza dubbio è precipua quella di mantenere e promuovere il decoro della Casa di Dio, dove gli augusti misteri della religione si celebrano e dove il popolo cristiano si raduna, onde ricevere la grazia dei Sacramenti, assistere al santo Sacrificio dell’Altare, adorare l’augustissimo Sacramento del Corpo del Signore ed unirsi alla preghiera comune della Chiesa nella pubblica e solenne officiatura liturgica. 
 
I cieli hanno nuova dimora. I cieli sono qui. Non servono grandi ragionamenti. Non serve denaro. Non serve strategia o pubblicità. Serve solo di avere gli occhi aperti. Serve quella semplicità di cuore che sa accorgersi delle cose. Serve l'attesa, perché solo per chi attende arriva qualcosa. E per noi è più vero ancora perché solo per chi attende arriva Qualcuno. Così la nostra preghiera si fa cortissima, come un respiro che sussurra continuamente Maranathà, Vieni Signore Gesù
Leggi su Agenzia Sir