Accanimento diagnostico e/o terapeutico

amore-al-malato-terminale.jpg 

1. L'accanimento diagnostico e/o terapeutico


                   A. Terapia ordinaria o straordinaria

                   B. Terapia proporzionata o sproporzionata

                   C. Criteri per individuare l'accanimento


2. L'abbandono del malato


3. Le cure palliative

                  

                   La sedazione


4. Il testamento di vita o dichiarazioni anticipate di trattamento


                   Alcuni fondati timori



Conclusioni

 

 

 

 

 

 

 


1. L'accanimento diagnostico e/o terapeutico


L'accanimento diagnostico e terapeutico consiste in quegli interventi con cui ci si ostina nel sottoporre il paziente a esami diagnostici e a terapie oramai futili, straordinarie e sproporzionate al suo concreto quadro clinico. Spesso il medico e il personale sanitario, soprattutto nei reparti di terapie intensive e di rianimazione, si pongono il drammatico dilemma: il massimo impegno terapeutico che posso esercitare corrisponde sempre al miglior bene del paziente ?

 

Ogni intervento diagnostico o trattamento medico comporta sempre un peso per il paziente: dolore, disagio, rischio di effetti collaterali. Tali conseguenze negative sono giustificabili solo sulla base del principio del volontario indiretto o azioni a duplice effetto, e quindi a condizione che le conseguenze negative siano proporzionate agli effetti benefici. Perciò, ogni trattamento inutile va sempre evitato, altrimenti si cade nell'accanimento terapeutico.


Talvolta si verifica questo caso: il trattamento terapeutico, quando fu prescritto era utile, successivamente, a causa del modificarsi del quadro clinico, è diventato inutile. Il personale curante deve essere capace di valutare in modo continuo e critico se la cura programmata sia sempre utile al singolo paziente. Il che va valutato non in astratto, ma caso per caso. La necessità di riferirsi al singolo caso nella sua viva concretezza è indicata anche nella definizione che l'Evangelium Vitae (n. 65) dà dell'accanimento terapeutico: "certi interventi medici non più adeguati alla reale situazione del malato, perché ormai sproporzionati ai risultati che si potrebbero sperare o anche perché troppo gravosi per lui e per la sua famiglia. In queste situazioni, quando la morte si preannuncia imminente e inevitabile, si può in coscienza "rinunciare a trattamenti che procurerebbero soltanto un prolungamento precario e penoso della vita, senza tuttavia interrompere le cure normali dovute all'ammalato in simili casi"".



A. Terapia ordinaria o straordinaria


Il carattere ordinario/straordinario della terapia è un criterio che considera la terapia in rapporto al singolo caso clinico in quel preciso contesto medico sociale. Il mezzo terapeutico è detto straordinario quando:

  1. aumenta il dolore e/o la sofferenza in modo insopportabile;
  2. è dispendioso;
  3. l'accesso ad esso è difficile o impossibile a tutti coloro che ne fanno richiesta.


B. Terapia proporzionata o sproporzionata


Ma i mezzi un tempo straordinari, grazie al progresso medico, oggi sono ordinari. Insieme al criterio di ordinarietà/straordinarietà della terapia si ricorre a un altro criterio: il carattere proporzionato/sproporzionato della terapia. Questo criterio considera non la terapia in quanto tale, ma il risultato ottenuto o sperato di essa. Il mezzo terapeutico è detto sproporzionato sulla base del confronto tra:

  1. tipo di terapia, grado di difficoltà, rischi, effetti collaterali, possibilità di applicazione, spese necessarie, da un lato;
  2. benefici attesi o ottenuti, dall'altro;

tenuto sempre conto delle condizioni reali del malato, delle sue forze fisiche e morali.


Questo criterio si fonda su un rapporto di adeguatezza tra mezzo terapeutico e effetti attesi e/o ottenuti. Ad esempio, nel caso di malati oncologici la stragrande maggioranza di essi riceve una terapia anti-neoplastica, non tanto a scopo terapeutico, ma per migliorare la loro qualità di vita. Nel caso di un paziente con tumore al colon e metastasi avanzate, è lecito chiedersi se la chemioterapia sia un intervento proporzionato. Se essa contribuisce a migliorare la qualità di vita ed è attuata con il minimo di disagio per il paziente (es. trattamento ambulatoriale, riduzione degli effetti collaterali, o comunque non penosi), allora potrà rimanere un mezzo ragionevole e, quindi, proporzionato. Un altro esempio, nel caso di un malato con metastasi diffuse di origine epatica che hanno ostruito le vie biliari e che ha continui conati di vomito, sottoporlo a un intervento chirurgico per sbloccare il coledoco e deviare il flusso della bile è un intervento che non è qualificabile come accanimento terapeutico, ma anzi è doveroso ed è qualificabile come una cura palliativa: non eliminerà la causa della patologia, ma almeno elimina alcuni sintomi di essa particolarmente sgradevoli e consentirà al paziente di ingerire qualche liquido.


Tuttavia, alla fine della vita arriva il momento in cui da un punto di vista terapeutico non è più realistico pensare di intervenire per arrestare la malattia o farla regredire. In una situazione del genere ogni atto di natura terapeutica rischia di essere sproporzionato. A questo proposito si consideri che somministrare antibiotici a pazienti in fin di vita non è necessariamente un atto sproporzionato, poiché la terapia antibiotica può procurare innumerevoli benefici, tra cui il controllo dei tumori in fase avanzata. Analogo è il caso della ventilazione assistita, perché allevia il senso di soffocamento. Inoltre, l'idratazione e l'alimentazione artificiali, anche se sono somministrate mediante fleboclisi, sondino nasogastrico o PEG, sono atti di assistenza al malato, ma non sono mai una terapia, perciò sono sempre doverosi. La sedazione, l'analgesia, la prevenzione delle piaghe da decubito sono cure ordinarie e proporzionate.


L'astensione dagli interventi diagnostici e terapeutici sproporzionati è fondamentale per favorire la fiducia tra personale curante e malato. È necessario distinguere nettamente tra astensione dalle cure sproporzionate o sospensione di esse, da un lato, e l'eutanasia, dall'altro: rinunciare ad iniziare o sospendere terapie straordinarie e sproporzionate non equivale al suicidio o all'eutanasia, ma esprime piuttosto l'accettazione della condizione umana di fronte alla morte (cfr. Evangelium Vitae, n. 65); mentre l'eutanasia è sempre un'azione o omissione volontaria specificata dall'obiettivo deliberato di volere la morte del paziente.


Nell'opinione pubblica in generale regna, invece, una grande confusione ingenerata spesso da articoli di giornale o da campagne pro-eutanasia. Altri sostengono che astensione/sospensione delle cure sproporzionate ed eutanasia siano equivalenti, perché a loro dire non conta la volontà del medico o dell'infermiere, ma contano solo le conseguenze visibili dell'atto compiuto, poiché in entrambi i casi la morte segue l'una e l'altra decisione. Ma questo modo di ragionare comporta l'irrilevanza etica degli atti umani.



C. Criteri per individuare l'accanimento


Manni, in uno studio del 1990, ha enumerato questi criteri per individuare l'accanimento diagnostico-terapeutico:

  1. la documentata inefficacia dei trattamenti, da cui deriva la loro futilità;
  2. la gravosità del trattamento;
  3. l'eccezionalità dei mezzi impiegati, i quali sono sproporzionati agli obiettivi da raggiungere.

I casi più difficili si verificano nei reparto di terapia intensiva e le difficoltà sorgono a causa:

  1. dell'incertezza della prognosi;
  2. delle speranza offerte da terapie innovative;
  3. dal fatto che il paziente non può esprimere il consenso.

A un ammalato, che è in imminente pericolo di vita ed è in un reparto di terapia intensiva, certamente saranno offerte le cure ordinarie e proporzionate come la sedazione e l'anelgesia, gli atti ordinari di assistenza, come l'idratazione, la ventilazione e la prevenzione delle piaghe da decubito. Si potranno offrire anche terapie intensive straordinarie, come la rianimazione cardiorespiratoria, la dialisi, l'infusione di farmaci vasoattivi, le trasfusioni e la contropulsazione cardiaca.

Si porrà fine alle terapie intensive nel caso di: 1) danni gravi e irreversibili al sistema nervoso centrale; 2) di fase terminale di patologie neoplastiche; 3) di fase terminale di patologie inguaribili non più rispondenti alle terapie intensive.


Si limiteranno le terapie intensive tenendo conto dei seguenti criteri in ordine decrescente di importanza: 1) terapia inutile o sproporzionata; 2) ridotta aspettativa di vita del paziente; 3) qualità della vita residua; 4) età del paziente; 5) dichiarazioni o desideri precedentemente espressi dal paziente, i quali per quanto non siano vincolanti vanno tenuti presenti; 6) parere dei familiari; 7) disponibilità delle risorse.


Occorrerà investire tutto il tempo necessario per spiegare al paziente, se è cosciente, ai familiari e all'équipe sanitaria le motivazioni del porre fine alla terapia intensiva. Questa decisione non significa arrendersi, significa invece: 1) evitare il rischio di ostinarsi in un trattamento futile, 2) accettare la morte come evento naturale, 3) farsi carico della persona malata nella sua globalità anche indipendentemente dal fatto della sua guarigione, 4) assicurare il benessere del malato mediante tutte le terapie del dolore e le cure palliative.


L'accanimento diagnostico/terapeutico è il rovescio della medaglia degli straordinari progressi compiuti dalla medicina, specie nel campo della rianimazione. È una sorta di lotta caparbia e disperata contro una morte ineluttabile e una forma di rifiuto dei limiti, i limiti dell'arte del curare, e quelli della finitezza della condizione umana. «Il medico deve astenersi dall'ostinazione in trattamenti, da cui non si possa fondatamente attendere un beneficio per la salute del malato e/o un miglioramento della qualità della vita».[1]


Possiamo, infine, individuare alcune cause dell'accanimento:

  1. la tentazione tecnicistica della medicina;
  2. l'illusione della medicina «onnipotente»;
  3. il timore di sequele medico-legali, sulla base di questo timore il personale curante esegue interventi anche non doverosi e sproporzionati.[2]


2. L'abbandono del malato


Il confine tra rifiuto dell'accanimento terapeutico e abbandono del malato, oppure tra l'accompagnamento a una morte senza sofferenze e l'eutanasia a volte è molto sottile ed è affidato alle intenzioni del paziente e del medico. Dipende in ultima analisi dal rapporti tra tecnica usata e intenzione perseguita nell'usarla. Di fatti la stessa tecnica può essere usata sia con l'obiettivo di lenire il dolore che di provocare la morte, oppure l'obiettivo di rifiutare l'accanimento terapeutico può essere all'origine di alcuni gesti che in un altro quadro clinico potrebbero configurare un abbandono del paziente.


Il far dipendere ogni scelta dalla sola volontà del paziente, che il medico sarebbe solo chiamato ad eseguire senza bilanciarla con la propria esperienza professionale, significherebbe scivolare verso un abbandono terapeutico di tipo burocratico. È necessario e urgente andare al di là del semplice consenso informato, che spesso non è reale date le fragili condizioni psicologiche del malato, per battersi al fianco del paziente, per assisterlo, per evitare la sua solitudine e lenire il suo dolore, insistere cioè sull'alleanza medico-paziente anche quando non ci sono speranze terapeutiche.




3. Le cure palliative


L'Associazione Europea per la Cure Palliative dà questa definizione: «Le cure palliative sono le cure attive e globali dei pazienti che non rispondono più ai trattamenti terapeutici, e per i quali la priorità diventa il controllo del dolore e degli altri sintomi fisici, sociali, psicologici o spirituali. Le cure palliative supportano la vita e considerano la morte un processo normale. Sono pluridisciplinari. Coinvolgono il paziente, la sua famiglia, i curanti e tutta la comunità medico-sanitaria».[3]


Sono, quindi, trattamenti destinati a pazienti affetti da patologie gravi inguaribili, che causeranno la morte a scadenza più o meno breve. Mirano a controllare i sintomi della patologia, a migliorare la qualità della vita del paziente e a offrire un'assistenza globale della persona malata e dei suoi congiunti. Anziché ostinarsi a respingere la morte dispiegando apparecchiature e trattamenti inefficaci, faticosi e penosi, le cure palliative privilegiano la qualità dell'assistenza fornita al paziente e ai familiari. I loro obiettivi sono:

  1. alleviare il dolore fisico e gli altri sintomi di sconforto;
  2. tener conto della sofferenza psichica;
  3. e favorire un buon rapporto tra il malato e i suoi familiari.

Le cure palliative mirano a lenire il dolore totale del malato: questi non ha solo il dolore fisico, ma anche il dolore sociale che consiste nel fatto di subire il taglio drastico delle sue relazioni sociali o di vederle profondamente modificate. Le relazioni di amicizia sono fondamentali in ogni momento della vita, l'amicizia autentica ci rende capaci di accettare ogni difficoltà. Perciò le cure palliative vogliono assicurare un ambiente relazionale umanamente stimolante, in modo da valorizzare gli ultimi momenti della vita.


In caso di tumore, la terapia palliativa potrà comprendere interventi di chirurgia, radioterapia, chemioterapia, terapie ormonali, il trattamento delle infezioni, la fisioterapia, il sostegno spirituale e psicologico.


Una difficoltà di ricorso alle cure palliative è dovuta a un errore del personale sanitario. Nella fase avanzata di patologie gravi i medici sopravvalutano la speranza di vita del paziente per eccesso nel 63% dei casi circa. Da ciò derivano alcune tragiche conseguenze: 1) le cure offerte negli ultimi mesi o giorni sono inadeguate perché inutili; 2) il ritardo o l'impossibilità di indirizzare il paziente nei reparti di cure palliative. Infatti, istituire servizi di palliazione e accedere alle cure palliative sono strettamente dipendenti dalla valutazione circa la sopravvivenza del malato.[4]



A. La sedazione


La sedazione, anche a base di morfina, è un valido aiuto per sollevare il malato in fase acuta e avanzata, a condizione che non esista altro mezzo per alleviare il suo dolore, che siano state esplorate tutte le altre alternative, e che il malato sia informato e dia il suo consenso.

Quando, invece, la sedazione è usata per sconfiggere lo sconforto morale, non è lecita, perché il rimedio adeguato a quel tipo di sofferenza non è sopire la coscienza, ma dare consigli appropriati, sostegno umano e spirituale, farsi carico del paziente.

Si parla anche di «sedazione terminale» intendendo con essa la somministrazione di una dose massiccia di morfina, la quale proprio perché è somministrazione di una dose massiccia rivela l'intenzione di eutanasia. Infatti, se l'intenzione dell'agente fosse quella di sedare il dolore le somministrazioni sarebbero molte, fino a una ogni quattro ore, e non di quantità massicce, ma di quantità che aumenta gradualmente e in modo lieve. Piergiorgio Welby ha chiesto ripetutamente la «sedazione terminale» e pare che il medico gliela abbia somministrata.


La sedazione palliativa ha come scopo quello di alleviare il sintomo. La sedazione terminale, invece, ha lo scopo di uccidere il paziente. La prima consiste in una procedura che abbassa progressivamente la coscienza per far sentire al malato il minor dolore possibile, la somministrazione va monitorata in base a come il sintomo risponde. La seconda consiste nel somministrare un farmaco litico in dose massiccia. La prima ha come risultato il sollievo del sintomo del dolore e come effetto collaterale possibile l'accelerazione del processo di morte. La seconda ha come risultato la morte. Perciò, la prima è eticamente lecita, la seconda è eticamente illecita.



4. Il testamento di vita o dichiarazioni anticipate di trattamento


«A X affido il compito di rendere edotti i medici curanti dell'esistenza di questo testamento di vita con il quale, in caso di malattia o lesione traumatica cerebrale irreversibile e invalidante, o malattia che mi costringa a trattamenti permanenti con macchine o sistemi artificiali che impediscano una normale vita di relazione, chiedo di non essere sottoposto ad alcun trattamento terapeutico né a idratazione e alimentazione forzate e artificiali in caso di impossibilità ad alimentarmi autonomamente».

È questa la proposta del testamento biologico presentata il 23 giugno 2006 dal prof. Veronesi non è una novità: è la copia conforme di un testo reso pubblico il 18 febbraio 1994 dalla British Medical Association e successivamente bocciato dalla Camera dei Lord di Londra.


Le dichiarazioni anticipate possono essere uno strumento per escludere l'accanimento terapeutico. Ma l'accanimento è concordemente condannato. Perciò che utilità hanno le dichiarazioni? Inoltre, non si può prevedere a tavolino in astratto un quadro clinico futuro e fissare dei limiti oltre i quali ci sarebbe accanimento.


Cosa dire in merito al suo contenuto? Innanzitutto la prudenza che nasce dall'esperienza della vita concreta può fare tre obiezioni.

Nessuna persona sana e nel pieno possesso delle facoltà mentali può sapere cosa si prova quando si è colpiti da una malattia incurabile e si è entrati nella fase avanzata di essa. Chi scrive il testamento è estraneo al vissuto della malattia. Perciò, invocare il principio del consenso informato per giustificare le dichiarazioni anticipate di trattamento rischia di essere fuorviante.

Nessuno può prevedere con certezza quali saranno i progressi scientifici e medici nella diagnosi e nella cura di una particolare malattia. Terapie oggi penose per il malato, domani grazie ai progressi della tecnica potrebbero essere praticate con minori oneri. Perciò, il testamento reso oggi per un futuro prossimo o remoto potrebbe diventare impreciso o fuori luogo.

Non è detto che le volontà che io oggi esprimo corrispondano esattamente a ciò che io desidererò quando sarò colpito da una malattia grave. Potrei aver cambiato idea e non aver avuto il tempo di manifestarlo. Posti tutti questi dubbi circa un bene fondamentale, com'è quello della vita, è doveroso astenersi da qualsiasi atto che possa pregiudicarla.


Entrando maggiormente nel merito, noteremo che il testamento biologico stravolge il rapporto medico-paziente. Infatti, esso rappresenta una delle estreme esasperazioni dell'autonomia del paziente. Rifiutando in modo deciso il modello paternalistico viene adottato il modello autonomistico o contrattualistico sulla base di una presunta parità fra i contraenti del rapporto, cioè tra medico e paziente. Ma tutto ciò altera l'identità delle due figure in gioco. Il medico, da professionista che agisce nell'interesse e nel bene della salute del paziente, è degradato ad essere un esecutore delle volontà del paziente.


In questo modello il medico potrà essere anche abilissimo tecnicamente, ma sarà sempre incompetente dal punto di vista decisionale. Il paziente, invece, diventa un puro cliente che può chiedere tutto al medico. In realtà, la parità tra i due contraenti non esiste, perché il medico "sa", mentre il paziente, anche quando è perfettamente informato delle sue condizioni e delle possibilità terapeutiche, non è libero di sfuggire alla malattia e spesso è incapace di un confronto obiettivo con istanze morali e scientifiche. Il rapporto medico-paziente è un rapporto strutturalmente asimmetrico. Il medico, se non vuole essere ridotto a semplice erogatore di servizi, deve conservare la sua autonomia professionale e la sua dignità etica per cui, avendo di mira il bene e la vita del paziente, valuterà sempre se le richieste del paziente o il trattamento terapeutico adottato siano adeguati al caso concreto. Inoltre, se il medico non potesse fare riferimento al bene del paziente (ricerca della salute o eliminazione progressiva del dolore), non potrebbe sorgere l'alleanza solidaristica tra medico e paziente.


Nel modello dell'alleanza terapeutica il medico terrà conto delle dichiarazioni espresse dal paziente, ma le potrà disattendere sulla base delle conoscenze e dei progressi della medicina e interpreterà le intenzioni del paziente all'interno del contesto in cui il paziente le ha manifestate. Inoltre, dobbiamo riconoscere che l'autonomia del paziente non può essere esasperata fino a farne un assoluto, perché spesso il paziente non è in grado di valutare appieno la sua malattia e lo sviluppo della scienza e dell'arte medica. Piuttosto è fondamentale che il medico si faccia carico dello stato complessivo del paziente suo interlocutore, creando tutte le condizioni perchè il paziente, mediante il dialogo, l'informazione e l'incoraggiamento, possa orientarsi verso la scelta migliore per la sua persona.


Perciò, il testamento biologico, mentre sembra esaltare la libera scelta del malato, in realtà ne lede gravemente la dignità, perché il valore di un individuo umano, per quanto malato, non dipende dalla più o meno normale vita di relazione, che è in grado di vivere.


Nel testo proposto si legge che il malato chiede «di non essere sottoposto ad alcun trattamento terapeutico né a idratazione e alimentazione forzate e artificiali in caso di impossibilità ad alimentarmi autonomamente». In pratica il malato che redige il testamento biologico si espone volontariamente, ma forse ne è ignaro, al rischio di morire di fame e di sete in quanto rinuncia all'idratazione e all'alimentazione mediante flebo. Proporre questo tipo di testamenti sarebbe un atto di solidarietà e di pietà?


Le motivazioni addotte a favore del testamento biologico giocano su un'ambiguità: per evitare l'accanimento terapeutico si propone il testamento biologico, cioè la generica e vaga rinuncia a terapie. Tuttavia, mentre è moralmente lecito, anzi doveroso, sospendere tutti quegli atti diagnostici o/e terapeutici che si configurano come accanimento ostinato, non è mai lecito omettere di idratare e alimentare, perché idratare e alimentare non sono terapie. Se lo fossero, allora tutte le volte che ci sediamo a tavola ci sottoporremo a una terapia? Ma il testamento biologico è l'unica cosa che un oncologo può offrire a un malato in fase avanzata? Esistono delle alternative?


Le proposte a favore del testamento biologico destano sconcerto. Nella sua genericità legittima l'abbandono terapeutico di molti malati che grazie alle moderne tecnologie potrebbero continuare a vivere e ad esprimere la loro personalità. Attenua la solidarietà umana e il vincolo morale e professionale che lega il medico al bene della persona malata. Spinge verso l'eutanasia volontaria e preventiva. Dal punto di vista sociale è particolarmente pericolosa perché le persone più anziane e più sole, più vulnerabili sarebbero più esposte al richiamo «di farla finita al più presto». D'altronde come ha riconosciuto un'associazione di psicologi olandesi dopo la legalizzazione dell'eutanasia, gli individui più vulnerabili avvertono una pressione, reale o immaginaria, che li spinge a richiedere di accelerare la morte e sono spesso assaliti dal dubbio di essere di peso alla società.


Lo sconcerto aumenta se pensiamo che la proposta è stata lanciata da un noto oncologo, il quale dovrebbe essere esperto nel lenire il dolore, se non è possibile la cura, e non nel suggerire una morte anticipata e dolorosa. Desta meraviglia anche il fatto che i mass media parlino tanto di eutanasia o di testamento biologico, mentre tacciono sui continui progressi nel trattamento del dolore, soprattutto grazie a un dosaggio calibrato di morfina.


La proposta a favore del testamento biologico risulta deprimente. Mentre le proposte solidaristiche, che mirano ad accogliere le esigenze dei malati in fase acuta e avanzata, sono quelle che puntano sulla ricerca scientifica e farmacologica nel trattamento del dolore e sulla formazione di personale specializzato nel sostegno e nella cura dei malati e dei loro congiunti.


Il principio che sorregge questo strumento è discutibile e la sua credibilità è più che dubbia, vista «la frequenza dei casi in cui il malato sconfessa il suo documento quando è giunta l'ora di applicarlo».[5]

La Convenzione di biomedicina, firmata dal Consiglio d'Europa a Oviedo il 20 settembre 1996, all'art. 9 afferma che «Saranno presi in considerazione i desideri espressi in precedenza in merito a un intervento medico da parte di un paziente che, al momento dell'intervento, non è in grado di esprimere la sua volontà». Al paragrafo 62 del rapporto esplicativo di questa convenzione si afferma che tenere presenti i desideri del paziente non significa che essi debbano essere necessariamente eseguiti, perché potrebbero non aver tenuto conto dei progressi scientifici e delle nuove terapie disponibili.


Il Comitato Nazionale per la Bioetica il 18 dicembre 2003 ha approvato il documento: Dichiarazioni anticipate di trattamento.[6] Offre una visione positiva delle dichiarazioni anticipate presentandole come una legittima opportunità di «continuazione del dialogo», sia pure imperfetto, tra medico e paziente. Le dichiarazioni non possono servire a richiedere pratiche che siano contra legem, come tecniche eutanasiche. Il CNB indica due modalità per rendere più «efficaci» e meno astratti i contenuti: redigere le dichiarazioni 1) all'inizio della malattia o nel corso di essa quando si delineano meglio evoluzione e prognosi; 2) con l'assistenza del medico curante. In questo modo viene coinvolta l'integrità morale e la responsabilità deontologica del medico che assiste il suo paziente in questo delicato momento informativo. Le dichiarazioni non hanno carattere giuridico vincolante per il medico, proprio per questo è stata preferita la dizione «dichiarazioni» a «testamento di vita».


Alcuni fondati timori


La meta molto probabile dell'introdurre il testamento biologico o le dichiarazioni anticipate di trattamento è disporre del bene vita, cioè disporre di un bene indisponibile e inalienabile di ogni essere umano. È verosimile che si voglia percorrere una strategia «carciofo»: prima mossa, ti faccio democraticamente scegliere come morire; seconda mossa, determiniamo in astratto quali sono quelle condizioni di vita insostenibili e non degne di essere vissute; terza mossa, alcuni decideranno quale vita è degna di essere vissuta e quale no.


Inoltre, il testamento biologico suppone che la vita sia solo la vita nel suo aspetto biologico. E gli altri aspetti della complessa esistenza umana?


Altro timore è che queste leggi o i vada documenti di fine vita siano interpretati di fatto come un'apertura all'eutanasia passiva o all'abbandono del malato e che poi vengano usati a nostro danno personale, magari per risparmiare costi o liberare un letto.


Infine, alla base di queste proposte del testamento biologico c'è una cultura del sospetto, il sospetto nei confronti del medico, come si stentasse a credere che oggi il medico sia in grado di assumere una decisione che miri al vero bene del paziente.



Conclusioni


Di fronte alle varie iniziative di introdurre più o meno apertamente forme di eutanasia è necessario ricordare che la domanda di morte espressa da un paziente va interpretata e che dietro di essa nella stragrande maggioranza dei casi si cela la domanda di aiuto e di non restare soli. Coloro che propongono la legalizzazione dell'eutanasia sono soliti portare esempi di singoli pazienti la cui decisione di morire sembra consolidata e irreversibile. Ma dobbiamo riconoscere che la situazione della stragrande maggioranza dei malati oncologici e in fin di vita è ben diversa: questi non chiedono di farsi uccidere, chiedono piuttosto di non essere abbandonati né dai parenti, né dagli amici, né dai medici. L'eutanasia si rivela perciò come la risposta sbagliata a un problema realmente drammatico. Esistono delle risposte umanamente eccellenti a questo problema, come le cure palliative, la sedazione del dolore, e l'accompagnamento verso la morte con senso di compassione e con prossimità, valori accettabili anche da chi non crede.


Inoltre, l'eutanasia e il testamento biologico operano almeno due forme di riduzionismo:  riducono la morte a una meccanica prassi burocratica e standardizzano casi clinici, ognuno dei quali ha una sua tipicità del tutto singolare; riducono impercettibilmente il medico da professionista che si obbliga nei confronti del malato a impiegare determinati mezzi al mero operatore che si obbliga a ottenere precisi risultati.


È particolarmente urgente fugare qualsiasi tabù sulla morte e, anzi, riscoprire che il momento finale dell'esistenza è tanto carico di significato quanto la vita che lo ha preceduto. Se l'esistenza è stata qualitativamente alta, il momento della morte sarà altrettanto alto.


Altrettanto urgente è assicurare da un lato la libertà di rifiutare le cure e dall'altro costruire un sistema di garanzie e cautele che non lascino adito a dubbi perché sbagliare in questo campo è un gesto senza rimedio e si chiama omicidio. Non insistere in terapie inutili è una buona e legittima scelta dettata dal buon senso e corrisponde a rifiutare l'accanimento: il medico si assume la responsabilità tipica del professionista di valutare insieme al paziente gli effettivi benefici della cura in quel concreto quadro clinico.


Senza mai cedere alla tentazione di distinguere vite di qualità da vite non più degne di essere vissute, una civiltà umana degna di questo nome si sforzerà, per quanto è attualmente possibile, di garantire una alta qualità di vita anche ai malati che sono oramai giunti alla fine.



Dossier a cura di P. Giorgio Carbone O.P. - Agenzia Fides 7/6/2008; Direttore Luca de Mata

Il precedente Dossier curato da P. Carbone sul tema dell'Eutanasia è stato pubblicato il 26/4/2008.

[1]              FNOMCeO, Codice di Deontologia medica, 1998, art. 14.

[2]              Manni C., 1990.

[3]              European Association for Palliative Care, Statutes, Milano 1998, 5.

[4]              Cf. Mirabel X., Tra rinuncia e accanimento terapeutico, cit., 33-34.

[5]              Mirabel X., Tra rinuncia e accanimento terapeutico, cit., 45.

[6]              Cf. il sito www.governo.it/bioetica/index.html. Per un commento si legga: Bompiani A., Le Dichiarazioni anticipate di trattamento del Comitato Nazionale per la Bioetica: l'ispirazione alla Convenzione sui diritti dell'uomo e la biomedicina, in «Medicina e morale» 2004, 1115-1131.

Questo Dossier è disponibile anche sul sito dell'Agenzia Fides: www.fides.org

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.