Che pretese questo cristianesimo

Volto-Gesu-zeffirellidi GERHARD LUDWIG MÜLLER

Oggetto della teologia è la fede, testimoniata dalla Chiesa, nell’autorivelazione di Dio nella persona e nella storia di Gesù di Nazareth. Tale auto-comunicazione di Dio mira a far sì che «gli uomini, per mezzo di Cristo, Verbo fatto carne, abbiano accesso al Padre nello Spirito Santo e siano resi partecipi della natura divina» (Dei Verbum , 2).
La fede come atto ( fides qua credi- tur ) di una relazione personale con Dio si distingue sì, quanto a origine e modo in cui si attua, dalla sempli- ce presa di conoscenza di un dato di fatto alla maniera della ragione scientifica. Ciò però non esclude che «la verità, che questa rivelazione manifesta su Dio e sulla salvezza degli uomini» ( ibid. , fides quae credi- tur ), sia fatta oggetto di riflessione con l’aiuto di metodi scientifici e sia posta globalmente in rapporto con la concezione della realtà e in parti- colare con la questione della salvez- za dell’uomo. La fede cristiana non si concepisce come espressione di un’esperienza irrazionale al di là di un rapporto razionale con il mondo, né come un’estasi religiosa sponta- nea o addirittura come un elemento di una visione speculativa del mon- do, quale propongono la gnosi, l’esoterismo, la teosofia, l’antrop oso- fia o la new age. Essa pretende piut- tosto di indicare in maniera definiti- va l’origine e il fine dell’uomo nell’orizzonte della sua relazione personale con Dio creatore, redento- re e perfezionatore del mondo. Una definizione del proprio rapporto con l’orientamento razionale ed eti- co del mondo è perciò costitutiva per la fede cristiana. La fede nasce dall’ascolto della parola di Cristo ( fides ex auditu )e si attua come assenso personale ( assen- sus fidei, affectus amoris ) alla inter- pellanza della parola di Dio (cfr. Romani, 10, 17). Ma in qualità di at- to umano tale ascolto implica anche una accoglienza intelligente della parola di Dio, ascoltata nella media- zione del linguaggio umano con la sua struttura logico-ermeneutica e i suoi principi della formazione del concetto e del giudizio. Auditus fidei e intellectus fidei sono sì distinguibili, ma non separabili, perché la fede contiene sempre in sé anche «una comprensione e una conoscenza dell’amore di Dio per noi nel Figlio suo», come afferma san Paolo (cfr. Efesini, 3, 19; 4, 13). Proprio a motivo della pretesa universale di salvezza per tutti gli uomini che Dio offre nel nome — cioè nella persona — di Gesù (cfr. At t i , 4, 12; Giovanni, 14, 6; 1 Timoteo, 2, 4), occorre assolutamente accerta- re l’«attendibilità dell’insegnamen- to» e del fondamento storico del vangelo di Cristo (cfr. Luca , 1, 1-4). La Chiesa non può, per la missione universale affidatale dal Signore (cfr. Matteo, 28, 19), ritirarsi in se stessa come un gruppo religioso. Essa sta, nella sua qualità di «sacra- mento della salvezza del mondo in Gesù Cristo» (Lumen gentium , 1), in un rapporto dinamico con il mon- do, con tutta l’umanità e con la sua storia. Un discorso razionale sulla fede e una comunicazione argomen- tativa del vangelo sono inseparabili dal carattere dialogico della parola di Dio: siate «sempre pronti a dare una risposta a chi vi chiede il moti- vo della vostra speranza» ( 1 Pietro, 3, 15). La dogmatica esamina dun- que l’intrinseca consistenza e coe- renza delle varie affermazioni di fe- de, che scaturiscono dall’unico fon- damento della rivelazione di Dio come Padre di Gesù Cristo e della rivelazione del «Figlio suo» (cfr. 1 Corinzi, 15, 1; Galati, 1, 11). Il problema fondamentale consi- ste nel sapere come possa nascere una fede ragionevole nella parola di Dio e come sia possibile una vici- nanza diretta dell’uomo a Dio, vici- nanza che rimane pur sempre legata alla mediazione umana della parola di Dio nella parola umana (cfr. 1 Te s a l o n i c e s i , 2, 13), senza che l’uomo, nel suo parlare di Dio, abbia invece a che fare soltanto con se stesso e con le proprie idee su Dio, come suppone Ludwig Feuerbach, quan- do sospetta che qui si tratti di una semplice proiezione. Il problema di fondo è quindi costituito dal modo in cui bisogna definire la «ragione» in generale e dal tipo di ragione fi- losofica da prendere come punto di riferimento nel sistema relazionale «fede-ragione». La gnoseologia teo- logica — o dogmatica fondamentale — ha pertanto il compito di chiarire il rapporto con la realtà, il campo degli oggetti, l’oggetto formale, nonché le fonti e i criteri della co- noscenza e della formazione teologi- ca del giudizio. Dal punto di vista gnoseologico, la teologia deve mostrare che la ra- gione umana, per quanto legata al mondo (sensi, legame con la cultu- ra, contestualità, storicità, socialità), è in linea di principio aperta alla trascendenza e che l’uomo può esse- re l’uditore di una reale rivelazione verbale di Dio nella storia. La teolo- gia deve definire il rapporto tra la pretesa della rivelazione di annun- ciare delle verità escatologiche e la sua struttura storica, nonché tra il carattere storicamente e socialmente condizionato dell’accesso alla sua interpellanza e al suo contenuto personale. Deve ancora formulare il concetto di verità delle affermazioni teologiche in maniera tale da conci- liare positivamente la totalità e la definitività della verità espressa nella proposizione dogmatica con la li- bertà della fede e della coscienza, senza che, per amore della libertà della fede, la pretesa specifica del cristianesimo di possedere la verità debba essere dissolta nella verità e funzionalità astratta di una religiosi- tà originaria, che con presunzione erronea starebbe dietro a tutte le re- ligioni. Dovrà infine riflettere sulla rilevanza sociale delle sue afferma- zioni teologiche. Per coltivare la teologia come scienza, bisogna ricorrere agli stru- menti ermeneutici della filosofia. La differenza di carattere e di tipo tra il modo di mediazione della rivelazio- ne biblica nel linguaggio umano nel mondo semitico, da un lato, e la formulazione di una teologia natu- rale nella filosofia greca, dall’a l t ro , sono evidenti. Tuttavia, la pretesa di essere una religione universale, avanzata dal cristianesimo, compor- tò per esso anche la necessità di esprimersi riflessamente con gli stru- menti di una filosofia sviluppata. La rivelazione biblica di per sé non è affatto a-metafisica. Essa presuppo- ne già sempre la trascendenza asso- luta di Dio e la possibilità della sua mediazione nello strumento del lin- guaggio umano e di conseguenza è sostanzialmente più vicina all’orien- tamento critico e riflessivo della realtà adottato dalla ragione umana nella filosofia, che non alla rappre- sentazione mitologica immaginifica del divino in seno alle religioni sto- riche. La teologia non può certo le- garsi in modo esclusivo a una deter- minata concezione filosofica e la- sciarsi da essa dettare i principi e i criteri della validità delle sue affer- mazioni. Criterio della formazione dei concetti è il contenuto della fede e non viceversa. E il contenuto della rivelazione cristiana non può, sotto i dettami di una gnoseologia scettica nei confronti della trascendenza, es- sere ridotto a un semplice materiale illustrativo dell’imperativo morale o dei sentimenti religiosi. La rivelazio- ne biblica presenta, sotto il profilo del contenuto e della forma, deter- minate richieste a una ontologia, una gnoseologia e una antropologia, che essa presuppone come criteri immanenti della propria validità. La relazione particolare della teo- logia scientifica con la Chiesa non può ridursi a una lealtà esteriore. La teologia deve piuttosto, per sua es- senza, portare il contributo della problematica specificamente teologi- ca nella forma e nella mediazione ecclesiale della fede e presupporre d’altra parte già sempre in partenza, come propri principi, gli articoli di fede testimoniati dalla Chiesa. La li- bertà della teologia non consiste, perciò, in una dispensa dall’oggetto a lei pre-esistente e dal metodo a lei adeguato. Una dispensa del genere equivarrebbe a una sua auto-distru- zione. La libertà della teologia con- siste nel concepirsi, in conformità alla propria natura e nel contesto della vita ecclesiale, come un’istanza che cerca di approfondire, con una pienezza sempre maggiore, la cono- scenza del proprio oggetto. Giustamente perciò il suo luogo è l’università, quale ambito specifico dell’ela- borazione della cultura.

© Osservatore Romano - 16 maggio 2013


Venerdì della XIX settimana delle ferie del Tempo Ordinario

S. Maksymilian Maria Kolbe, O.F.M. Conv. martire († 1941)

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.