IL CASO STEPINAC. UN NUOVO CONTRIBUTO STORICO

alojzije stepinacRiceviamo dal Prof. Guiducci e rilanciamo

Pier Luigi Guiducci, Dossier Stepinac. Alojzije Stepinac (1898-1960). Un arcivescovo tra ustaše, četnici, nazisti, fascisti e comunisti, Albatros, Roma 2018.

Nell’attuale sviluppo di studi sulla figura e l’opera dell’arcivescovo di Zagabria mons. Alojzije Stepinac (1898-1960), creato cardinale nel 1953, si colloca questo nuovo lavoro del prof. Pier Luigi Guiducci, docente di storia della Chiesa presso la Pontificia Università Lateranense di Roma.  Il testo, preparato nell’arco di più anni, è stato ideato per raccogliere in un unico volume un insieme di dati storici che possono aiutare a leggere in un periodo particolarmente critico. Si tratta infatti di “entrare” in anni segnati dalle conseguenze della prima guerra mondiale (terminata nel 1918), dalle vicissitudini del regno dei Serbi, dei Croati e degli Sloveni (divenuto poi regno di   Jugoslavia), dalle tensioni tra etnìe diverse, dai movimenti indipendentistici, dallo scoppio della seconda guerra mondiale (1939), dall’avvento in Croazia del leader degli ustaše Ante Pavelić (1889-1959), dalla proclamazione dello Stato Indipendente di Croazia (1941). In realtà questi aspetti costituiscono solo il preludio a vicende particolarmente sanguinose. Infatti, quando Pavelic, con il sostegno del III Reich e del governo fascista italiano, riuscì a controllare la vita pubblica croata, ebbero inizio una serie di eccidi che colpirono non solo gli avversari interni (sostenitori di altre formazioni politiche), ma soprattutto i serbi (legati al credo ortodosso), gli ebrei e i rom.


Segue PDF dello Studio

pdfSCHEDA_LIBRO_STEPINAC.pdf