Messaggio del Santo Padre ai partecipanti alla XXXI Riunione delle Parti al Protocollo di Montreal (Roma, 4-8 novembre 2019)

Parolin Montreal messaggio Papa alla FAOPubblichiamo di seguito il Messaggio che il Santo Padre Francesco ha inviato ai partecipanti alla XXXI Riunione delle Parti al Protocollo di Montreal, che ha luogo a Roma presso la FAO, dal 4 all’8 novembre 2019, e di cui è stata data lettura oggi, nel corso dei lavori, dal Cardinale Segretario di Stato Pietro Parolin:

Messaggio del Santo Padre

To the Participants in the Thirty-first Meeting

of the Parties to the Montreal Protocol

I offer a cordial greeting to all those taking part in the Thirty-first Meeting of the Parties to the Montreal Protocol on Substances that Deplete the Ozone Layer. This Protocol, together with its Amendments and the Vienna Convention for the Protection of the Ozone Layer, represents a model of international cooperation not only in the area of environmental protection but also that of the promotion of integral human development.

Nearly thirty-five years have passed since the first legally binding international Convention devoted to the protection of the ozone layer was opened for signature in Vienna on 22 March 1985. It was to become the first Convention of the United Nations system to gain universal endorsement on the part of the entire family of nations, which today numbers one hundred and ninety-seven signatory States.

These thirty-five years have yielded positive results. In fact, many scientific studies, including more recent ones, attest to how the thinning of the ozone layer is gradually being reduced.

In this regard, I would like to focus on three lessons that we can learn from the thirty-five years that have passed since the implementation of the international ozone regime.

First, there is a need to emphasize and appreciate how that regime arose from a broad and fruitful cooperation among different sectors: the scientific community, the political world, economic and industrial actors and civil society.

This cooperation has shown how we can “achieve important outcomes, which make it simultaneously possible to safeguard creation, to promote integral human development and to care for the common good, in a spirit of responsible solidarity and with profound positive repercussions for present and future generations”.[1]

In a certain sense, the international ozone regime demonstrates that “we have the freedom needed to limit and direct technology; we can put it at the service of another type of progress, one which is healthier, more human, more social, more integral” (Laudato Si’, 112). This allows us to be confident that “although the post-industrial period may well be remembered as one of the most irresponsible in history, nonetheless there is reason to hope that humanity at the dawn of the twenty-first century will be remembered for having generously shouldered its grave responsibilities” (Laudato Si’, 165).

We are in fact facing a “cultural” challenge either for or against the common good. Here, an honest and fruitful dialogue truly capable of listening to different needs and free of special interests, together with a spirit of solidarity and creativity, are essential for the building of the present and future of our planet.

In the same way, and here is the second lesson I would mention, this cultural challenge cannot be met solely on the basis of a technology that, “presented as the only way of solving these problems, in fact proves incapable of seeing the mysterious network of relations between things and so sometimes solves one problem only to create others” (Laudato Si’, 20).

This was evidenced by the need to adopt, in 2016, a new Amendment to the Montreal Protocol, the Kigali Amendment. That Amendment has the aim of prohibiting substances which, in themselves, do not contribute to damaging the ozone layer, but which affect the warming of the atmosphere and whose use has increased as a means of replacing certain substances harmful to the ozone layer.

It is important that the Kigali Amendment quickly gain universal approval on the part of the whole family of nations, as has happened with the Vienna Convention and the Montreal Protocol.

In this regard, I am pleased to announce the intention of the Holy See to adhere to the Kigali Amendment. With this gesture, the Holy See desires to continue giving its moral support to all those States committed to the care of our common home.

Moving ahead, the third lesson which I would mention is the importance that this care for our common home be anchored in the realization that “everything is connected”.

It can be said that the Kigali Amendment also appeals to this principle, since it represents a sort of bridge between the ozone problem and the phenomenon of global warming, thus highlighting their interaction.

Careful consideration of the various interconnections of our decisions and their resulting impact involves numerous levels of complexity. We are living at an historic moment marked by challenges that are pressing yet stimulating for the creation of a culture effectively directed to the common good. This calls for the adoption of a farsighted vision on how most effectively to promote integral development for all the members of the human family, whether near or far in space or time. This vision must take shape in centres of education and culture where awareness is created, where individuals are trained in political, scientific and economic responsibility, and, more generally, where responsible decisions are made.

The continued acceleration of changes affecting humanity and our planet, coupled today with a more intense pace of life and work, should constantly urge us to ask whether the goals of this progress are truly directed to the common good and to a sustainable and integral human development, or whether they cause harm to our world and to the quality of life of much of humanity, now and in the future (Laudato Si’, 18).

A thoughtful response to this question can only be given in the light of a consideration of the three points on which I have focused. First, to give real life to dialogue for the sake of shared responsibility for the care of our common home, one in which no one “absolutizes” his or her own point of view. Then, to make technological solutions part of a broader vision that takes into consideration the variety of existing relationships. Finally, to structure our decisions on the basis of the central concept of what we can call “integral ecology”, grounded in the realization that “everything is connected”.

I express my prayerful hope that the international ozone regime, as well as other praiseworthy initiatives of the global community on care for our common home, can continue on this complex, challenging, but always stimulating path.

From the Vatican, 7 November 2019

FRANCIS

______________________

[1] Statement, attached to the instrument of adhesion on the part of the Holy See to the Vienna Convention for the Protection of the Ozone Layer, of the Montreal Protocol on Substances that Deplete the Ozone Layer and its first four Amendments, 9 April 2008.

© http://press.vatican.va/content/salastampa/it/bollettino.html 7 novembre 2019


 

Gli obiettivi del progresso tecnologico devono essere orientati «al bene comune e a uno sviluppo umano sostenibile e integrale».
Lo ricorda il Papa nel messaggio inviato ai partecipanti alla trentunesima Riunione delle parti al Protocollo di Montreal, che ha luogo a Roma, presso la Fao, dal 4 all’8 novembre. Pubblichiamo in una traduzione italiana il testo in inglese che è stato letto dal cardinale Segretario di stato Pietro Parolin nel corso dei lavori di giovedì 7.

Ai Partecipanti alla Trentunesima Riunione delle Parti al Protocollo di Montreal
Porgo un cordiale saluto a tutti coloro che prendono parte alla Tr e n t u nesima Riunione delle Parti al Protocollo di Montreal sulle Sostanze che Impoveriscono lo Strato di Ozono . Questo Protocollo, insieme ai suoi Emendamenti e alla Convenzione di Vienna per la Protezione dello Strato di Ozono, rappresenta un modello di cooperazione internazionale non solo nell’ambito della protezione ambientale ma anche in quello della promozione dello sviluppo umano integrale. Sono trascorsi quasi trentacinque anni da quando la prima Convenzione internazionale legalmente vincolante dedicata alla protezione dello strato di ozono è stata aperta alla firma a Vienna il 22 marzo 1985. Sarebbe diventata la prima Convenzione del sistema delle Nazioni Unite a ottenere l’avallo universale da parte dell’intera famiglia delle nazioni, che oggi conta centonovantasette Stati firmatari. Questi trentacinque anni hanno prodotto risultati positivi. Di fatto, molti studi scientifici, compresi quelli più recenti, attestano come l’assottigliamento dello strato di ozono si stia gradatamente riducendo. A tale riguardo, vorrei concentrarmi su tre lezioni che possiamo trarre dai trentacinque anni trascorsi dall’attuazione del regime internazionale per l’ozono. Anzitutto bisogna evidenziare e riconoscere come tale regime sia nato da un’ampia e feconda cooperazione tra settori differenti: la comunità scientifica, il mondo politico, gli attori economici e industriali nonché la società civile. Questa cooperazione ha mostrato come possiamo «ottenere importanti risultati, che al contempo rendono possibile salvaguardare il creato, promuovere lo sviluppo umano integrale e prendersi cura del bene comune, in uno spirito di solidarietà responsabile e con profonde ripercussioni positive per le generazioni presenti e future» (Dichiarazione, allegata allo strumento di adesione da parte della Santa Sede alla Convenzione di Vienna per la Protezione dello Strato di Ozono, al Protocollo di Montreal sulle Sostanze che Impoveriscono lo Strato di Ozono e ai suoi primi quattro Emendamenti, 9 aprile 2008). In un certo senso, il regime internazionale per l’ozono dimostra che «la libertà umana è capace di limitare la tecnica, di orientarla, e di metterla al servizio di un altro tipo di progresso, più sano, più umano, più sociale e più integrale» ( Laudato si’ , n. 112). Questo ci consente di essere fiduciosi che, sebbene «l’umanità del periodo post-industriale sarà forse ricordata come una delle più irresponsabili della storia, c’è da augurarsi che l’umanità degli inizi del XXI secolo possa essere ricordata per aver assunto con generosità le proprie gravi responsabilità» ( Laudato si’ , n. 165). Di fatto stiamo affrontando una sfida “culturale” o pro o contro il bene comune. Qui, un dialogo onesto e fecondo davvero capace di ascoltare i diversi bisogni e libero da interessi particolari, insieme a uno spirito di solidarietà e di creatività, sono essenziali per la costruzione del presente e del futuro del nostro pianeta. Allo stesso modo, ed è questa la seconda lezione che vorrei menzionare, tale sfida culturale non può essere affrontata solo sulla base di una tecnologia che, pretendendo «di essere l’unica soluzione dei problemi, di fatto non è in grado di vedere il mistero delle molteplici relazioni che esistono tra le cose, e per questo a volte risolve un problema creandone altri» ( Laudato si’ , n. 20). Ciò è stato evidenziato dalla necessità di adottare, nel 2016, un nuovo Emendamento al Protocollo di Montreal, l’Emendamento di Kigali. Questo Emendamento è teso a proibire sostanze che di per sé non contribuiscono a danneggiare lo strato di ozono ma che incidono sul riscaldamento dell’atmosfera, e il cui utilizzo è aumentato come mezzo per sostituire alcune sostanze dannose per lo strato di ozono. È importante che l’Emendamento di Kigali ottenga presto l’a p p ro v a zione universale da parte dell’intera famiglia delle nazioni, come è avvenuto con la Convenzione di Vienna e il Protocollo di Montreal. A tale proposito, sono lieto di annunciare l’intenzione della Santa Sede di aderire all’Emendamento di Kigali. Con tale gesto la Santa Sede desidera continuare a dare il suo sostegno morale a tutti gli Stati impegnati a prendersi cura della nostra casa comune. Proseguendo, la terza lezione che vorrei menzionare è l’imp ortanza del fatto che questa cura per la nostra casa comune sia ancorata alla consapevolezza che “tutto è connesso”. Si può dire che anche l’Emendamento di Kigali si appelli a tale principio, poiché rappresenta una sorta di ponte tra il problema dell’ozono e il fenomeno del riscaldamento globale, mettendo così in evidenza la loro interazione. L’attenta analisi delle diverse interconnessioni delle nostre decisioni e dell’impatto che ne risulta implica diversi livelli di complessità. Stiamo vivendo in un momento storico caratterizzato da sfide pressanti, ma anche stimolanti per creare una cultura di fatto orientata al bene comune. Ciò richiede l’adozione di una visione lungimirante su come promuovere nella maniera più efficace lo sviluppo integrale per tutti i membri della famiglia umana, siano essi vicini o lontani nello spazio o nel tempo. Questa visione deve prendere forma in centri di educazione e cultura dove viene creata consapevolezza, dove gli individui vengono formati alla responsabilità politica, scientifica ed economica e, più in generale, dove vengono prese decisioni responsabili. L’accelerazione continua di cambiamenti che incidono sull’umanità e sul nostro pianeta, a cui oggi si aggiunge un ritmo di vita e di lavoro più intenso, dovrebbe esortarci costantemente a domandare se gli obiettivi di tale progresso sono davvero volti al bene comune e a uno sviluppo umano sostenibile e integrale o se recano danno al nostro mondo e alla qualità di vita di gran parte dell’umanità, ora e in futuro (cfr. Laudato si’ , n. 18). Una risposta ponderata a questa domanda può essere data solo alla luce di una riflessione sui tre punti sui quali mi sono focalizzato. Anzitutto, dare vita vera al dialogo per il bene della responsabilità condivisa per la nostra casa comune, dialogo in cui nessuno “assolutizzi” il proprio punto di vista. Poi, rendere le soluzioni tecnologiche parte di una visione più ampia che tenga conto della varietà delle relazioni esistenti. Infine, strutturare le nostre decisioni sulla base del concetto centrale di quella che possiamo definire “ecologia integrale”, fondata sulla consapevolezza che “tutto è connesso”. Esprimo la mia orante speranza che il regime internazionale per l’ozono, e anche altre lodevoli iniziative della comunità globale per la cura della nostra casa comune, possano continuare su questo cammino complesso, impegnativo, ma sempre stimolante.

Dal Vaticano, 7 novembre 2019

FRANCESCO

© Osservatore Romano - 8 novembre 2019