Liturgia

Notificazione della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti sulla memoria della Beata Maria Vergine Madre della Chiesa

Mother of God portrayed as a Byzantine empressNOTIFICATIO
de memoria Beatae Mariae Virginis Ecclesiae Matris

Post inscriptionem in Calendarium Romanum memoriæ obligatoriæ B.M.V. Ecclesiæ Matris, iam hoc anno feria secunda post Pentecosten ab omnibus celebrandæ, opportunum visum est indicationes quæ sequuntur præbere.

 

Rubrica quæ in Missali Romano legitur post formularia Missæ Pentecostes: «Ubi feria II vel etiam III post Pentecosten sunt dies quibus fideles debent vel solent Missam frequentare, resumi potest Missa dominicæ Pentecostes, vel dici potest Missa de Spiritu Sancto» (Missale Romanum, p. 448), adhuc viget quia non derogat præcedentiæ inter dies liturgicos quæ, quoad eorum celebrationem, unice regitur a Tabula dierum liturgicorum (cf. Normæ universales de Anno liturgico et de Calendario, n. 59). Simili modo præcedentia ordinatur a normis de Missis votivis: «Missæ votivæ per se prohibentur in diebus quibus occurrit memoria obligatoria aut feria Adventus usque ad diem 16 decembris, feria temporis Nativitatis a die 2 ianuarii, et temporis paschalis post octavam Paschatis. Si tamen utilitas pastoralis id postulet, in celebratione cum populo adhiberi potest Missa votiva huic utilitati respondens, de iudicio rectoris ecclesiæ vel ipsius sacerdotis celebrantis» (Missale Romanum, p. 1156; cf. Institutio Generalis Missalis Romani, n. 376).

Tamen, ceteris paribus, præferenda est memoria obligatoria B.M.V. Ecclesiæ Matris, textibus Decreto adnexis, cum Lectionibus indicatis, quæ tamquam propriæ censendæ sunt, quia mysterium Maternitatis spiritualis illustrant. In proxima editione Ordinis lectionum Missæ n. 572 bis in rubrica expresse indicabitur lectiones esse propriæ et ideo, quamvis agatur de memoria, dici debent loco lectionum pro feriis occurrentium (cf. Ordo lectionum Missæ, Prænotanda, n. 83).

In casu occurrentiæ huius memoriæ cum alia memoria principia generalia normarum universalium de Anno liturgico et de Calendario (cf. Tabula dierum liturgicorum, n. 60) sequenda sunt. Cum autem memoria B.M.V. Ecclesiæ Matris sit Pentecoste coniuncta, sicut pariter memoria Immaculati Cordis B.M.V. celebrationi Sacratissimi Cordis Iesu coniuncta est, in casu occurrentiæ cum alia memoria alicuius Sancti vel Beati, iuxta liturgicam traditionem præstantiæ inter personas, memoria B.M.V. prævalere debet.

Ex Ædibus Congregationis de Cultu Divino et Disciplina Sacramentorum, die 24 mensis martii 2018.

Robertus Card. Sarah
Præfectus

+ Arturus Roche
Archiepiscopus a Secretis

Traduzione in lingua italiana

NOTIFICAZIONE
sulla memoria della Beata Maria Vergine Madre della Chiesa

A seguito dell’iscrizione nel Calendario Romano della memoria obbligatoria della beata Vergine Maria Madre della Chiesa, che tutti devono celebrare già quest’anno il lunedì dopo Pentecoste, è sembrato opportuno offrire le seguenti indicazioni.

La rubrica che si legge nel Messale Romano dopo i formulari della Messa di Pentecoste: «Nei luoghi dove, per consuetudine, i fedeli partecipano numerosi alla Messa del lunedì e del martedì di Pentecoste, si riprende la Messa della domenica di Pentecoste o si dice una “Messa votiva” dello Spirito Santo» (Messale Romano, p. 243), vale ancora poiché non deroga alla precedenza tra i giorni liturgici che, in quanto alla loro celebrazione, sono regolati unicamente dalla Tabella dei giorni liturgici (cf. Norme generali per l’ordinamento dell’Anno liturgico e del Calendario, n. 59). Similmente la precedenza è ordinata dalla normativa sulle Messe votive: «Missæ votivæ per se prohibentur in diebus quibus occurrit memoria obligatoria aut feria Adventus usque ad diem 16 decembris, feria temporis Nativitatis a die 2 ianuarii, et temporis paschalis post octavam Paschatis. Si tamen utilitas pastoralis id postulet, in celebratione cum populo adhiberi potest Missa votiva huic utilitati respondens, de iudicio rectoris ecclesiæ vel ipsius sacerdotis celebrantis» (Missale Romanum, p. 1156; cf. Ordinamento generale del Messale Romano, n. 376).

Tuttavia, a parità di importanza, è da preferire la memoria obbligatoria della beata Vergine Maria Madre della Chiesa, i cui testi sono annessi al Decreto, con le letture indicate, da ritenere proprie, poiché illuminano il mistero della Maternità spirituale. In una futura edizione dell’Ordo lectionum Missae n. 572 bis la rubrica indicherà espressamente che le letture sono proprie e pertanto, sebbene si tratti di memoria, sono da adottare al posto delle letture del giorno corrente (cf. Lezionario, Introduzione, n. 83).

Nel caso di coincidenza di questa memoria con un’altra memoria si seguono i principi delle norme generali per l’Anno liturgico e il Calendario (cf. Tabella dei giorni liturgici, n. 60). Essendo poi la memoria della beata Vergine Maria Madre della Chiesa legata alla Pentecoste, come similmente la memoria del Cuore Immacolato della beata Vergine Maria è congiunta alla celebrazione del Sacratissimo Cuore di Gesù, in caso di coincidenza con altra memoria di un Santo o di un Beato, secondo la tradizione liturgica della preminenza tra le persone, prevale la memoria della beata Vergine Maria.

Dalla Sede della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, 24 marzo 2018.

Roberto Card. Sarah
Prefetto

+ Arthur Roche
Arcivescovo Segretario

© http://press.vatican.va/content/salastampa/it/bollettino.html - 27 marzo 2018


0
0
0
s2smodern