Messaggio del Santo Padre ai partecipanti al Forum di “European House – Ambrosetti”

etica ed economia thumb10096Pubblichiamo di seguito il Messaggio che il Santo Padre Francesco ha inviato ai partecipanti al Forum di “European House – Ambrosetti” (Villa d’Este, Cernobbio, 4-5 settembre 2020):

Messaggio del Santo Padre

Ladies and Gentlemen,

I offer a warm greeting to all those taking part in the Forum of The European House-Ambrosetti. Your discussions this year deal with significant issues involving society, the economy and innovation: issues that call for extraordinary efforts to meet the challenges created or aggravated by the present medical, economic and social emergency.

The experience of the pandemic has taught us that none of us is saved alone. We have experienced at first hand the vulnerability of the human condition that is ours and that makes us one family. We have come to see more clearly that each of our personal choices affects the lives of our neighbours, those next door and those in distant parts of the world. The turn of events has forced us to recognize that we belong to one another, as brothers and sisters dwelling in a common home. Having failed to show solidarity in wealth and in the sharing of resources, we have learned to experience solidarity in suffering.

Culturally, this time of trial has taught us a number of lessons. It has shown us the greatness of science, but also its limits. It has called into question the scale of values that sets money and power over all else. By forcing us to stay at home together, parents and children, young and old, it has once again made us aware of the joys and difficulties involved in our relationships. It has made us refrain from the superfluous and concentrate on the essential. It has toppled the shaky pillars that supported a certain model of development. In the face of a future that appears uncertain and full of challenges, especially on the social and economic level, we have been moved to spend this time discerning what is lasting from what is fleeting, what is necessary from what is not.

In this situation, economics – oeconomia in its deepest human meaning as the governance of our earthly home – takes on even greater importance, due to its close connection with the concrete life situations of individual men and women. Economics ought to become the expression of a care and concern that does not exclude but seeks to include, that does not demean but seeks to uplift and give life. A care and concern that refuses to sacrifice human dignity to the idols of finance, that does not give rise to violence and inequality, and that uses financial resources not to dominate but to serve (cf. Evangelii Gaudium, 53-60). For genuine profit comes from treasures accessible to all. “That which I truly own is what I can offer to others” (cf. General Audience, 7 November 2018).

In this tragedy, that humanity as a whole continues to experience, science and technology have, of themselves, proved insufficient. What has proved decisive instead is the outpouring of generosity and courage shown by so many persons. This should spur us to move beyond the technocratic paradigm, understood as a sole or dominant way to deal with problems. That paradigm, born of a mindset that sought mastery over the natural world, was based on the erroneous presupposition that “an infinite quantity of energy and resources are available, that it is possible to renew them quickly, and that the negative effects of the exploitation of the natural order can be easily absorbed” (Cf. PONTIFICAL COUNCIL FOR JUSTICE AND PEACE, Compendium of the Social Doctrine of the Church, 463; cf. Laudato Si’, 106). Where nature and, even more, persons are involved, another way of thinking is needed, one that can broaden our gaze and guide technology towards the service of a different model of development, more healthy, more human, more social and more integral.

The present is a time for discernment in light of the principles of ethics and the common good, for the sake of the recovery desired by all. Saint Ignatius of Loyola, the founder of the Society of Jesus, frequently employs the term “discernment” in his writings, drawing from the great sapiential tradition of the Bible and, above all, the teaching of Jesus of Nazareth. Christ urged all who heard him, and ourselves today, not to stop at externals, but to discern sagely the signs of the times. To do so, two things are demanded, conversion and creativity.

We need to experience an ecological conversion, in order to slow down our inhuman pace of consumption and production, and to learn once more how to understand and contemplate nature. To reconnect with the world around us. To work for an ecological retooling of our economy, without yielding to the pressures of time and of human and technological processes, but rather by returning to relationships that are experienced, not consumed.

We are also called to be creative, like artisans, devising fresh new ways to pursue the common good. That creativity can only come from openness to the breath of the Spirit, who inspires us to attempt new, timely and indeed bold decisions, as men and women capable of shaping that integral human development to which we all aspire. The creativity of a love that can restore meaning to the present, in order to open it to a better future.

This conversion and creativity necessarily imply training and encouraging the next generation of economists and entrepreneurs. For this reason, I have invited them to meet from 19 to 21 November next in Assisi, the town of the young Saint Francis, who stripped himself of everything “in order to choose God as the compass of his life, becoming poor with the poor, a brother to all. His decision to embrace poverty also gave rise to a vision of economics that remains most timely” (Letter for the Event “Economy of Francesco”, addressed to young economists and entrepreneurs worldwide, 1 May 2019). It is important to invest in the young people who will be the protagonists of tomorrow’s economy, to train men and women prepared to put themselves at the service of the community and the creation of a culture of encounter. Today’s economy, and the young and the poor of our world, have need, above all, of your humanity and your respectful and humble fraternity, and only then of your money (cf. Laudato Si’, 129; Address to Participants in the Meeting “Economy of Communion”, 4 February 2017).

The work of your Forum also foresees the development of an agenda for Europe. Seventy years have passed since the Schuman Declaration of 9 May 1950, which paved the way for today’s European Union. Now, more than ever, Europe is called to show leadership in a creative effort to emerge from the straits of the technocratic paradigm as applied to politics and the economy. This creative effort must be one of solidarity, the sole antidote to the virus of selfishness, a virus far more potent than Covid-19. Back then, the concern was for solidarity in production; today, solidarity must extend to a more precious good: the human person. The human person must take its rightful place at the heart of our educational, healthcare, social and economic policies. Persons must be welcomed, protected, accompanied and integrated when they come knocking on our doors, seeking a future of hope.

Your reflections will also concentrate on the city of the future. It is not by chance that, in the Bible, the destiny of all humanity finds fulfillment in a City, the heavenly Jerusalem described by the Book of Revelation (Chapters 21-22). As its name indicates, it is a city of peace, whose gates are always open to all peoples; a city built for people, beautiful and resplendent: a city of abundant fountains and trees; a welcoming city where sickness and death are no more. This lofty vision can mobilize the best energies of mankind for the building of a better world. I ask you not to lower your gaze, but to pursue high ideals and great aspirations.

It is my hope that these days of reflection and discussion will prove fruitful, that they will contribute to our common journey by providing guidance amid the din of so many voices and messages, and will be concerned that no one be lost along the way. I urge you to strive to develop new understandings of the economy and progress, to combat every form of marginalization, to propose new styles of life and to give a voice to those who have none.

I conclude by offering you my prayerful good wishes in the words of the Psalmist: “May the favour of the Lord our God be upon us, and prosper the work of our hands. Prosper the work of our hands!” (Ps 90:17).

Rome, Saint John Lateran, 27 August 2020

FRANCIS

Traduzione in lingua italiana

Gentili Signori e Signore!

Saluto con amicizia tutti voi partecipanti al Forum della European House – Ambrosetti. Quest’anno il confronto su temi importanti relativi alla società, all’economia e all’innovazione richiede un impegno straordinario, per rispondere alle sfide provocate o rese più acute dall’emergenza sanitaria, economica e sociale.

Dall’esperienza della pandemia tutti stiamo imparando che nessuno si salva da solo. Abbiamo toccato con mano la fragilità che ci segna e ci accomuna. Abbiamo compreso meglio che ogni scelta personale ricade sulla vita del prossimo, di chi ci sta accanto ma anche di chi, fisicamente, sta dall’altra parte del mondo. Siamo stati costretti dagli eventi a guardare in faccia la nostra reciproca appartenenza, il nostro essere fratelli in una casa comune. Non essendo stati capaci di diventare solidali nel bene e nella condivisione delle risorse, abbiamo vissuto la solidarietà della sofferenza.

A livello culturale generale, tanto altro ha insegnato questa prova. Ci ha, infatti, mostrato la grandezza della scienza ma anche i suoi limiti; ha messo in crisi la scala di valori che pone al vertice il denaro e il potere; ha riproposto – con lo stare a casa insieme, genitori e figli, giovani e anziani – fatiche e gioie delle relazioni; ha costretto a fare a meno del superfluo e andare all’essenziale. Ha abbattuto le fragili motivazioni che sostenevano un certo modello di sviluppo. Di fronte a un futuro che appare incerto e difficile, soprattutto a livello sociale ed economico, siamo invitati a vivere il presente discernendo ciò che rimane da ciò che passa, ciò che è necessario da ciò che non lo è.

In questa situazione l’economia, nel suo senso umanistico di “legge della casa del mondo”, è un campo privilegiato per il suo stretto legame con le situazioni reali e concrete di ogni uomo e di ogni donna. Essa può diventare espressione di “cura”, che non esclude ma include, non mortifica ma vivifica, non sacrifica la dignità dell’uomo agli idoli della finanza, non genera violenza e disuguaglianza, non usa il denaro per dominare ma per servire (cfr Esort. ap. Evangelii gaudium, 53-60). L’autentico profitto, infatti, consiste in una ricchezza a cui tutti possano accedere. «Ciò che possiedo veramente è ciò che so donare» (cfr Udienza generale 7 novembre 2018).

Nella tragedia, che ancora attanaglia l’umanità intera, non sono bastate neppure la scienza e la tecnica. L’elemento decisivo è stato il surplus di generosità e di coraggio, messo in atto da tante persone. Questo spinge ad uscire dal paradigma tecnocratico, inteso come unico o prevalente approccio ai problemi. Paradigma improntato alla logica del dominio sulle cose, nel falso presupposto che «esiste una quantità illimitata di energia e di mezzi utilizzabili, che la loro immediata rigenerazione è possibile e che gli effetti negativi delle manipolazioni della natura possono essere facilmente assorbiti» (Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace, Compendio della Dottrina Sociale della Chiesa, 462; cfr Enc. Laudato si’, 106). Nei confronti sia della natura sia, a maggior ragione, delle persone, è necessario un cambiamento di mentalità che allarghi lo sguardo e orienti la tecnica, mettendola al servizio di un altro tipo di modello di sviluppo, più sano, più umano, più sociale e più integrale.

È tempo di un discernimento, alla luce dei principi dell’etica e del bene comune, in ordine alla ripartenza che tutti desideriamo. Sant’Ignazio di Loyola, il fondatore della Compagnia di Gesù, fa uso frequente di tale termine nei suoi scritti, ispirandosi alla grande tradizione biblica sapienziale e, soprattutto, alle parole di Gesù di Nazaret. Cristo invitava i suoi ascoltatori, e oggi tutti noi, a non fermarsi all’aspetto esterno dei fenomeni, ma a discernere saggiamente i segni dei tempi. A tal fine, due sono le componenti da considerare: la conversione e la creatività.

Da un lato, si tratta di vivere una conversione ecologica, per poter rallentare un ritmo disumano di consumo e di produzione, per imparare a comprendere e a contemplare la natura, a riconnetterci con il nostro ambiente reale. Puntare a una riconversione ecologica della nostra economia, senza cedere all’accelerazione del tempo, dei processi umani e tecnologici, ma tornando a relazioni vissute e non consumate.

D’altro lato, siamo chiamati a essere creativi, come gli artigiani, forgiando percorsi nuovi e originali per il bene comune. E si può essere creativi solo se capaci di accogliere il soffio dello Spirito, che spinge a osare scelte mature e nuove, spesso audaci, facendoci uomini e donne interpreti di uno sviluppo umano integrale a cui tutti aspiriamo. È la creatività dell’amore a poter ridare senso al presente per aprirlo a un futuro migliore.

Per questa conversione e questa creatività è indispensabile formare e sostenere le nuove generazioni di economisti e imprenditori. Per questo li ho invitati, dal 19 al 21 novembre prossimo, nella Assisi del giovane Francesco che, spogliatosi di tutto «per scegliere Dio come stella polare della sua vita, si è fatto povero con i poveri e fratello universale. Dalla sua scelta di povertà scaturì anche una visione dell’economia che resta attualissima» (Lettera per l’evento “Economy of Francesco”, Ai giovani economisti, imprenditori e imprenditrici di tutto il mondo, 1 maggio 2019). È importante investire sulle nuove generazioni protagoniste dell’economia di domani, formare persone disponibili a mettersi al servizio della comunità, della cultura dell’incontro. L’economia di oggi, i giovani, i poveri, hanno bisogno prima di tutto della vostra umanità, della vostra fraternità rispettosa e umile, e solo dopo del vostro denaro (cfr Enc. Laudato si’, 129; Discorso ai partecipanti all’incontro “Economia di Comunione”, 4 febbraio 2017).

Nel vostro Forum è messa in cantiere anche l’organizzazione di un’agenda per l’Europa. Sono passati settant’anni dalla dichiarazione Schuman, del 9 maggio 1950, che istituiva la forma embrionale dell’Unione Europea. Oggi più che mai l’Europa è chiamata ad essere protagonista in questo sforzo creativo per uscire dalle strettoie del paradigma tecnocratico, esteso alla politica e all’economia. Questo sforzo creativo è quello della solidarietà, l’unico antidoto contro il virus dell’egoismo, ben più potente del Covid-19. Se allora si prospettava una solidarietà nella produzione, oggi questa solidarietà va estesa al bene più prezioso: la persona umana. Essa va messa al posto che le spetta, cioè al centro dell’educazione, della sanità, delle politiche sociali ed economiche. Essa va accolta, protetta, accompagnata e integrata quando, in cerca di un futuro di speranza, bussa alle nostre porte.

La città del futuro sarà anche al centro delle vostre riflessioni. Non è un caso se, nella Bibbia, il destino dell’umanità trova il suo compimento in una città, la Gerusalemme celeste descritta dal libro dell’Apocalisse (cc. 21-22). Una città di pace, come indica il suo nome, le cui porte sono sempre aperte a tutti i popoli; città a misura d’uomo, bella e splendente; città dalle molteplici sorgenti e alberi; città accogliente, dove malattia e morte sono sconfitte. Questa meta altissima può mobilitare le migliori energie dell’umanità nella costruzione di un mondo migliore. Vi invito, quindi, ad alzare lo sguardo e ad avere ideali alti e grandi aspirazioni.

Auspico che queste vostre giornate di confronto siano feconde: che aiutino a camminare insieme, orientandosi nella confusione delle voci e dei messaggi e facendo attenzione che nessuno si perda. Vi incoraggio a dare ulteriore slancio nel costruire modalità nuove di intendere l’economia e il progresso, combattendo ogni emarginazione, proponendo nuovi stili di vita, dando voce a chi non ne ha.

Concludo con un augurio che esprimo attraverso le parole di un Salmo biblico: «Sia su di noi la dolcezza del Signore, nostro Dio: rendi salda per noi l’opera delle nostre mani, l’opera delle nostre mani rendi salda» (90, 17).

Roma, San Giovanni in Laterano, 27 agosto 2020

FRANCESCO

© Osservatore Romano - 4 settembre 2020


XXV Domenica del Tempo Ordinario

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.