Giochi di potere

papa francesco udienza generale 3Quando si perde la dimensione del servizio «il potere si trasforma in arroganza», diventando «dominio e sopraffazione» per alimentare i «giochi sporchi fatti dagli esseri umani». Mettendo in guardia da questa logica perversa Papa Francesco ha parlato del rapporto tra misericordia e potere all’udienza generale di mercoledì 24 in piazza San Pietro.
Proseguendo nelle riflessioni dedicate all’anno giubilare, il Pontefice ha preso spunto dal brano tratto dal primo libro dei Re (21, 1b-4a), evidenziando come nella Bibbia in vari passi si parli «dei potenti, degli uomini che stanno “in alto” e dei loro soprusi», per far capire che «la ricchezza e il potere possono essere utili» se messi «al servizio dei poveri e di tutti, con giustizia e carità». Mentre se, «come spesso avviene, vengono vissuti come privilegio, con egoismo e prepotenza, si trasformano in strumenti di corruzione e morte». Ed è ciò che accade nell’episodio della vigna di Nabot, che il re d’Israele, Acab, vuole comprare, reagendo al rifiuto del proprietario «con amarezza e sdegno». Al punto che la moglie Gezabele «decide di intervenire» e di eliminare Nabot servendosi «delle apparenze menzognere di una legalità perversa ». Ecco allora la considerazione di Papa Francesco: «Questa è anche storia d’oggi, dei potenti che per avere più soldi sfruttano i poveri, sfruttano la gente. È la storia della tratta delle persone, del lavoro schiavo, della povera gente che lavora in nero e con il salario minimo per arricchire i potenti. È la storia dei politici corrotti». E in proposito ha consigliato di leggere durante la Quaresima il piccolo libro di sant’Ambrogio intitolato proprio Nabot. Del resto, ha aggiunto, «l’e s e rc i z i o di un’autorità senza rispetto, giustizia e misericordia », porta a quella «cupidigia che vuole possedere tutto». Però — e ciò vale soprattutto per l’anno santo — «Dio è più grande della malvagità e nella sua misericordia invia il profeta Elia per aiutare Acab a convertirsi. E il re capisce e chiede perdono. Che bello sarebbe — ha auspicato — se i potenti sfruttatori di oggi facessero lo stesso». Anche in questo caso, dunque, «la misericordia mostra la via maestra»: essa — ha concluso Papa Francesco — «può guarire le ferite e può cambiare la storia» perché «è più forte del peccato degli uomini».

© Osservatore Romano - 25 febbraio 2016

Udienza generale 24 febbraio 2016


Share this post

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.

Build and Design
by Paul Freeman sDg

partner di
Novae Terrae
www.novaeterrae.eu